Spaghetti alla Carbonara: la Ricetta originale passo passo della Carbonara!

Gli Spaghetti alla Carbonara o semplicemente Carbonara; è un primo piatto tipico della cucina romana, apprezzato in tutto il mondo! A base di pasta, uova, guanciale, formaggio! Un piatto povero, ma dalla  bontà paradisiaca, che secondo una delle ipotesi più attendibili nasce nel 1944 nei giorni della liberazione; dagli ingredienti a disposizione dei soldati americani messi insieme da un cuoco romano. Seguite questa Ricetta Carbonara corredata da tutti i consigli e segreti passo passo e preparerete a casa vostra una Pasta alla Carbonara perfettacremosa e squisita! in soli 15 minuti e poche mosse! Buona proprio come quella dei migliori ristoranti della Capitale!

Carbonara - Spaghetti alla carbonara - Ricetta Carbonara

Come ogni ricetta tradizionale, esistono diverse versioni: c’è chi aggiunge le uova intere, chi utilizza bacon o pancetta. Tante poi, sono le varianti con gli ingredienti più diversi, da quella con la zucca, alla carbonara di pesce! Quella vi regalo oggi è la Ricetta originale della Carbonara ; la vera e autentica di un amico Chef romano! Si tratta di una preparazione semplice e velocissima! Utilizzate Spaghetti oppure Rigatoni di qualità; meglio se trafilati al bronzo e che tengano perfettamente la cottura; dell’ottimo guanciale stagionato; pecorino romano dop. Il Segreto per un risultato perfetto; ovvero una Carbonara cremosa dove tutti gli ingredienti sono perfettamente legati tra loro senza creare l’effetto frittata! E’ realizzare una perfetta crema di tuorli, formaggio e acqua di cottura della pasta; che aggiunta come illustrato nel procedimento; renderà i vostri Spaghetti alla carbonara cremosi, avvolgenti, ricchi di sapore! Proprio come l’Amatriciana è perfetta tra i Primi piatti per tutte le occasioni, da un pranzo in famiglia, una domenica tra amici, una spaghettata in terrazzo, una cena romantica, Seguite tutte le indicazioni passo passo e fatemi sapere se non sono speciali!

Scopri anche:

Saltimbocca alla romana (le golose fettine di vitello con prosciutto e salvia, tipiche della capitale!)

Ricetta Carbonara

TEMPI DI PREPARAZIONE
Preparazione Cottura Totale
Ingredienti
Quantità per 2 persone
  • 160 gr di Spaghetti (in alternativa Rigatoni)
  • 60 gr di guanciale tagliato spesso (la fetta)
  • 2 – 3 tuorli freschi (circa 1 tuorlo grande a persona)
  • 25 gr di pecorino romano
  • 1 cucchiaio circa di acqua di cottura della pasta
  • pepe nero
  • sale
Procedimento

Come fare gli Spaghetti alla carbonara

Prima di tutto tagliate il guanciale a quadretti e porre in padella:

Tagliare il guanciale a dadini - Ricetta Pasta alla carbonara

Poi ponete su fuoco una pentola capiente con acqua e sale grosso per bollire gli spaghetti. Quando bolle, buttateli.

Contemporaneamente scaldate su fuoco dolce il guanciale in padella.

il guanciale non deve indurirsi friggendosi troppo, ma deve ammorbidirsi dolcemente, rilasciando tutto il “grasso” servirà per saltare gli spaghetti in padella.

Ci vorranno circa 2 minuti:

Guanciale in padella - Ricetta carbonara

nel frattempo l’acqua sarà arrivata a bollore, cuocete gli spaghetti.

 Come fare la crema di tuorli per una Carbonara perfetta

Mescolate i tuorli con la maggior parte del pecorino (lasciatene 1 cucchiaino per il condimento) e pepe. Aggiungete 1 cucchiaio di acqua di cottura della pasta per evitare l’effetto frittata.

La cremina dev’essere morbida, ma allo stesso tempo corposa e vellutata. Dal colore intenso quindi non troppo pallido.

Come fare la crema di tuorli - Ricetta Spaghetti alla carbonara
Trucchi e Consigli per Spaghetti alla carbonara cremosi

Scolate gli spaghetti super al dente direttamente nella padella calda del guanciale  (tenendo da parte acqua di cottura)

Poi aggiungete  2 – 3  cucchiai di acqua di cottura della pasta. Saltate tutto insieme per 1 minuto su fuoco vivo.

Infine spegnete il fuoco e allontanate la padella dai fornelli e versate la cremina di tuorli sugli spaghetti a fuoco spento. Amalgamate qualche secondo, mantecate con pecorino, con 1 – 2 cucchiai di acqua di cottura bollente per favorire la cremosità e pepe!

ecco pronti i vostri Spaghetti alla carbonara caldi e succulenti ; serviteli con una spolverata leggera di pecorino e un pizzico di pepe!

Carbonara - Spaghetti alla carbonara - Ricetta Carbonara-

Se avete cotto perfettamente al dente; potete conservarla frigo per circa 2 giorni. Potete scaldarla su fuoco vivo, facendola rinvenire con 1 cucchiaio di acqua e successivamente una cremina preparata ad ho c con 1 tuorlo, 1 cucchiaio di pecorino e pepe. In alternativa potete prepararci una meravigliosa:  Frittata di Spaghetti

5 per 7 voti
logo-instagram Prepara la Ricetta! Seguimi su Instagram @tavolartegusto e condividi la tua creazione con l’hashtag #tavolartegusto. Entrerai nella mia gallery!
ASPETTA! LEGGI ANCHE QUESTI :
21 Commenti
  1. Silvia

    La farò sicuro !

    5
  2. Fabrizio

    Un consiglio: fai cambiare mestiere al tuo amico (cuoco romano? Mah) che t’ha dato la ricetta…
    1 il guanciale va messo in padella a padella fredda (in maniera che il guanciale diventi croccante fuori e morbido all’interno) .
    2 la Carbonara è con gli spaghetti (punto). Ne rigatoni, ne elicoidali, ne altro. Spaghetti! La pasta corta è per la trattorie velociste..
    3 conservare la Carbonara? Ripassarla in padella? Ma scherziamo??
    4 due tuorli per 160 gr di spaghetti mi sembrano pochini, aggiungi un uovo sano e vedrai che si manteca meglio (questo è un consiglio)

    Cordialmente

    1. Simona Mirto

      Ciao Fabrizio, grazie per il prezioso contributo sul guanciale, in effetti ho letto teorie differenti in merito; ma, gusto personale, preferisco scottarlo con un filino d’olio.
      Per la “conservazione” invece, è suggerimento personale; si, perché sono sempre per riciclare con gusto quello che avanza, mi sembra una scelta etica e responsabile, sopratutto di questi tempi :)
      per l’aggiunta di uovo intero, io preferisco sempre (nel caso) aggiungere un altro tuorlo, ma questo perché preferisco una cremina liscia e vellutata che non rischia mai l’effetto frittata!
      Un caro saluto a te! :)

  3. Cristina

    Hai ragione Simona…Fabrizio si sbaglia con la amatriciana dove nn si mette l’olio a cuocere con il guanciale.. io ho lo stesso effetto cremina montando le uova con incorporato il pecorino e l’olio nel quale ha soffritto il guanciale… monta come la maionese ed è garantita la cremositta’.. proverò la tua ricetta.. complimenti!!

    5
  4. Giovanni Colonna

    Visto che il grasso fa male, io faccio rosolare la pancetta, elimino il suo grasso liquefatto e lo sostituisco con l’olio.

    5
  5. Maria

    Appena fatta seguendo la tua ricetta è ottima ed è finita in un attimo

  6. Sofo

    Buonissima

    5
  7. Bea

    Ottima carbonara finalmente! Ho capito come non farla diventare frittata, come altre volte! Grazie x la ricetta originále!

    5
  8. Pino

    Stupenda grazie

  9. Carlo Comucci

    La MIA carbonara (per 4 persone):
    360 gr spaghetti
    100 gr pancetta magra
    80 gr parmigiano
    2 tuorli grandi + 1 uovo intero
    2 cucchiai vino bianco
    tanto pepe nero
    15-20 fogliette prezzemolo
    Tagliate le pancetta a dadini e friggetela senza olio (non deve diventare croccante!). Mescolate in una terrina le uova col parmigiano (tutto!) e i due cucchiai di vino. Aggiungete la pancetta piano piano (mescolando sempre). Quando la pasta è cotta (al dente) versatene una forchettata alla volta mescolando rapidamente (più velocemente mescolate e meno rischiate che l’uovo si coaguli). Continuando a mescolare versate il pepe nero macinato al momento. Sforbiciate sugli spaghetti il prezzemolo e servite sui piatti (tenuti precedentemente molto caldi).

  10. Giuseppe

    Sfatiamo un falso mito: la vera ricetta originale della carbonara prevede la pancetta e non il guanciale. Ciò è dovuto al momento storico in cui venne ideata. Siamo dopo la liberazione di Roma da parte degli Alleati. La gente oltre a quei pochi cibi che poteva ottenere dalle tessere annonarie, poteva fare affidamento sulle distribuzioni degli Americani, soprattutto uova in polvere e bacon (pancetta affumicata). Se volevi il guanciale, dovevi rivolgerti alla Borsa Nera, ma dovevi avere soldi o gioielli per pagare.
    Ora da qualche decennio, i cuochi che imperversano nei programmi TV hanno deciso che la vera carbonara è quella con il guanciale, dimentichi (o ignoranti) dell’aspetto storico dietro la sua creazione.

  11. dido

    questa è una carbonara dietetica……troppo poco guanciale e pecorino per la vera carbonara…..
    raddopiate le dosi di guanciale e pecorino….

  12. Mierdichef

    Buenos días.
    Gran receta.
    Aprenderemos

  13. robberto

    gli spaghetti una volta saltati in padella vanno buttati nel contenitore delle uova formaggio e pepe cosi’ e mescolati allora si che si crea una cremina speciali . se buttate le uova nella pentola calda diventeranno frittata…… eppoi essendo la carbonara una variante della griscia il guanciale deve essere tagliato sottile ….. io per non rendelo troppo croccante lo sfumo con un po’ di vino bianco… provate

  14. Valentina

    Pensate io quando faccio la carbonara nel composto metto 1 uovo intero a persona più uno in più e tanto pecorino finché non sia diventato un composto ne troppo asciutto e ne troppo liquido e quando lo metto,ovviamente all’ultimo e a fuoco basso basso basso e mantegando molto velocemente, nella pasta mi.si fa’ una cremina spettacolare …non aggiungo nessun acqua e la frittata non mi.viene proprio….e si anch’io faccio soffriggere pancetta o guanciale con l’olio e poi una sfumata di vino bianco…come pasta faccio le mezze maniche ma x una questione di comodità sennò alcune volte con i spaghetti alla chitarra….
    Io una cosa non accetto…le persone che chiamano CARBONARA quando ci mettono il parmigiano e la panna…. è veramente una bestemmia….ok vi piace così ma non la chiamate CARBONARA…chiamatela pasta con pancetta/ guanciale e panna….vi prego!!!

  15. Samantha

    Ti adoro! Mai venuta una carbonara così vellutata e buona! Grazie grazie grazie!

    5
  16. Simone

    Nella carbonara va messo l’uovo intero, non solo il tuorlo. Il colore giallo intenso non è fondamentale e non deve avere troppo gusto d’uovo, altrimenti sembra di mangiare una frittata di spaghetti.

  17. Anna Riccio

    Quanti tuorli x un kg di spaghetti?

    2
  18. Maurizio Rocco

    Ho letto tutti i vostri commenti e mi è venuta voglia di dire la mia. Guanciale o pancetta? Direi guanciale, e non per contraddire il riferimento storico culturale che è giusto (gli americani portavano bacon e uova e non guanciale!). Ma la ricetta giusta secondo me non deve essere necessariamente quella della prima volta. I romani l’hanno poi adattata con gli ingredienti più facilmente reperibili e devo dire che il guanciale rilascia un grasso di ineguagliabile bontà. Certo, sarebbe più salutare l’olio evo… ma parliamo di una pietanza che non va mangiata tutti i giorni e, se si gode di buona salute, una tantum lo strappo è ammesso anche dai medici più accreditati. Riguardo le uova mi dichiaro un “tuorlista puro”: zero albume (che non butto ma conservo per altri usi). Infine, sul formato della pasta, leggo chi contempla solo gli spaghetti? Ma perché? Mio figlio predilige i bucatini? Io i bombolotti (mezze maniche rigate)? Certo, vedo poco adatta la pastina per il brodo, ma per il resto ritengo che l’attenzione vada concentrata su come preparare quella che qui chiamate “cremina” evitando l’effetto frittata. Personalmente ripongo in una padella fredda (senza olio!) il guanciale tagliato a rettangolini abbastanza sottili. Al supermercato si trovano i cosiddetti “francobolli di guanciale”, vanno benissimo (io lo taglio da me perché il guanciale me lo porta Er Cipolla da Rieti). A fiamma viva per 1 o 2 minuti i francobolli rilasceranno il grasso liquido, poi spengo quando i pezzetti di guanciale avranno formato una crosticina, praticamente poco prima che inizino a bruciare (dovranno essere croccanti!). Tolgo tutti i pezzetti di guanciale, facendo colare bene il grasso, e li metto in una scodellina. Lascio raffreddare un po’ il grasso in padella, poi lo verso in una scodella sufficientemente grande da contenere poi anche la pasta. Aggiungo i tuorli d’uovo, il pecorino (qualcuno prepara una miscela di pecorino al 70 % e parmigiano o grana al 30%, a me piace con solo pecorino), un pizzico di sale (non molto ché il pecorino è già ben salato di suo!), abbondante pepe nero. Con un mestolo di legno amalgamo il composto, aggiungendovi qualche cucchiaio di acqua della pasta fino ad avere la consistenza di una crema o cremina che dir si voglia (non rendetela troppo liquida, potrete aggiungere uno o due cucchiai di acqua della pasta mentre la condite. Infine scolate la pasta (conserando appunto un mezzo bicchiere di acqua di cottura) e versatela subito sulla cremina, amalgamando in fretta il tutto, aggiungendo solo a questo punto il guanciale e un po’ di acqua se risulta troppo asciutta. Una volta nei piatti spolerizzare con altro pecorino romano e pepe nero e buon appetito.

  19. Maurizio Rocco

    A mio parere una quindicina. Io calcolo 2 uova per 150 g.

  20. Maurizio Rocco

    Anna Riccio, a mio parere una quindicina. Io calcolo 2 uova per 150 g.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.