Questo sito contribuisce alla audience di Agrodolce.it
Polipetti Affogati - Ricetta Polipetti Affogati

I Polipetti affogati, detti secondo la Ricetta originale napoletana: "Purptiell affugat", sono semplicemente Moscardini al sugo, lasciati cuocere, ossia "affogare", nel sugo di pomodoro. Parliamo di un piatto a base di pesce, che come tradizione comanda, trovate in tutti i menu dei ristoranti della bella Napoli. Si preparano tutto l'anno, ma in particolare per le feste di Natale, come secondo piatto, in alternativa alla classica Orata al cartoccio o Branzino al sale, perfetti anche come antipasto, magari serviti in monoporzioni, accompagnati da golosi crostini. Il gusto è unico: il sapore dei moscardini freschi, viene esaltato dalla salsa leggermente piccantina e profumata al prezzemolo. Pochissimi ingredienti di ottima qualità e una buona cottura sono i segreti per preparare in casa Polipetti affogati buonissimi, succosi e saporiti come al ristorante. La metodica di cottura è molto simile a quella già indicata per il Polpo all'insalata: in questo caso i polipetti, dopo una prima cottura a fuoco lentissimo, ultimeranno la cottura in pentola spenta, ancora calda, "affogandosi" nel sugo in maniera lenta e graduale, in questo modo non perderanno il tono, il nervo, la lucidità, la pelle, i tentacoli e le ventose, rischio che si corre se si lasciassero i polipetti affogati sul fuoco per ore. Le bolliture prolungate (anche se a fuoco lento) tendono a macerare le carni dei polipetti, facendoli risultare troppo molli, spellati e senza tentacoli. Di seguito tutti i consigli passo passo per realizzare Polipetti affogati al sugo, buoni come al ristorante, cucinati secondo la Ricetta originale napoletana.

TEMPI DI PREPARAZIONE
PreparazioneCotturaTotale
Ingredienti
Quantità per Per 3 - 4 persone a seconda se si serve come secondo piatto o antipasto

Per i Polipetti affogati:

  • 750 gr di moscardini bianchi da 150 gr ciascuno
  • 650 gr di pomodori pelati qualità San Marzano (il peso dei pomodori è 100 gr in meno rispetto al peso totale dei polipetti)
  • 3 spicchi d'aglio
  • 3 peperoncini piccanti
  • 1 tazzina di vino bianco secco
  • 6 cucchiai di prezzemolo fresco + qualche ciuffo per decorare
  • 6 cucchiai di olio evo
  • sale

Per decorare

  • 6 fettine di pane
  • 2 cucchiai di olio extravergine
  • 2 spicchi d'aglio
  • peperoncino piccante q.b (facoltativo)
  • qualche fogliolina di prezzemolo
Procedimento:

Come fare i Polipetti affogati

Consigli sulla scelta dei Moscardini:

I Moscardini bianchi li riconoscete dagli 8 tentacoli con 1 sola fila di ventose, che si differenziano appunto dal polpo verace di scoglio, di stazza più grande che ha 2 file di ventose su ogni tentacolo.

Il pesce fresco lo riconoscete dal colore bianco - bluastro vivace e non giallino, lo riconoscete inoltre dall'odore di mare intenso che non puzza. Affidatevi alla vostra pescheria di fiducia.

E' importante che i moscardini che andiate ad acquistare abbiano tutti lo stesso peso, circa 150 gr ciascuno, in modo cuociano tutti in maniera uniforme.

150 gr è la stazza perfetta per ottenere dei Polipetti affogati come quelli che mangiate al ristorante. Tenete conto che i Polipetti in fase di cottura si restringeranno quasi alla metà, rispetto alla loro dimensione originale, quindi attenzione, se comprate polipetti troppo piccoli, rischiate di non trovarvi con tempi di cottura, ma sopratutto di ottenere un piatto leggermente diverso, polipetti eccessivamente piccoli.

Pulite i Polipetti eliminando l'osso centrale, gli occhietti e  le interiora che si trovano nella parte della testa.Io confesso che questa operazione la delego alla pescheria:

Moscardini bianchi - Ricetta Polipetti Affogati

Servitevi di un tegame capiente, ponete a soffriggere l'olio, gli spicchi d'aglio sbucciati e leggermente schiacciati e i peperoncini:

Soffriggere aglio,olio e peperoncino  - Ricetta Polipetti Affogati

Lasciate soffriggere fino a leggera doratura. Aggiungete quindi i vostri polipetti al soffritto, lasciate insaporire per circa 1' a fiamma moderata girando di continuo:

Soffrigere i Polipetti - Ricetta Polipetti Affogati

I Polipetti si rapprenderanno immediatamente, tendendo subito a tirare fuori la loro acqua, girate, in questa fase il fuoco va tenuto alto- moderato, in modo che in pentola si riprenda il bollo.

Quando i polipetti avranno ripreso bollore, 1' circa, sfumate con il vino bianco. Girate costantemente. Dopo ancora 1' circa, aggiungete i pomodori pelati e metà del prezzemolo tritato:Aggiungere i pomodori pelati - Ricetta Polipetti Affogati

Girate in modo da distribuire il prezzemolo in pentola e girate i polipetti, facendo in modo che le teste (la parte più dura) vadano verso il fondo della pentola e i tentacoli affiorino verso l'alto. In questo caso non si rischiano bruciature. Abbassate il fuoco, fiamma bassissima attenzione!

Coprite con un coperchio e lasciate cuocere 30'. Verso metà cottura, alzate il coperchio e girate, controllate i polipetti che devono aver mantenuto nervo,  lucità e i tentacoli devo guardare verso l'alto.

Trascorsi 30'di cottura a fuoco lentissimo, spegnete il fuoco, lasciate il coperchio sulla pentola e lasciate ancora cuocere i vostri polipetti lasciandoli affogare nel sugo lentamente per ancora 25' -30'.

Se avete scelto polipetti da 150 gr vi troverete perfettamente con i tempi di cottura, se  il peso varia, potrebbero essere necessari minuti in più o in meno.

Al termine dei tempi indicati i polipetti saranno perfettamente cotti e morbidi sotto i rebbi della forchetta, ma avranno mantenuto anche lucità, nervo, tentacoli e ventose completamente intatte.

Aggiungete in pentola l'altra metà del prezzemolo e il sale:

Aggiungere prezzemolo e sale - Ricetta Polipetti Affogati

Girate bene e tirate fuori i polipetti affogati dal sugo:

Polipetti cotti - Ricetta Polipetti Affogati

Poneteli in un piatto e lasciateli da parte a temperatura ambiente.

Come potete vedere dalla foto i polipetti affogati risultano perfetti e perfettamente integri.

Il sugo di cottura è ancora molto lento e liquido:

La salsa di cottura dei polipetti appena cotti- Ricetta Polipetti Affogati

A questo punto eliminate dal sugo gli spicchi d'aglio e i peperoncini e lasciate asciugare sul fuoco per circa 15' a fiamma moderata. E' importante che il sugo non si restringa troppo, ma che appaia corposo e avvolgente:

La salsa ristretta dopo la seconda cottura - Ricetta Polipetti Affogati

Verificate se il sugo necessiti di altro sale, coprite con un coperchio e lasciate da parte.

Se gradite, preparate i crostini per accompagnare i vostri Polipetti affogati.

Affettate il pane e tostatelo su una griglia per qualche minuto. Strofinate la superficie dei crostini con dell'aglio fresco.

Ripassate in padella i crostini con l' olio cosparso in superficie e peperoncino(se lo gradite) . Infine aggiungete qualche fogliolina di prezzemolo tritato.

Crostini per accompagnare i Polipetti Affogati - Ricetta Polipetti Affogati

Poco prima di servire, scaldate bene il sugo, spegnete la fiamma e immergete i vostri polipetti, lasciate scaldare a fuoco spento in pentola con coperchio per qualche minuto.

Controllate che i Polipetti siano ben caldi prima di servirli.

Servite i vostri Polipetti affogati in monoporzioni accompagnate dai crostini appena realizzati oppure in un unico piatto da portata e crostini a parte.

Polipetti Affogati - Ricetta Polipetti Affogati


Ricetta e fotografie di

Piaciuta la Ricetta? Resta aggiornato!

Iscriviti al blog e riceverai le prossime ricette gratis nella tua mail.

28 commenti

  1. Claudia 8 dicembre, 2014 - 10:37 Rispondi

    Che spettacolo Simo… noi la facciamo con i moscardini… è una vera bontà!!!! Ma con i polipetti non è niente male.. anzi! chiama scarpetta.. bacioni e buona Immacolata :-)

  2. vicaincucina 8 dicembre, 2014 - 11:49 Rispondi

    Eccola! La ricetta dei polipetti affogati come Dio comanda!!!!!!!!!! Non sapevo fosse un piatto tipico natalizio napoletano, beati loro, è un secondo di pesce così stuzzicante! Peccato che nel cerchio familiare dove vico e dove festeggio ogni anno le feste non tutti amano il piccante, che poi: “che polipetti sarebbero senza tutto quel peperoncino??!! Neaaa!” Sei stata fantastica a descrivere passo passo tutto il procedimento, anche la scelta del pesce.. ;-) Lo sai che se prima o poi fai un libro, sarà il primo libro VERAMENTE con qualcosa da insegnare, hai tutti gli appunti necessari per una che ha mille dubbi. Chiunque può cucinare con i tuoi appunti, sei fantastica!!!!!!!

  3. Michela Menta e Rosmarino 8 dicembre, 2014 - 13:22 Rispondi

    Le tue fotografie bucano lo schermo e sono la mia consolazione e a questa triste giornata di festa che trascorro purtroppo in treno.
    Sai che ho origoni partenopee e sentirti nominare i piatti della tradizione mi fa sentire a casa.
    Sono questi i piatti che amo davvero: quelli composti di pochi ingredienti.
    Sto immaginando il sapore inte so di questo sugo e mi aumenta la salivazione.
    I polipetti sono bellissimi.
    Simona, sei un’artista: io tconsidero tale!
    Sono fiera di avere il privilegio di leggeri.
    Ti abbraccio e buon inizio di festività <3
    Tvtb :*

  4. Gabila Gerardi 8 dicembre, 2014 - 14:39 Rispondi

    Cottura impeccabile……adoro il pesce, credo che potrei vivere solo di questo se non costasse molto e se mio marito riuscisse a portarmene un pò di più a casa! La mia tendenza è quella di preferire il polpo bollito perchè adoro il suo sapore intenso di mare….poi arriva l’ insalata dove adoro tuffarlo nell’ aceto e nel prezzemolo battuto con l’ aglio….meraviglioso. Francamente questo piatto mi piace da morire perchè amo il pomodoro, il sughetto raccolto con il pane non ha prezzo…..quindi amica, alla prossima pescata la tua ricetta sarà la prima che proverò perchè tu sei un’ istituzione per me…ma questo non c’è bisogno che io te lo dica! Grazie per tutto il resto…<3

  5. Audrey 8 dicembre, 2014 - 15:21 Rispondi

    questa ricetta è speciale…il mio fidanzato impazzirebbe.
    Tesoro, la foto sono talmente belle che vine voglia di prenderne uno dallo schermo del pc per mangiarle ;)
    un abbraccione dolce amica :*** <3 <3

  6. Anna Rita 8 dicembre, 2014 - 17:34 Rispondi

    Li adoro! Praticamente ne mangio talmente tanti, che poi mi sazio e non mangio nulla più!! Un piatto che fa della nostra cultura culinaria, unica ed inconfondibile! Bravissima Simo!
    Un bacione e buona immacolata :*

  7. Valentina 8 dicembre, 2014 - 19:39 Rispondi

    Simo… sei una maga… una spiegazione chiarissima che invoglia a provarci subito… Come ti dicevo stamattina, è uno dei miei piatti preferiti ma non sono tanto brava a prepararlo. Seguirò i tuoi consigli per la cottura, ti farò sapere! Bravissima tesoro, ti abbraccio forte forte <3 Buona serata :)

  8. aria 8 dicembre, 2014 - 20:23 Rispondi

    che bontà Simona…certo che a Napoli si mangia proprio bene! Io il pesce non lo so cucinare e quindi quando passo di qua e vedo le tue ricette resto a bocca aperta segno tutto e poi mi chiedo quando avrò il coraggio di replicare…mi hai fatto venire un’acquolina pazzesca! buonanotte e sogni d’oro mia cara!

  9. letizia 8 dicembre, 2014 - 20:53 Rispondi

    io adoro il polipo cotto in qualsiasi maniera ed anche come lo hai proposto tu…le tue foto sono talmente belle che viene voglia di allungare la mano e prendere quella golosa scodella :P…uno spettacolo….baci :*

  10. tiziana 8 dicembre, 2014 - 20:56 Rispondi

    dalle mie parti non si trovano polipetti di queste dimensioni ma solo più piccoli e non sempre mannaggia!! Ho provato una volta una ricetta simile e ammetto che il risultato è eccellente, adoro la tua ricetta spiegata benissimo e con tutte le info sull’acquisto!!! sei impeccabile!!!! un bacione

  11. elenuccia 8 dicembre, 2014 - 21:10 Rispondi

    Simo, d’ora in poi ti chiamerò la regina dei piatti di pesce. Tutte le tue ricette sono fantastiche ma quelle di pesce sono proprio stupefacenti, mi lasciano sempre senza parole. E quel sughetto….mmm che delizia con una bella fetta di pane toscano

  12. lapetitecasserole 8 dicembre, 2014 - 21:29 Rispondi

    Ma perché il polpo a me viene sempre brutto??? Buono si, molto, ma brutto che non si guarda. I tuoi polipetti? sembrano delle ballerine! Sappi che ho fatto una cartella con tutte le tue ricette/consigli che ho archiviato… pensa un po’ quante ne ho messe da parte! Spero che la tua bambina stia meglio, un abbraccio stretto!

  13. Emanuela 8 dicembre, 2014 - 22:37 Rispondi

    Tutto ciò che fai è bello e perfetto! Anche quella padella con l’olio, l’aglio e il peperoncino, nella sua semplicità, è bella bella Simo! :)
    Un bacione cara amica, complimenti sinceri e a presto!

  14. vaty 8 dicembre, 2014 - 23:13 Rispondi

    Ma sai che quasi sento il sapore di quella salsa, dei moscardini e della bruschetta? sei riuscita ad arrivare dritta dritta e a farmi venire una voglia pazzesca.. anche se è quasi mezzanotte :-)
    ma la tua potenza è proprio questa.. quella si trasmettere con le tue semplici parole, accorgimenti e foto meravigliose.
    questa va dritta tra le cose da rifare, magari nelle prossime festività.
    ti abbraccio forte tesoro

  15. Imma 9 dicembre, 2014 - 09:17 Rispondi

    Wowwww tesoro questo è uno dei miei patti preferiti,e tu come sempre hai reso tutto impeccabile,sei troppo brava!!!Credo proprio che farà parte del mio menù natalizio è delizioso!!Un grande abbraccio,Imma

  16. SABRINA RABBIA 9 dicembre, 2014 - 16:59 Rispondi

    sto sbavando tanto mi hai fatto venire l’acquolina in bocca, sono meravigliosi, credo proprio li provero’ alla vigilia di Natale!!!Grazie per la ricetta!!!!Baci Sabry

  17. Milly 22 febbraio, 2015 - 16:57 Rispondi

    Ho scoperto per caso il tuo sito e mi è apparso subito molto interessante. Questa ricetta è descritta in modo perfetto, ma io, purtroppo non ho ben capito quale è il tempo di cottura. Potresti riassumere? Grazie.

    • 22 febbraio, 2015 - 19:20 Rispondi

      Ciao Milly benvenuta, se leggi con attenzione, ho indicato in due righe che i polipetti vanno fatti cuocere 30′ a fuoco bassissimo, poi spegni il fuoco e li lasci in pentola con coperchio ancora 25′, il tempo che completino la cottura senza fiamma. Per un risultato ottimale ti conviene leggere con attenzione tutti i consigli che accompagnano le sequenze di foto, che per quanto chiare e semplificative, non bastano ad ottenere dei polpietti affogati teneri e saporiti;) se hai altri dubbi sono a disposizione:* un caro saluto a presto:*

  18. Barbara 14 marzo, 2015 - 18:52 Rispondi

    Fatti ieri sera! Ci siamo leccati i baffi! Ho seguito esattamente i tempi di cottura che hai indicati ed è venuto perfetto! Buonissimi! Baci

  19. Valert 11 luglio, 2016 - 17:20 Rispondi

    Ciao, una domanda al volo…secondo te posso prepararli prima e riscaldarli poi al momento della cena? rimangono buoni lo stesso? grazie in anticipo