Cioccolatini ripieni - Ricetta Cioccolatini ripieni

I Cioccolatini ripieni, almeno a mio avviso, sono tra le preparazioni più difficili che mi sono trovata a fronteggiare in pasticceria. Apparentemente semplici, nascondono una serie di insidie che vanno dal temperaggio del cioccolato, (indispensabile per ottenere una finitura lucida),  alla realizzazione dei gusci, farcitura e chiusura, sopratutto se non si posseggono una serie di strumenti indispensabili per la loro realizzazione che sono in primis un termometro per regolare la temperatura del cioccolato e stampi ad hoc in policarbonato. Inizialmente,  ero molto indecisa se postare o meno questo articolo, perchè ho realizzato questi Cioccolatini ripieni in stampi di silicone morbido, che hanno una serie di limiti, primo tra tutti la morbidezza, che rende difficile il compito di "battere" per evitare la formazione delle bolle d'aria fino poi alla rasatura finale, essendo gli stampi pieni di curve bombate in superficie, il cioccolato tende ad annidarsi e "rasare i cioccolatini" lasciando la superficie dello stampo pulito è stata impresa titanica. Limiti questi, che gli stampi professionali in policarbonato non hanno, sono rigidi, leggeri e sopratutto lisci in superficie. Ad ogni modo un pò di esperienza e manualità acquisita negli anni, mi hanno aiutata a gestire lo stampo morbido e traballante e nonostante tutto,  il risultato è stato soddisfacente.  I Cioccolatini ripieni si sono sformati senza difficoltà, lasciando lo stampo perfettamente pulito, mantenendo bordi perfetti e il cioccolato aveva la finitura lucida e senza bolle così come deve ottenersi. Gusto eccezionale al parere di chi li ha provati, così,  mi sono così convinta di pubblicare il post, pensando di essere utile a tutti i profani che si avvicinano a questo tipo di preparazione, che non posseggono dunque attrezzi professionali ma desiderano ottenere cioccolatini che fanno la loro bella figura, dando anche qualche consiglio, elencando nei vari step le difficoltà che si incontrano durante un'esecuzione casalinga con strumenti non professionali e come aggirarle, perchè d'altra parte nulla è impossibile e con un pò di pazienza, il risultato darà le sue soddisfazioni! In questa sede ho realizzato dei Cioccolatini ripieni con gusci di cioccolato bianco e due tipi di Ripieno: uno con Ganache al cioccolato bianco e cocco, un altro con Ganache al cioccolato Kinder e nocciole tritate. Naturalmente potete scegliere il tipo di cioccolato che preferite, quindi sostituire il Cioccolato bianco per realizzare gusci fondenti oppure al latte, medesima cosa per i ripieni, rispettando le dosi e le temperature per il temperaggio che cambiano a seconda dei cioccolati. I Cioccolatini ripieni sono perfetti  da preparare per un tè per deliziare e sorprendere i vostri ospiti ma sopratutto Ideali per San Valentino, da impacchettare e regalare. Si conservano perfettamente qualche giorno anche solo in una scatola di latta.

Tempi di preparazione:
Preparazione: 1h + 4 h di raffreddamento per gusci, ganache e fnitura
Cottura: 5'
Totale: 5h

Ingredienti:

Per 14 Cioccolatini ripieni:

Per i gusci:

  • 200 gr di Cioccolato bianco oppure Cioccolato Fondente oppure Cioccolato al latte ( in teoria potrebbe bastarne anche solo 170 - 180 gr ma sempre meglio un pò di prodotto in più, dal momento che durante la fase di temperaggio e travasi vari potrebbe perdersi un pò di cioccolato. E' probabile che possa avanzarne un cucchiaino ma immagino lo mangerete con piacere. + 100 gr da utilizzare solo in caso di emergenza (in caso il cioccolato dovesse essere troppo freddo scioglietene un pò altro da aggiungere alla miscela)
Per il Ripieno di kinder e nocciole per 14 cioccolatini :
  • 60 gr di cioccolato kinder (se preferite potete sostituirlo con cioccolato al latte oppure fondente)
  • 60 gr di panna liquida fresca
  • 20 gr di nocciole intere da tritare
Per il Ripieno Cioccolato bianco e cocco per 14 cioccolatini:
  • 60 gr di cioccolato bianco
  • 60 gr di panna liquida fresca
  • 20 gr di cocco grattugiato
Occorrente:
  • stampi per cioccolatini meglio se in policarbonato altrimenti silicone
  • termometro per alimenti
  • spatola lunga in acciaio (in alternativa un raschietto)
  • raschietto o tarocco
  • lastra di marmo,  piano di lavoro in marmo oppure accaio
  • sac à poche (usa e getta per me)
  • bocchetta larga oppure senza bocchetta solo con la base per bocchette
Procedimento:
In primis preparate le Ganache per il ripieno che necessitano di almeno 2 h di raffreddamento.
Per il Ripieno di Ganache al Cioccolato bianco e cocco :
Portate ad ebollizione la panna liquida, appena giunge a bollore, aggiungete il cioccolato tritato finemente e il cocco grattugiato:
Ganache cioccolato bianco e cocco 1 - Ricetta Cioccolatini Ripieni
Girate con una frusta a mano fino a quando il cioccolato non si scioglie completamente:
Ganache cioccolato bianco e cocco 2 - Ricetta Cioccolatini Ripieni
ponete in frigo e lasciate raffreddare almeno 2 h, avendo cura di girare di tanto in tanto. Il risultato finale dev'essere una crema semi solida che si prende con il cucchiaino.
Ripieno di Ganache al Kinder e nocciole:
Portate ad ebollizione la panna liquida in un pentolino, appena arriva a bollore aggiungete il cioccolato Kinder tritato finemente:
Ganache kinder e nocciole 1- Ricetta Cioccolatini Ripieni
Girate con una frusta a mano fino a quando il cioccolato non si scioglie completamente, aggiungete le nocciole tritate precedentemente con un coltello:
Ganache Kinder e nocciole 2 - Ricetta Cioccolatini Ripieni
ponete in frigo e lasciate raffreddare almeno 2 h, avendo cura di girare di tanto in tanto. Il risultato finale dev'essere una crema semi solida che si prende con il cucchiaino.
Prima di partire con il temperaggio aspettate che la Ganache che avete scelto di per il vostro ripieno sia in fase di indurimento. Dopo 1 h circa.
Premesso che spero di realizzare un post interamente dedicato al temperaggio del cioccolato, l'argomento è lungo e complesso e di notizie ce ne sono tante,
 in questa Ricetta mi limiterò solo alle nozioni base, per evitare un articolo super lungo. ( fonti : Manuale di Pasticceria e Decorazione Quadò - Cap. Temperaggio del Cioccolato )
Temperaggio del cioccolato:
La semplice fusione del cioccolato e il conseguente raffreddamento senza temperaggio non offre garanzie di lucentezza ai vostri cioccolatini,  perchè  il cioccolato solidificherebbe ad un punto di fusione troppo basso e il burro di cacao affiorerebbe  sul cioccolato solidificato creando quella patina biancastra e opaca.
Al contrario, un corretto temperaggio crea le condizioni per uno stadio cristallino ideale, rendendo il cioccolatino lucido, brillante e facile da estrarre  dallo stampo.
Fase 1 Decristallizzazione:
La decristallizzazione è lo scioglimento del cioccolato che può avvenire in vari modi: microonde, forno oppure bagno maria.
Per abitudine io utilizzo sempre il terzo metodo ossia il bagnomaria.
1) utilizzate un bagnomaria stabile, ossia con un cestello ad incastro, che combaci perfettamente con la pentola:
Cestello bagnognomaria ad incastro 1- Ricetta Cioccolatini Ripieni
il cestello deve incastrarsi perfettamente:
Cestello bagnomaria ad incastro 2 - Ricetta Cioccolatini Ripieni
Tritate il cioccolato, possibilmente pezzi piccoli e uniformi. Adagiate il cioccolato nel cestello:
Cioccolato tritato nel bagnomaria - Ricetta Cioccolatini Ripieni
A questo punto ponete la pentola sul fuoco e con una frusta a mano girate. In pochi minuti le punte del cioccolato inizieranno a sciogliersi:
Cioccolato in fase di scioglimento - Ricetta Cioccolatini Ripieni
continuate a girare e con l'aiuto di un termometro monitorate la temperatura.
La temperatura del cioccolato fuso varia a seconda del tipo di cioccolato:
CIOCCOLATO BIANCO non oltre i 45°
CIOCCOLATO FONDENTE non oltre i 50°
CIOCCOLATO AL LATTE non oltre i 45°
In questo caso quindi  il cioccolato bianco fuso non deve superare i 45°. Se non possedete un termometro l'impresa sarà più difficile ad ogni modo il cioccolato perfettamente fuso è liquido, senza pezzetti, senza grumi, liscio e scivola via dal cucchiaio cadendo a nastro:
Cioccolato sciolto - Ricetta Cioccolatini Ripieni
Prelevate 3 cucchiai di cioccolato fuso, il resto lasciatelo nel cestello del bagnomaria, e adagiateli su una lastra di marmo oppure allimunio:
Temperaggio cioccolato bianco 1 - Ricetta Cioccolatini Ripieni
con una spatola di acciaio espandente velocemente il cioccolato sul piano di lavoro:
Temperaggio cioccolato bianco 2 - Ricetta Cioccolatini Ripieni
quest'operazione serve ad abbassare la temperatura del cioccolato, agitare dunque le molecole del burro di cacao.
Con l'aiuto della spatola ricompattate il cioccolato verso il centro creando un mucchio:
emperaggio cioccolato bianco 3 - Ricetta Cioccolatini Ripieni
Monitorate costantemente la temperatura in queste fasa, il cioccolato non deve scendere sotto :
26°- 28° per il CIOCCOLATO BIANCO
28° - 29° per il CIOCCOLATO FONDENTE
26° - 27° per il CIOCCOLATO AL LATTE
Se il cioccolato ha raggiunto la temperatura indicata, versatelo nella ciotola dove avete lasciato da parte il resto del cioccolato e mescolate i due cioccolati con una spatola:
Temperaggio cioccolato bianco 4 - Ricetta Cioccolatini ripieni
A questo punto la temperatura  giusta  da ottenere è:
28° per il CIOCCOLATO BIANCO
31 ° per il CIOCCOLATO FONDENTE 
29° per il CIOCCOLATO AL LATTE
NOTA:  se la temperatura risulta di qualche punto superiore , in questo caso ad esempio +30° per il vostro cioccolato bianco ( + 33° se avete scelto il fondente oppure + 31° per quello al latte ) il tempereggio non è riuscito, quindi dovete ripetere tutta l'operazione di decristallizzazione, portando nuovamente il cioccolato a bagno maria a 45° e ricominciare da capo.
Se invece la temperatura è di poco maggiore ad esempio 29° per il cioccolato bianco, mescolate e aspettate arrivi ai 28°
Se la temperatura è qualche punto più bassa esempio - 27 ° aggiungete del cioccolato fuso.
Raggiunta la giusta temperatura versate subito il cioccolato appena temperato negli stampi, a filo :
Versare il cioccolato negli stampi - Ricetta Cioccolatini Ripieni
molto velocemente roteate lo stampo irrorando di cioccolato i bordi degli stampini e fate colare, capovolgendo lo stampo, il cioccolato in eccesso fuori dagli stampi:
Far uscire il cioccolato in eccesso dagli stampi - Ricetta Cioccolatini Ripieni
A questo punto battete sul piano di lavoro lo stampo con i gusci rivolti verso l'alto, in modo che non si formino bolle d'aria e rasate il cioccolato in eccesso con una lama in acciaio, un tarocco oppure un coltello affilato:
Rasare i gusci - Ricetta Cioccolatini Ripieni
trasferite il cioccolato colato nella ciotola del bagno maria ancora caldo.
Lasciate raffreddare perfettamente i gusci in frigo per almeno 40'  devono essere perfettamente duri.
Tirare fuori la ganache che avete scelto per  riempire i cioccolatini e preparate la sac à poche con beccuccio largo oppure senza beccuccio:
Preparare la sac a poche per riempire i cioccolatini - Ricetta Cioccolatini Ripieni
Riempite i cioccolatini con la ganache  lasciando un margine di qualche millimetro per la chiusura :
Riempire i gusci con la Ganache - Ricetta Cioccolatini Ripieni
Versate il cioccolato del bagnomaria sui cioccolatini  dovrebbe essersi mantenuto ancora caldo (se necessario riscaldate nuovamente poco il bagno maria) :
Versare il cioccolato per la chiusura - Ricetta Cioccolatini Ripieni
A questo punto rasate i cioccolatini con una lama oppure un tarocco, importante che i bordi siano ben delineati:
Rasare i cioccolatini - Ricetta Cioccolatini Ripieni
Come vedete dalla foto, lo stampo in silicone  morbido, traballante e con smerli bombati  non mi ha permesso una rasatura perfetta anche ai bordi laterali dello stampo dove si è annidato un pò di cioccolato, qui i salti mortali per rasare perfettamente i bordi dei cioccolatini !
Ponete in frigo i cioccolatini e lasciate raffreddare completamente.
Quando saranno perfettamente duri sformateli, se avete fatto un buon lavoro si sformeranno perfettamente, lo stampino risulterà perfettamente pulito, la finitura dei vostri cioccolatini sarà lucida e senza bolle:
Sformare i cioccolatini - Ricetta Cioccolatini Ripieni
Impacchettate se gradite i vostri Cioccolatini ripieni oppure gustateli in tutta la loro morbidezza e golosità:
Cioccolatini ripieni - Ricetta Cioccolatini ripieni
Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Sonia VOGLIA DI CIOCCOLATO

(Ricetta e fotografie di Simona Mirto)


1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (ancora nessun voto... Vota per prima!)
Loading...Loading...

Piaciuta la Ricetta? Resta aggiornato!

Iscriviti al blog e riceverai le prossime ricette gratis nella tua mail.

106 commenti

  1. Valentina 14 febbraio, 2013 - 18:15 Rispondi

    Tesoro… sono incantata… questi cioccolatini sono stupendi, golosissimi… il temperaggio è perfetto e la spiegazione chiarissima! Grazie e complimenti!!! A me a volte riesce e a volte non tanto, devo migliorare molto. Ti abbraccio forte forte, buon San Valentino :*

    • 19 febbraio, 2013 - 08:14 Rispondi

      Tesoro grazie mille! purtroppo il temperaggio è un argomento ostico e difficile e nonostante attrezzature e pazienza ha le sue difficoltà a volte la riuscita dipende anche dal tasso di umidità presente nell’ambiente in cui lavori.. tipo mai temperare in ambiente troppo caldo o troppo freddo, mentre si cucinano altre cose!… ti abbraccio tanto e grazie mille:**

  2. Renata 14 febbraio, 2013 - 18:42 Rispondi

    Ho voglia anch’io di fare cioccolatini
    Sarà la giornata….(leggi S.Valentino)
    Sarà il periodo…Con il freddo che fa il cioccolato ci sta sempre benissimo!!!!!!!!!!!!!!!!
    In ogni caso certo non riuscirò a farli così perfetti come i tuoi cara Simona
    Sei stata davvero brava
    ma il ripieno quello lo copio di certo!!!!Troppo buono!!!!!!!!!!!!
    Un bacio grande
    Buona serata tesoro

  3. Chiara 14 febbraio, 2013 - 18:47 Rispondi

    A quando l’apertura di una pasticceria “Simona” ? Sei troppo brava ! Io non avrei la pazienza e la maestria che hai tu tesoro!Un bacione e tanti auguri di buon San Valentino a te e al tuo amore!

  4. Ombretta 14 febbraio, 2013 - 18:48 Rispondi

    Simo ma sei grandissima!!!! Io che come sai ho fatto il corsi conosco bene la difficoltà , e poi con il cioccolato bianco e’ ancora più complicato il temperaggio per la poca quantità di cacao….
    Bravissima sono perfetti e i ripieni golosi!!! Non potevi non postarli :)
    Un bacione immenso

    • 23 febbraio, 2013 - 16:38 Rispondi

      Tesoro esattamente! il cioccolato bianco ha una percentuale inferiore di burro di cacao e il temperaggio è proprio complesso… sono felice che da conoscente della materia, avendola studiata e toccata con mano ti piacciano.. grazie di cuore:* e un bacio immenso:)

  5. Vaty 14 febbraio, 2013 - 19:09 Rispondi

    Giuro sono senza parole…
    che preparazione, che precisione, che prelibatezza.
    già la prima foto mi aveva conquistata… poi vedere tutta la procedura cosi dettagliatamente da te descritta, insomma, tu mi stupisci sempre!!
    e non lo dico perchè siamo amiche, tu mi stupisci proprio!!
    il cioccolato è difficilissimo e l’ho visto anch’io sulla mia pelle ma tu ci dimostri che nulla è impossibile e hai creato con le tue semplici manine dei capolavori di pasticceria.
    e sai su cosa rido? sulla tua incredibile umiltà! e sapere che ti eri fatta cosi tante remore!!
    Simo, tu hai stoffa da vendere, altro che!!
    non solo passione, ma tanto talento, nella creazione, nelle foto e nella composizione delle immagini. incredibile davvero..
    ancora una volta rimango piacevolmente stupefatta
    (io che faccio semplici biscottini a forma di cuore.. :(
    Ma io ti adoro proprio perchè tu sei cosi. ti voglio un mondo di bene e auguri per oggi. non siamo innamorati ma tu sei nel mio cuore.
    Vaty

    • 23 febbraio, 2013 - 16:40 Rispondi

      Tesoro tu hai seguito la vicenda “cioccolatini” da vicino e conosci tutti i miei dubbi che non sono ancora passati sull’utilizzo dello stampo in silicone.. Ogni tua parola di stima mi riempie di gioia… sei troppo speciale.. non smetterò mai di ringraziarti.. Ti voglio un bene immenso:*

  6. Claudia 14 febbraio, 2013 - 19:17 Rispondi

    Simo m’inchino! Li ho fatti una volta.. ma non son venuti certo perfetti! alla fine erano cioccolata fusa.. rimessa negli stampini con una nocciola dentro! Invece fare i cioccolatini è laborioso davvero.. e guarda qui che hai creato tu! Troppo brava.. e che pazienza… Smackk cara

    • 23 febbraio, 2013 - 16:42 Rispondi

      Tesoro confermo, sono difficili.. ma non impossibili.. magari se non avessi fotografato i passaggi durante i quali c’era il rischio di raffreddare troppo il cioccolato sarebbe stato tutto più easy! Dico quindi che con un pò di pazienza sono sicura che ti verrebbero una meraviglia:* grazie di cuore e un abbraccio:**

  7. Claudia 14 febbraio, 2013 - 21:55 Rispondi

    Awww che amore questi cioccolatini! Simo mi ero persa il tuo blog nell’etere, è un po’ che non passo.. Ora ti aggiungo alla barra laterale così non capita più..
    Un bacio cara e buon San Valentino!

  8. notedicioccolato 14 febbraio, 2013 - 20:55 Rispondi

    Hai centrato in pieno il problema. Non sempre ciò che sembra semplice in realtà lo è; il cioccolato nasconde tante insidie e soprattutto quello bianco a volte dà seri problemi già solo per scioglierlo. I tuoi cioccolatini tesoro sono splendidi e perfetti, te la sei cavata magnificamente, ancor più considerando che hai usato gli stampi in silicone. Ne ho diversi ma per i cioccolatini ripieni non riesco proprio a maneggiarli, l’unica salvezza per me sono quelli in policarbonato. Belli belli belli e moooooooolto golosi. Facciamo uno scambio coi giandiuotti :)? Un bacione, buona serata

    • 23 febbraio, 2013 - 16:47 Rispondi

      Tesoro infatti da qui l’incertezza di pubblicare… gli stampi in silicone per i cioccolatini ripieni mi hanno messo proprio in difficoltà! sono felice però che il risultato sia stato soddisfacente e sopratutto che vi piaccia:) faccio volentieri uno scambio!!!:))) un abbraccio grandissimo e grazie di cuore:*

    • 23 febbraio, 2013 - 16:50 Rispondi

      tesoro senza strumenti è dura temperare il cioccolato anche se tutto è possibile! se ti piace prova.. poi magari ti appassiona e compri tutto il necessario;* un abbraccio grande:**

  9. vickyart 14 febbraio, 2013 - 23:52 Rispondi

    mamma mia! ecco perchè non li faccio mai :-p troppo lunga la cosa per me :D scherzi a parte prima o poi mi ci dedicherò come si deve sperando di ottenere un risultato soddisfacente come il tuo! p.s. i ripieni sono golosissimi!!!! ciao cara!

  10. lory b 15 febbraio, 2013 - 10:21 Rispondi

    Ciao cara!! Sono bellissimi, molto delicati e romantici. MI piacerebbe provare, ho tutto il necessario, ma… ho paura :)
    Prima o poi però seguirò i tuoi consigli e ti farò sapere :)
    Un abbraccio stretto ed un bacio grande!!!!

    • 23 febbraio, 2013 - 16:56 Rispondi

      Lory anch’io temevo… sopratutto poi con lo stampo in silicone.. nonostante tutto è una piacevole esperienza e proprio realizzandoli si imparano un sacco di cose!:) grazie tesoro un abbraccio grande:**

  11. Roberta 15 febbraio, 2013 - 12:29 Rispondi

    Simo, non sai che darei per vederti all’opera!! Chissà che prima o poi non mi riesca ma credimi, non posso fare a meno di rimanere ammirata davanti alla tua completezza, alla tua professionalità, alla precisione con cui fai le cose, alla bravura con cui le spieghi…..sei un capolavoro!
    E io sono felice di essere tua amica!
    Ti abbraccio forte, forte, forte…..

  12. Berry 15 febbraio, 2013 - 12:57 Rispondi

    Ho guardato e riguardato i tuoi cioccolatini come se me li potessi mangiare dallo schermo…la forma e il contenuto mi hanno fatto sognare! Meravigliosi Simona ♥
    Un bacione

  13. monica 15 febbraio, 2013 - 21:03 Rispondi

    sono molto sensibile allo all’argomento temperaggio del cioccolato, qui vedo un autentico studio oltre che un reportage con foto a dir poco artistiche. quei cuori bianchi sono da scatola di cioccolatini. perfetti. cara Simo non potevo non coinvolgerti in un gioco molto inspiring e divertente. un baciotto*** mony

  14. Maddy 16 febbraio, 2013 - 19:08 Rispondi

    Sai fare anche i cioccolatini! Va bene, questa e’ la conferma che sei veramente un fenomeno….non mi sono mai addentrata nei meandri della cioccolatiera, secondo me e’ un’arte e anche se mi ha sempre affascinata non ho il tempo, ne soprattutto le capacità, però i tuoi sono veramente perfetti e senza dubbio squisiti, ti faccio tantissimi complimenti perché sei stata bravissima….i tuoi step così ben spiegati mi fanno quasi venire voglia di provare…..

    • 23 febbraio, 2013 - 17:38 Rispondi

      Tesoro in realtà tutto si impara… tempo permettendo.. mi soffermerei molto su quello… quando la materia ti appassiona , la studi e con un pò di calma può dare splendidi risultati! sono sicura che quando ti cimenterai il risultato sarà eccellenti! grazie di cuore… un abbraccio grande :**

  15. evelin 16 febbraio, 2013 - 22:00 Rispondi

    Sono praticamente perfetti, solo Ernst Knam poteva farli così bene usando lo stampo che hai utilizzato tu! Io ho lo stesso identico stampo e non sono mai riuscita a farli bene, è troppo rigido e appena tento di farli uscire, i gusci si rompono, grhhhhhh! Bisogna fare una doppia camicia, ufffff…. E poi, tra i due ripieni che hai preparato non saprei qual’è il più buono…nel dubbio li assaggerei tutti, insomma, come sempre sei stata bravissima, complimenti e buon fine settimana! ^_^

    • 23 febbraio, 2013 - 17:47 Rispondi

      Grazie mille evelin! sempre gentilissima! in effetti lo stampo in silicone ha i suoi limiti… il cioccolato va fatto colare dentro per bene per poi farlo uscire… con gli stampi in policarbonato è sicuramente molto più facile:) un abbraccio cara grande grande:*

  16. Elena 17 febbraio, 2013 - 09:16 Rispondi

    Mi inchino alla tua bravura, non ho mai neanche pensato di poterli fare, troppo lungo e difficile. Ammiro chi come te si mette alla provata ottenendo risultati perfetti! Brava come sempre!

  17. damiana 17 febbraio, 2013 - 13:47 Rispondi

    Sono sprovvista di termometro,ma soprattutto di tanta pazienza!Non posso che ammirare ancora di più chi si cimenta in temperaggi,spatolamenti vari,inondazioni di cioccolato,ottenendo però dei risultati eccellenti!Ed eccellenti sono i tuoi cuoricini candidi,ma ripieni di dolci sorprese!Bella la mia Simona,ti sto applaudendo mentre con gli occhi ammiro e bramo questo gioielli…non saprei quale scegliere e poi perchè scegliere?
    Un bacione tesoro e complimenti di nuovo!

    • 23 febbraio, 2013 - 17:53 Rispondi

      Dami carissima senza gli strumenti è difficile, ma non impossibile, ma la pazienza non può mancare! io ho meditato molto prima di cimentarmi proprio per accumularne il più possibile:) felice che ti piaccia il doppio ripieno grazie di cuore e un abbraccio grande grande:*

  18. Artu 17 febbraio, 2013 - 14:29 Rispondi

    Sono davvero estasiata dalla perfezione dei tuoi cioccolatini! Mi hanno regalato due stampi in silicone per cioccolatini e non li ho ancora rinnovati….ma credo mi manchi la cosa più importante….il termometro! Sob….

    • 23 febbraio, 2013 - 17:55 Rispondi

      tesoro se ti manca il termometro puoi provare tenendo conto che 30° è la temperatura delle tue labbra… insomma.. complicato ma non impossibile… poi se ti appassiona la cosa un termometro lo compri:) ti abbraccio:*

  19. Sandra 13 dicembre, 2013 - 18:42 Rispondi

    Complimenti per la spiegazione, li ho già fatti due volte questa settimana, sono stupendi, in casa mia vanno a ruba. Grazie tante!

    • simona 28 dicembre, 2013 - 10:15 Rispondi

      Ciao Sandra! grazie a te, mi fa piacere che le spiegazioni siano risultate utili e che i cioccolati siano stati un successo!:) a presto:*

    • simona 31 gennaio, 2014 - 10:26 Rispondi

      Ale ho appena visto i tuoi cioccolatini, ti ho lasciato un commento al post.. sono davvero magnifici… sono davvero felice di averti dato lo spunto e qualche consiglio per la preparazione! bravissima:* un abbraccio grande:)

  20. maria 29 gennaio, 2014 - 00:26 Rispondi

    mamma che bontà :))))) adoro il cioccolato bianco !!! volevo chiederti una cosa riguardo la panna da usare…. va bene quella da montare o intendi un altro tipo ? graziee

    • simona 31 gennaio, 2014 - 10:29 Rispondi

      Ciao maria, benvenuta! la panna indicata è quella liquida fresca che trovi proprio al banco latte e burro del supermercato. Si può anche montare, ma è diversa da quella UTH da montare ;) Tienimi aggiornata sul risultato a presto!

  21. chiara 17 novembre, 2014 - 12:41 Rispondi

    Ciao, vorrei provare a fare dei cioccolatini, ma ho bisogno di sapere alcune cose:
    -il cioccolato per la chiusura si sarà di certo un pò rappreso: è sufficiente riscaldarlo un pochino o si deve rifare tutto il temperaggio?
    -nn ho una lastra di marmo..per raffreddarlo però ho letto che si può aggiungere del cioccolato e mescolare portandolo alla temperatura desiderata. Poi riscaldarlo nuovamente fino a raggiungere la temperatura del temperaggio. E’ così?

    • 18 novembre, 2014 - 11:15 Rispondi

      Ciao Chiara benvenuta:* il cioccolato per la chiusura dovrebbe essersi mantenuto ancora caldo nel cestello del bagnomaria, quindi non dovrebbe essere necessario scaldare di nuovo. Pensa che a me nonostante le foto fatte durante i passaggi è rimasto ancora caldo ;) nel caso si fosse rappreso, puoi scioglierlo ancora un pò senza necessariamente temperare nuovamente, ma ripeto, non credo sarà necessario.
      Se non hai una lastra di marmo, puoi usare un qualunque piano di alluminio o plastica che risulti fresca al tatto e abbattere la temperatura del cioccolato così come indicato nell’articolo per poi trattare il cioccolato con le lame oppure un semplice tarocco in acciaio, questo passaggio fondamentale, perchè di agitare le molecole di burro di cacao e garantirti una finitura dei cioccolatini ripieni lucida e non opaca o con quelle antipatiche macchioline opache biancastre, tipiche di un raffreddamento del cioccolato senza un temperaggio corretto. Non è difficile, sono pochi passaggi, che se eseguiti velocemente e correttamente, daranno vita a cioccolatini ripieni perfetti:)
      Resto a tua disposizione se hai altri dubbi, scrivimi pure nel caso:)

  22. chiara 18 novembre, 2014 - 10:09 Rispondi

    Inoltre, a questo punto il cioccolato temperato si può utilizzare anche per ricoprire bon bon e dolcetti vari e biscotti ad esempio intinti per metà?

    • 18 novembre, 2014 - 11:26 Rispondi

      Buongiorno Chiara:* certo, il cioccolato temperato puoi utilizzarlo per rivestire bon bon e dolcetti di vario tipo e ottenere così una finitura lucida. Di solito per i biscotti, non uso il cioccolato temperato, è più veloce e il risultato è ugualmente ottimo Nell’articolo Biscotti frolla e cioccolato puoi vedere tutto il procedimento passo passo, fermo restando che se hai tempo a disposizione puoi temperare anche il cioccolato per ricoprire i biscotti:)

  23. chiara 19 novembre, 2014 - 09:57 Rispondi

    Buongiorno, ho un’altra domanda riguardante il bagnomaria: ma bisogna portare l acqua a bollore, spegnere il fuoco e mettere il pentolino col cioccolato oppure sistemare il cioccolato e contemporaneamente accendere il fuoco senza far bollire?
    Inoltre, per riuscire a mantenere la tempetatura di utilizzo potrei lasciarlo nel bagnomaria ancora caldo o farebbe alzate troppo la temperatura? Scusa ma sto cercando di documentarmi perché ci tengo a fare dei buoni cioccolatini!

    • 21 novembre, 2014 - 10:28 Rispondi

      Ciao Chiara eccomi:) fai pure tutte le domande che vuoi, mi rendo conto che se vuoi ottenere i cioccolatini ripieni perfetti c’è un pò di studio da affrontare :)
      -Per quanto riguarda il bagnomaria, puoi sistema contemporaneamente pentolino e ciotola con il cioccolato. Porti a bollore e monitori la temperatura.
      -Per mantenere la temperatura, dopo la fase di temperaggio, puoi rimettere il cioccolato nella sua ciotolina e nel caso cui passasse troppo tempo per realizzare i gusci e riempirli, puoi rimettere la ciotola sul bagnomaria caldo, non sul fuoco, ma che ha mantenuto il calore del precedente bagnomaria:)