X

Pesto alla trapanese: Ricetta originale del pesto alla siciliana

Il Pesto alla trapanese è un condimento squisito, tipico della cucina siciliana, in particolare di Trapani; si differisce dal classico Pesto alla genovese perché a base di pomodori sbollentati, mandorle, pecorino, basilico, aglio e olio extravergine, insieme pestati al mortaio. Immaginatelo corposo, dalla consistenza cremosa e granulosa e dal sapore ricco e mediterraneo; viene utilizzato in particolare per condire pasta! Volete preparalo in casa? Ecco per voi la Ricetta e Segreti per realizzare un  Pesto alla siciliana perfetto! In termini di sapore, texture e facilità di esecuzione!

Come ogni ricetta tradizionale esistono numerose varianti, quella che vi regalo oggi è la Ricetta originale del Pesto trapanese, regalatami da una cara amica siciliana della Pasta con le sarde! Si tratta di una preparazione molto facile e veloce ; una volta sbollentati i pomodori e spallati, vi basteranno 5 minuti per realizzare la salsa con mortaio e pestello. Se volete velocizzare o non avete gli strumenti, potete utilizzare il mixer a lame, facendo attenzione a dosare la velocità per ottenere un condimento non frullato! Ma puntinato dove si percepiscono i vari ingredienti proprio come il Pesto di pistacchio e il Pesto di zucchine! Tradizione comanda che venga utilizzato per condire le tipiche Busiate alla trapanese, un formato di pasta tipico squisito;  ma se non lo trovate, potete utilizzarlo per preparare la Pasta al pesto che preferite oppure anche delle ottime Lasagne al pesto trapanese!

Scopri anche:

Le Sarde a beccafico (la ricetta tipica siciliana illustrata con foto passo passo)

Pesto alla siciliana

TEMPI DI PREPARAZIONE
Preparazione Cottura Totale
15 minuti 5 minuti 20 minuti
Ingredienti
Quantità per 4 persone (un barattolo da 250 gr)
  • 250 gr di pomodori perini
  • 50 gr di mandorle con buccia (se volete velocizzare potete usare anche quelle già spellate)
  • 50 gr di basilico fresco
  • 1 cucchiaio abbondante di pecorino
  • 1 spicchio d’aglio rosso (che potete sostituire con il classico)
  • olio extravergine
  • sale
  • pepe
Procedimento

Come fare il pesto alla trapanese

Prima di tutto fate bollire in un pentolino dell’acqua, aggiungete le mandorle e cuocete per circa tre minuti.

Poi scolate e sbucciate le mandorle tenendo una mandorla tra il pollice e l’indice, sfregate con forza, la buccia sfilerà velocemente.

Poi incidete i pomodori con un taglio a croce e tuffali in acqua bollente per 2 minuti.

Infine sbucciateli ed eliminate il picciolo, premeteli facendo uscire fuori tutta l’acqua e i semi, ponete da parte, grattugiate il pecorino e pulite il basilico fresco senza bagnarlo:

Infine sbucciate e tagliate l’aglio a fettine.

A questo punto servitevi di mortaio di marmo e pestate con un pestello di legno lentamente e senza strisciare prima le mandorle, poi pomodori, poi aglio e basilico  a colpi decisi fino ad ottenere un composto corposo.

Se invece non avete gli strumenti, utilizzate un mixer piccolo con lame e azionate la funzione “pulse” a poco a poco. Ricordate che il composto non dev’essere una salsa super liscia, ma si deve percepire la texture come fosse stata realizzata al mortaio. Quindi frullate a poco a poco e non troppo prolungato tutto insieme, fino a quando non raggiungete una consistenza omogenea , corposa, granulosa.

Solo infine ( in qualunque modo lo abbiate realizzato) aggiungete il pecorino e un filo d’olio, dosando bene la corposità! Salate ed eventualmente aggiungete se gradite un pizzico di pepe!

Ecco pronto il vostro Pesto alla trapanese

Si conserva in frigo per circa 5 giorni. Se volete, potete anche congelarlo in questo caso potete conservarlo per 2 mesi. Una volta scongelato va utilizzato entro 1 giorno.

Vedi commenti (5)

  • Ciao, sono trapanese x questo mi permetto di darti un consiglio sulla sequenza di esecuzione,si parte sempre con aglio, sale basilico,poi le mandorle che x fare prima si possono macinare al mixer e infine il pomodoro,quando tutto è pronto si mette l'olio,il pecorino ognuno lo mette a piacere nel suo piatto,se vuoi una cosa proprio tipica ci andrebbe la mollica di pane raffermo tostata in padella con un filo d'olio, e si serve sempre con qualcosa di fritto sopra,melanzana o zucchina oppure patate, nelle case dei pescatori si usa il pesce fritto che a me non piace mettere sulla pasta,si può servire x secondo.scusami se mi sono dilungata troppo,solo una cosa e poi chiudo'aglio è troppo poco,noi calcoliamo 1 spicchio a persona,tanto che non lo chiamiamo pesto ma pasta con l'aglio,in tempi moderni in tanti la chiamano pesto.

  • Un'atra variante del pesto alla trapanese è al posto del pecorino mettere la ricotta salata vi posso. Assicurare che è una delizia provate

Aspetta! Leggi anche queste:

This website uses cookies.

Read More