X

Pesche sciroppate fatte in casa: Ricetta e Consigli con foto passo passo

Le Pesche sciroppate sono una conserva estiva squisita, a base di pesche fresche, acqua e zucchero, che vi permetterà di gustare le pesche di stagione tutto l’anno anche in inverno! Dopo una breve cottura dei frutti, si tagliano a metà si mettono in barattolo, si aggiunge lo sciroppo e infine si lasciano riposare al buio per circa 1 mese prima di gustarle! Il risultato sono delle pesche sciroppate fatte in casa morbide e carnose, ricche di succo, profumate e incredibilmente saporite!  Perfette da gustare al naturale a colazione o per dessert magari accompagnate con ciuffi di Chantilly; ma anche per realizzare numerosi dolci come la Torta di pesche soffice, la  Crostata di pesche, oppure da aggiungere sul Gelato;  o ancora per preparare numerose coppe al cucchiaio o Millefoglie! Fidatevi di me, seguite la Ricetta come fare le pesche sciroppate con tutti i consigli illustrati con foto passo passo e non le comprerete più!

Per la realizzazione molto facile, vi consiglio di utilizzare le percoche, una qualità di pesche a pasta gialla che risulta la migliore per la conservazione in pezzi; in alternativa vanno bene anche le nettarine, purché siano turgide e non eccessivamente mature. Vi sconsiglio le pesche bianche, perché risultano troppo morbide. La regola è sempre la stessa. utilizzare frutta senza ammaccatura, freschissima, questo per evitare muffe. Inoltre, così come per la Marmellata di pesche, Marmellata di albicocche, Passata di pomodoro e conserve di vario tipo, è indispensabile  sterilizzare perfettamente i vasetti . In questo modo vi assicurerete delle pesche sciroppate non solo golose ma anche in sicurezza!

Scopri anche:

Le Ciliegie sciroppate (la Ricetta illustrata per farle come quelle comprate!)

Ricetta Pesche sciroppate

TEMPI DI PREPARAZIONE
Preparazione Cottura Totale
30 minuti + tempi di riposo 10 minuti 40 minuti
Ingredienti
Quantità per 2 barattoli da 300 gr
  • 1 Kg di pesche qualità percoche ( integre, perfette, dure, turgide)
  • 500 gr di acqua
  • 250 gr di zucchero
Procedimento

Come fare le pesche sciroppate

Prima di tutto lavate le pesche. Poi portate a bollore una pentola dai bordi alti colma di acqua.

Immergetevi le pesche intere per circa 2 minuti. Dovranno risultare leggermente ammorbidite ma ancora sode.

Infine scolatele con una schiumarola e sciacquatele sotto acqua corrente per raffreddarle.

Poi sbucciate le pesche e privatele del nocciolo molto delicatamente per evitare di sfaldarle.

Quindi dividetele a metà con l’aiuto di un coltello liscio e affilato.

Infine riponete le pesche nei barattoli di vetro precedentemente sterilizzati secondo la tecnica che trovate in

STERILIZZARE I VASETTI

Infine procedete con la preparazione dello sciroppo.

Prima di tutto in un tegame dai bordi alti versate acqua e zucchero e scaldate a fuoco dolce. Mescolate con una spatola per far sciogliere completamente lo zucchero, quindi fate bollire per 2-3 minuti .

Infine versate con un mestolo lo sciroppo bollente nei barattoli con le pesche, fino a ricoprire totalmente i frutti, ma fermandovi sempre ad 1 centimetro dal bordo del barattolo.

Poi adagiate un pressello sopra alle pesche per comprimerle leggermente ed essere sicuri che non vi siano bolle di aria.

Infine sigillate i barattoli avvitando accuratamente i tappi twist off nuovi e integri:

Infine procedete alla bollitura dei vasetti, ovvero la pastorizzazione, distanziandoli in pentola con dei canovacci in modo che restino ben fermi.

Una volta che i barattoli si saranno raffreddati verificate se il sottovuoto è avvenuto correttamente: potete premere al centro del tappo , non dovrete sentirete il classico “click-clack”

Mi raccomando non abbiate fretta di aprire. per una migliore sciroppatura dovrete aspettare 20 – 30 giorni

Ecco pronte le vostre Pesche sciroppate 

Una volta aperti i barattoli dovrete necessariamente conservare in frigo, tempo massimo 1 settimana.

Invece se sono perfettamente sigillati, sottovuoto, avrete esguito a perfezione tutta la procedura di sterilizzazione e pastorizzazione, potrete conservale per 10 – 12 mesi in un luogo buio, asciutto e privo di umidità.

Vedi commenti (1)

Aspetta! Leggi anche queste:

This website uses cookies.

Read More