Ricette con foto passo passo

Migliaccio napoletano: Ricetta originale del dolce tipico di Carnevale

Migliaccio - Ricetta Migliaccio napoletano il dolce tipico di Carnevale

Il Migliaccio è un dolce napoletano tipico del Carnevale:  una Torta di semolino a base di ricotta, uova e latte, profumata agli agrumi e vaniglia, dalla consistenza molto simile ad una polenta, cremosa e morbidissima che si scioglie in bocca come una mousse! Semplicemente delizioso!Parliamo di un dolce che ha origini molto antiche, legato alla tradizione contadina partenopea che risale all’epoca medioevale. Quella che vi propongo oggi, è infatti la Ricetta originale del Migliaccio napoletano, tramandata da generazioni da mia nonna paterna; che ogni martedì grasso della mia infanzia lo preparava insieme alle Chiacchiere , Sanguinaccio e Graffe per il buffet di dolci di Carnevale.Nonna raccontava che un tempo il migliaccio veniva preparato con il “miglio” il cereale da cui prende appunto il nome Migliaccio; che col passare del tempo è stato sostituito con la semola di grano duro ovvero il semolino. Inoltre, nella tradizione antica, veniva aggiunto addirittura il sangue di maiale nell’impasto! Usanza che andata completamente persa così come per la preparazione del sanguinaccio.Per il resto, la ricetta originale è arrivata a noi nella sua interezza: migliaccio con ricotta e profumato ai mille fiori, che poi sono anche gli ingredienti tipici della sfogliatella napoletana. Motivo per cui  in alcune zone della campania, il Migliaccio dolce è chiamato “Sfogliata”Semplice e velocissimo da realizzare, vi occorreranno meno di 20 minuti a disposizione per dare vita alla crema di semolino, aggiungerla alla montata di uova e infornare la torta! Quando lo assaggerete, resterete estasiati dal quanto sia buono il Migliaccio dolce napoletano : gusto divino, vanigliato e una consistenza completamente nuova, una torta che ogni boccone diventa crema. Provatelo presto e aggiungete questo dolce non fritto per il vostro Carnevale!

TEMPI DI PREPARAZIONE
PreparazioneCotturaTotale
Ingredienti
Quantità per 1 teglia da 20 – 22 cm
  • 180 gr di semolino (semola di grano duro)
  • 500 gr di latte
  • 300 gr di acqua
  • 250 gr di zucchero semolato
  • 250 gr di ricotta fresca (meglio se di pecora)
  • 3 uova intere
  • 50 gr di burro
  • 2 arance
  • 2 limone
  • un paio di cucchiai di vaniglia oppure 2 bustine di vanillina
  • 1 cucchiaino di acqua millefiori (facoltativo, guarda le note)
  • zucchero a velo per guarnire

Note e Varianti: per rendere il migliaccio ancora più ricco potete aggiungere pezzettini di cedro o arancia candita, oppure uva passa, precedentemente ammollata in acqua e rum e ben strizzata. Circa (80 gr). l’acqua mille fiori potete sostituirla a quella di fiori d’arancio e potete acquistarla qui. Se non la trovate, non preoccupatevi, potete realizzare il vostro migliaccio anche senza.

Procedimento

Come fare il Migliaccio napoletano

In una pentola capiente, versate il latte, l’acqua, 50 gr di zucchero, il burro, la vaniglia e le bucce intere di 1 arancia e 1 limone

scaldare latte, vaniglia, burro e buccia di agrumi - Ricetta migliaccio

Le bucce intere verranno tenute per tutta la realizzazione della crema di semolino e servono per rendere il composto profumatissimo!

Scaldate il composto sul fuco medio, girando con un cucchiaio di legno, fino a quando il burro e zucchero non si sono completamente sciolti.

Aggiungete il semolino :

Aggiungere il semolino - Ricetta Migliaccio napoletano

abbassate leggermente la fiamma e girate con una frusta a mano, in pochi secondi vedrete il composto rapprendersi in una crema compatta tipo polenta.

Eliminate le bucce degli agrumi avendo cura di ripulirle bene dalla crema attaccata per evitare sprechi:

crema di semolino - Ricetta Migliaccio napoletano

Versate subito la crema di semolino in un piatto da portata. Coprite con una pellicola e lasciate raffreddare.

Quest’operazione serve per abbattere la temperatura della crema.

Nel frattempo montate con le fruste elettriche le uova con il resto dello zucchero, un’altra bustina di vaniglia, buccia finemente grattugiata di arancia e limone.

Montate fino a quando non avrete ottenuto un composto spumoso e voluminoso.

Aggiungete la ricotta setacciata con un passino a fori stretti.

Montate di nuovo per pochi secondi per amalgamare tutto.

montata di uova, zucchero e ricotta - Ricetta migliaccio napoletano

Versate la crema di semolino ormai fredda, nel composto di uova.

Mi raccomando non aggiungete la crema di semolino calda, altrimenti rischiate che il migliaccio assumi un sapore di uova!

Utilizzate di nuovo le fruste elettriche ad una velocità medio alta, per amalgamare la crema di semolino al composto di uova e ricotta, fino a quando non otterrete un impasto liscio e privo di grumi! A questo punto potete aggiungere l’aroma mille fiori.

Versate in una teglia imburrata e infarinata:

il Migliaccio pronto da infornare - Ricetta Migliaccio napoletano

Cottura perfetta del Migliaccio

per un risultato ottimale e quindi un Migliaccio con una superficie Craquelé, spaccata e chiara, è necessario cuocere ad una temperatura che non supera i 180°

Infornate nella parte media del forno per circa 50 minuti se state usando una teglia da 20 cm altrimenti vanno bene anche 40 minuti se avete una teglia più larga da 22 cm o 24 cm

Tenete conto che per avere un migliaccio dallo spessore alto non dovete usare una teglia troppo grande e larga.

Se non si forma la superficie spaccata potete crearla voi tirando la superficie.

Sfornate il migliaccio e lasciate raffreddare in teglia per 1 h circa

Solo dopo 1 h potete togliere il cerchio dalla teglia e sformare il dolce.

Spolverate di zucchero a velo! Ecco il vostro Migliaccio napoletano pronto per essere gustato

Migliaccio - Ricetta Migliaccio dolce napoletano

Guardate la consistenza cremosa e paradisiaca del Migliaccio!

Migliaccio - Ricetta Migliaccio napoletano il dolce tipico di Carnevale

Come servire e gustare il Migliaccio

Il mio consiglio è di gustarlo ben freddo. Almeno 2 h dopo la cottura. Meglio il giorno dopo, quando tutti i sapori si sono assestati. Golosissimo da solo, vi consiglio di accompagnare il Migliaccio alla golosissima salsa al cioccolato: Sanguinaccio napoletano 

Potete conservarlo anche 3 – 4 giorni a temperatura ambiente! Se volete conservare il migliaccio napoletano in frigo, diventerà un ottimo semifreddo!

Potete congelarlo anche per 3 mesi.


Print Friendly, PDF & Email
5 per 5 voti
ASPETTA! LEGGI ANCHE QUESTI :
25 Commenti
  1. zia Consu

    Non ho mai avuto il piacere di assaggiarlo e ti confesso che quella fetta in foto mi tenta moltissimo..gnammy!

    5
  2. Alessandra

    Che tempismo, è da qualche giorno che sto pensando di fare il migliaccio!! Questa ricetta è diversa dalle altre Che ho visto, mi ispira! Domanda: la polenta di semolino bisogna aggiungerla quando è completamente fredda oppure basta che non sia più caldissima? Raffreddandosi troppo non diventa troppo compatta? Nella foto sembra già molto solida appena fatta… Non si fa poi fatica ad amalgamarla perfettamente alle uova?
    Inoltre, l’estratto liquido di vaniglia dove lo trovo, dalle mie parti mai visto in nessun supermercato, pure in erboristeria mi avevano chiesto cosa intendessi… sembrava di aver chiesto la luna quale catena di supermercati può avercelo? Di solito uso le bacche ma quelle che si trovano confezionate fanno abbastanza pena, mezze secche e con poca polpa/semini all’interno! Grazie per la ricetta!

    1. Simona Mirto

      Ciao Alessandra! Allora la crema di semolino dev’essere fresca altrimenti il composto di uova si cuoce e il migliaccio sa di uovo cotto! Anche se è compatto lo amalgami perfettamente con le fruste elettriche. :)
      Se non trovi la vaniglia liquida. io la prendo in uk, puoi usare la vanillina va bene uguale!
      Fammi poi sapere :**

      1. alessandra

        Grazie per le dritte! Lo prendi su internet quindi? Proverò a cercarlo in un negozio di dolci, vedremo… la vanillina essendo un prodotto artificiale di sintesi e dal gusto decisamente poco naturale preferirei evitarlo :)

        1. Simona Mirto

          Alessandra in verità sono spesso in uk e lo prendo direttamente nei vari negozi di cakes :) ad ogni modo puoi trovarlo su amazon a questo link : estratto di vaniglia per dolci un bacione!

  3. chiara

    Simona ho appena finito di preparare le tue castagnole con la ricotta, sono venute benissimo!!! questa volta le ho fritte, la scorsa settimana le ho fatte al forno ed erano buonissime!! grazie per le ricette meravigliose!!!!
    ah ho fatto anche le polpettine di carne….deliziose!

    1. Simona Mirto

      Chiara carissima mi fa tanto piacere!! se scatti foto, taggami che mi fa piacerissimo <3

      1. chiara

        lo farò subito su instagram, non sapevo se potevo….
        grazie ancora! <3

        1. Simona Mirto

          Ti aspetto cara! :*

  4. Debby

    Che meraviglia! Grazie mille! Anch’io mi chiedevo se bisognasse amalgamare tutti gli ingredienti sempre con le fruste elettriche e se dunque non si smonta il composto.. Grazie sempre, a presto con i risultati della prova pratica! :-)

    1. Simona Mirto

      Si si tutto con le fruste elettriche! adesso riscrivo anche meglio per essere ancora più chiari :D Dai aspetto le foto del tuo migliaccio <3

  5. Chiara

    Ciao, finalmente la ricetta del migliaccio, aspettavo la tua ricetta da molti carnevale ed ora eccomi accontentata, ora sono sicura della riuscita del dolce con la tua ricetta, Domani corro a comprare la ricotta e “Migliaccio day”. Un kiss
    Chiara

    1. Simona Mirto

      Benissimo Chiara! Ed eccola qui! adesso potrai preparare il migliaccio napoletano secondo la ricetta originale! se ci sei su instagram scatta una bella foto, tagga #tavolartegusto! così ti aggiungo in stories e compari nella gallery

  6. Paola

    Ciao, cosa vuol dire tirare la superficie per avere l effetto spaccato? Domani voglio provare la ricetta del tuo migliaccio. Deve essere buonissimo !

    1. Simona Mirto

      Ciao Paola! Semplicemente letteralmente quello che hai letto! se vedi che non si formano le spaccatura, appoggi le mani sulla superficie (che e morbidissima ) allarghi le mani e si spacca la superficie del tuo migliaccio!! Prova vedrai :**

      1. Paola

        Ok! Grazie Simona, la sto infornando ora. Vedremo cosa succede. Poi ti faccio sapere

      2. Debby

        Bella questa! Ma bisogna tirare la superficie a fine cottura?.. Anche io mi associo ai complimenti di cuore, bravissima!!

        1. Simona Mirto

          Ciao Debby! In realtà non è obbligatorio! Se vuoi la superficie craquelè che è decisamente bellissima io ti consiglio assolumente di si! vedrai che avrai un Migliaccio favoloso:**

  7. Morena

    Ciao Simona! ti volevo dire che ieri sera l’ho fatto subito perchè stavo già cercando una ricetta attendibile in rete e avevo la ricotta in casa! Ho aspettato stamattina per assaggiarlo e devo dire che non ho mai provato un migliaccio più buono di questo!!! sei veramente bravissima! Grazie tante per tutte le dritte e consigli!!

    5
  8. Milena

    Sei eccezionale. Anche il consiglio di recuperare i residui dalle bucce delle arance.
    Ti adoro, dico davvero.
    Per favore non cambiare mai il tuo modo di spiegarci le ricette.

    5
  9. LaRicciaInCucina

    Adoro quelle spaccature sulla superficie!!!
    Devo assolutamente provarlo.

  10. Ester

    Fatto ieri per la prima volta,è davvero delizioso

    5
    1. Simona Mirto

      mi fa tanto piacere :*

  11. Maria Rosaria Ruberto

    Ciao Simona, complimenti x la chierezza delle spiegazioni e la profusione dei dettagli davvero preziosissimi!
    Quando dici in pochi secondi il semolino si rassoda, intendi veramente secondi o bisogna prolungare la cottura per tot minuti? Grazie mille

    5
    1. Simona Mirto

      Si cara, intendo proprio pochi secondi, meno di un minuto! poi naturalmente dipende dalla fiamma, ad ogni modo te ne accorgi dalla consistenza :)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.