Questo sito contribuisce alla audience di Agrodolce.it

Struffoli: la Ricetta originale napoletana passo passo

Struffoli, la Ricetta originale napoletana passo passo - Ricetta Struffoli

Gli Struffoli, sono un Dolce Natalizio tipico napoletano, che nel mese di Dicembre spopola nelle forme più svariate e nelle decorazione più ricche e colorate, in ogni pasticceria campana che si rispetti e che naturalmente, si prepara anche in casa, da servire o regalare in prossimità delle Feste di Natale. Si tratta di golose palline, piccoli pezzettini di pasta, a base di farina, uova, burro e liquore all'anice, prima fritti in abbondante olio, poi caramellati nel miele e contemporaneamente conditi con confettini colorati, momento in cui, ancora caldi, vengono disposti immediatamente in un piatto da portata e gli viene data la forma desiderata, che può essere una semplice piramide, una deliziosa ciambella, un albero di natale  e infine decorati con frutta candita a scelta.  Un dolce ricco, importante, che ha origini antichissime e per tutti quelli che si stanno chiedendo come mai si chiamano Struffoli, le origini del nome sono piuttosto controverse... La versione più attendibile rintraccia un'attinenza con il verbo "strofinare" che in realtà è il gesto che si compie quando si prepara la pasta per arrotolarla a forma di cilindro prima di tagliarla a pezzettini e formare quindi le palline.  La Ricetta è quella originale napoletana, tramandata dalla mia famiglia, che pubblicai ancor prima di aprire il blog nel 2011 su Fb, oggi ve la presento corredata da consigli e trucchi passo passo  affinchè possiate realizzare facilmente in casa Struffoli buoni come in pasticceria: Struffoli morbidi, dal cuore tenero che si scioglie in bocca, dalla crosticina caramellata e gusto squisito, che restano gustosi e fragranti anche dopo vari giorni . Per quanto laboriosi, gli Struffoli, sono molto semplici da realizzare, non richiedono particolari tecniche, ma solo un un pò di tempo a disposizione per arrotolare cilindri e staccare le varie palline, se avete bambini in casa, servitevi dei piccoli aiutanti per prepararli, la pasta si modella facilmente come plastilina e si divertiranno tantissimo! Io e mia sorella aspettavamo il Natale anche per questo, aiutare mamma e zia a a dare vita agli struffoli. Una volta realizzati, si friggono e si condiscono, in pochissimi minuti e la soddisfazione di portare in tavola questo dolce, con tutti complimenti che vi faranno, non solo per il meraviglioso aspetto, ma sopratutto per il gusto squisito, vi ripagherà del tempo speso. Perfetti per concludere la cena delle Vigilia, il pranzo di Natale, il cenone di Capodanno, da servire in prossimità delle feste natalizie all'arrivo di ospiti, gli Struffoli sono ideali da realizzare se siete in procinto di organizzare buffet e party natalizi, si possono preparare con largo anticipo e si conservano perfettamente 1 settimana a temperatura ambiente, anzi, più passa il tempo più risultano buoni, perchè si impregnano di tutti i profumi e sapori. Duqnue perfetti anche da Regalare. Preparateli e lasciatevi conquistare dalla golosità degli Struffoli napoletani.

TEMPI DI PREPARAZIONE
PreparazioneCotturaTotale
Ingredienti
Quantità per 8 - 10 persone

Per l'impasto

  • 400 gr di farina '00 
  • 3 uova medie
  • 80 gr di burro fuso freddo
  • 40 gr di zucchero
  • 2 cucchiai di liquore all'anice oppure rum 
  • buccia grattugiata di 1 arancia
  • buccia grattugiata di 1 limone
  • 1 cucchiaino raso di lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale
  • 600 ml circa di olio per friggere

Per decorare

  • 300 gr di miele 
  • 2 cucchiai di zucchero a velo vanigliato
  • 3 cucchiai di confettini colorati 
  • qualche confetto cannellino (detti anche "diavolilli" confetti bianchi dalla forma allungata e gusto di cannella)
  • 1 cucchiaino di perline di zucchero color argento
  • 50 gr di frutta candita a scelta (ciliegie, scorza d'arancia, cedro)

Il burro o lo strutto ?

Prima di mamma, gli struffoli, li preparava nonno e ancora prima nonnino, loro usavano lo strutto, sia per preparare l'impasto sia per friggere gli struffoli. Con il passare del tempo la nonna, mi racconta mamma, iniziò a sostituire lo strutto con il burro e il risultato, quello che vi propongo oggi è divinamente buono ugualmente. Ad ogni modo se volete utilizzare lo strutto nell'impasto,  utilizzatene 60 gr non di più.

Il liquore giusto per gli Struffoli

Secondo la ricetta originale, gli struffoli vanno preparati con il liquore all'anice. Chi conosce questo liquore, sa che ha un gusto forte e inconfondibile e bastano poche gocce per regalare un profumo e un gusto intenso a qualuque preparazione. L'anice è una delle caratteristiche di questo dolce. Ad ogni modo, se non vi piace o non lo avete in casa, potete utilizzare anche il rum. Io vi confesso che lo uso spessissimo e il risultato è ugualmente speciale. In alternativa, potete utilizzare Limoncello oppure liquore all'arancia.

L'aggiunta di lievito per Struffoli Morbidi

La ricetta originale napoletana, quella che mi ha tramandato la mia famiglia, non prevede l'uso di lievito. Facendo e rifacendo gli Struffoli per conto mio, ho notato che l'aggiunta di lievito rende gli Struffoli estremamente morbidi e leggeri, motivo per cui, consiglio di aggiungerlo, sopratutto se gradite Struffoli morbidi, questo pizzico di lievito regala un valore aggiunto al dolce.

Procedimento

Come fare gli Struffoli, secondo la Ricetta orginale napoletana

Fondete il burro e lasciate raffreddare, preparate liquore e zucchero.

In una ciotola capiente, dove andrete poi a lavorare l'impasto, miscelate insieme la farina e il lievito setacciato, il sale e le bucce grattugiate degli agrumi:

Come fare l'impasto degli struffoli 1 - Ricetta Struffoli

Aggiungete alla farina, lo zucchero, il burro e il liquore.

Girate con l'aiuto di un cucchiaio di legno, in modo da realizzare una sabbiatura.

Fate un foro al centro e aggiungete le uova:

Come fare l'impasto degli struffoli 2 - Ricetta Struffoli

Sempre con l'aiuto di un cucchiaio girate e amalgamate gli ingredienti.

In pochi secondi l'impasto si compatterà:

Come fare l'impasto degli struffoli 3 - Ricetta Struffoli

Proseguite con le mani, impastate qualche secondo fino ad ottenere una pasta omogenea, priva di grumi:

Impasto Struffoli - Ricetta Struffoli

Avvolgete l'impasto in una pellicola e lasciate riposare a temperatura ambiente per 30 minuti.

Come Realizzare gli Struffoli:

Trascorso il tempo di riposo, staccate dall'impasto un pezzo da circa 50 /70 gr.

Strofinatelo sul piano di lavoro come per realizzare un cilindro lungo (un salsicciotto) dello spessore di 1 cm (non fatelo più grande, altrimenti gli struffoli risulteranno eccessivamente grandi, in fase di cottura, visto il pizzico di lievito aumenteranno di qualche millimetro)

affettate il cilindro realizzato, con l'aiuto di un coltellino o di un tarocco e staccate tanti piccoli pezzetti della grandezza di 1 cm

A questo punto potete lasciare i vostri struffoli così a pezzetti oppure dagli la forma di palline arrotolandoli tra i palmi delle mani:

Come realizzare le palline di struffoli - Ricetta Struffoli

Se volete ottenere delle palline, i tempi di preparazione si allungano leggermente, perchè ogni quadretto va modellato tra i palmi delle mani fino ad ottenere delle sfere ben chiuse, però il risultato finale e deliziosamente bello. Ad ogni modo a voi la scelta a seconda del tempo che avete a disposizione.

Proseguite a realizzare tutti gli struffoli in questo modo fino ad esaurimento ingredienti:

Struffoli pronti - Ricetta Struffoli

Come Friggere gli Struffoli:

Ponete sul fuoco un pentolino della dimensione 18 cm a bordi alti con metà dell' olio per friggere indicato.

Il mio consiglio è di cambiare l'olio 1 volta durante le varie fritte, questo per  garantire profumo e sopratutto una doratura ottimale ai vostri Struffoli.

Consiglio un pentolino piccolo perchè gli Struffoli vanno cotti pochi per volta, per assicurarvi  un maggior controllo della doratura , non solo, avendo gli struffoli un cospicuo quantitativo di uova nell'impasto, dopo circa 3 giri di frittura l'olio inizierà a formare delle bolle, perchè inevitabilmente piccoli quantitativi d'uovo verranno rilasciati nell'olio bollente,  Meno struffoli ci sono per ogni  giro,  meno bolle compariranno nell'olio bollente.

Dopo 3-4 giri di frittura valutate se è il momento di cambiare l'olio.

Quando l'olio sarà ben caldo immergete pochi struffoli per volta, circa 1 mestolo colmo, saliranno subito a galla, girateli un paio di volte, in 30-40 secondi saranno pronti.

Gli Struffoli sono fritti alla perfezione quando risultano dorati non scuri o anneriti.

Come friggere gli struffoli - Ricetta Struffoli

Tirateli fuori con un mestolo forato.

Scolateli su un piatto da portata precedentemente foderato da una carta assorbenteo scottex:

Struffoli fritti - Ricetta Struffoli

Friggete e scolate secondo le indicazioni tutti gli struffoli, avendo cura di scolarli su nuove carte assorbenti e di disporre gli struffoli asciutti e scolati, da parte in una ciotola.

Come Condire gli Struffoli:

In una casseruola che possa contenere tutti gli Struffoli realizzati, versate il miele e lo zucchero a velo vanigliato.

fate sciogliere a fuoco molto basso, girando con un cucchiaio di legno:

Miele sciolto con lo zucchero - Ricetta Struffoli

Allontante dal fuoco, aggiungete gli Struffoli, la maggior parte dei confettini, dei confetti e delle perline, lasciando da parte solo qualcuna per decorare il piatto finale.

Girate bene, affinchè il miele possa irrorare ogni pallina:

Come condire gli struffoli - Ricetta Struffoli

Aggiungete in pentola anche i canditi, io li preferisco tagliati a pezzi grossi, perchè sono più coreografici, irrorate di miele anche loro in modo che risultino belli lucidi.

Come decorare gli Struffoli 

Quanto tutti gli struffoli sono ben conditi, ma ancora caldi, trasferiteli subito su un piatto da portata.

Non aspettate troppo per fare quest'operazione. Quando il miele inizia ad infurirsi diventa poi difficile dare una forma agli struffoli e modellarli.

Dategli direttamente nel piatto, la forma che più vi piace, potete scegliere la classica piramide con le ciliegie candite intorno con ho fatto io, a forma di albero di Natale, adagiando le palline sulle punte, oppure a forma di ciambella, aggiungendo le ciliegie a raggio in superficie.

Spolverate gli struffoli  con i restanti confettini e perline e decorate con i pezzi di frutta candita.

Vi consiglio di non esagerare troppo con confettini e codette colorate,  questo per evitare che il sapore degli struffoli originali venga compromesso dal gusto di zuccherini e confetti.

Gli Struffoli napoletani sono pronti per essere serviti oppure impacchettati per un regalo goloso per il vostro Natale

Struffoli, la Ricetta originale napoletana passo passo - Ricetta Struffoli

Come conservare gli Struffoli

Gli Struffoli si conservano perfettamente a temperatura ambiente per 1 settimana. potete lasciarli nel piatto da portata, alzatina in cui avete scelto di servirli. Più passano i giorni più si impregnan di profumo e sapore.


Ricetta e fotografie di

5 per 1 voti

Piaciuta la Ricetta? Resta aggiornato!

Iscriviti al blog e riceverai le prossime ricette gratis nella tua mail.

24 commenti

  1. Claudia 14 dicembre, 2015 - 15:24 Rispondi

    Ma lo sai che ero convinta fossero dolcetti per carnevale???? li ho assaggiati solo una volta in vita mia.. Grazie per la ricetta.. baci e buon lunedì :-*

  2. Flavia 14 dicembre, 2015 - 15:51 Rispondi

    Stupendi!! foto e ricetta come sempre minuziosa e dettagliata! Simo ma se li lascio senza fare le palline, vengono squadrati oppure gonfiandosi si “aggiustano” ?

    • 21 dicembre, 2015 - 09:18 Rispondi

      Ciao Flavia! Guarda se non buoi perdere troppo tempo, puoi provare a preparare i tuoi Struffoli senza renderli tondi, certamente gonfiandosi nell’olio bollente ripristineranno un pò la forma.. :** un bacione!

  3. Ale - Dolcemente Inventando 14 dicembre, 2015 - 16:06 Rispondi

    Sono bellissimi e un pò diversi da quelli calabresi ma li amo tanto comunque perché mi ricordano tanto mia nonna e i natali da bambina ! Complimentiia cara e un bacione

  4. saltandoinpadella 14 dicembre, 2015 - 17:10 Rispondi

    Non li ho mai assaggiati e neanche mai fatti ma sospetto che a casa mia non arriverebbero neanche alla fase glassatura col miele ma finirebbero prima, appena usciti dall’olio.

  5. Imma 14 dicembre, 2015 - 17:28 Rispondi

    Devo iniziare a prepararli anch’io tesoro ma solo ancora in pieno shopping natalizio:-D:-D:-D mi metterò all’opera la prossima settimana e che dire, i tuoi sono una meraviglia come tutto quello che fai!! Tvbbbbbb

  6. Lilli nel paese delle stoviglie 14 dicembre, 2015 - 17:39 Rispondi

    mamma mia che squisitezza, li ho mangiato un paio di volte soltanto, al nord non usa mangiarli a meno che non vai da qualcuno del sud, bellissimi e tu sempre più brava, un bacione bellezza!

  7. cristina 14 dicembre, 2015 - 21:27 Rispondi

    ah,dimenticavo..fai delle foto così belle che sembra di avere ciò che hai preparato proprio qui,nel piatto davanti a me,pronte per essere gustate…fanno proprio venire …la famigerata “acquolina”!!!

  8. m4ry 14 dicembre, 2015 - 21:31 Rispondi

    Hai cominciato pubblicando le ricette su FB ? Dai…non ne avevo idea…:) Gli struffoli mi hanno sempre incuriosita, fin da quando li ho assaggiati ( la prima e unica volta ) qualche anno fa…mi sono piaciuti tantissimo. Quindi, questa ricettina passo passo è l’ideale, chissà che non mi venga voglia di provare a farli ;) Bacini amica bella <3

  9. Luisa Piva 15 dicembre, 2015 - 10:03 Rispondi

    mai provati nè assaggiati.. ma mi piace conoscere le tradizioni regionali delle feste.. e mi piacerebbe assaggiarli!! i tuoi soprattutto! ispirano davvero clima natalizio..

  10. anna 15 dicembre, 2015 - 18:34 Rispondi

    Sei bravissima ,chiarissima e continua sempre così questa è la ricetta perfetta. Questo dolce è tipico del sud. Io lo faccio spesso. Complimenti per le spiegazioni passo per passo.

  11. mariapia 5 dicembre, 2016 - 11:01 Rispondi

    Perché usi zucchero vanigliato per condire gli struffoli . Altre ricette usano semolato. Invece altre solo miele caldo e aromi . Sono confusa . Qual è metodo migliore ?