Bignè di San Giuseppe (fritti o al forno) : la Ricetta tradizionale romana

I Bignè di San Giuseppe sono dei golosi dolci fritti, la versione tipica della cucina romana delle Zeppole di San Giuseppe! Morbidi pasticcini di pasta choux della dimensione di 8 – 9 cm farciti con crema pasticcera e infine ricoperti di zucchero a velo! Poesia all’assaggio che come tradizione comanda, nel Lazio si preparano per il 19 marzo la Festa del Papà!

Bignè di San Giuseppe (fritti o al forno) Ricetta Bignè di San Giuseppe

La Differenza sostanziala tra i Bignè e le Zeppole sono 2! Prima di tutto la forma: le zeppole hanno forma di ciambella e hanno un piccolo buco centrale, mentre i bignè sono tondi proprio come i classici bignè pur avendo dimensioni più grandi! In secondo luogo i Bignè di San Giuseppe vengono farciti anche dentro e riempiti di crema, a differenza delle zeppole che hanno la crema solo in superficie e vengono decorate con un’amarena sciroppata!Quella che vi regalo oggi è Ricetta tradizionale romana per fare i classici Bignè di San Giuseppe. L’impasto è il mio super collaudato delle zeppole che ho confrontato con quello del  mio fornaio di fiducia, romano da generazioni ed è identico! Il quale mi ha dato una serie di trucchi per realizzare la forma tipica e avere un risultato da pasticceria!Basterà solo seguire tutte le indicazioni passo passo. L’impasto si fa velocemente e con la sac a poche formerete dei mucchietti di impasto! Secondo la versione classica i Bignè vanno fritti! ma grazie al trucco della precottura in forno, potrete ottenere bignè leggeri e senza unto anche se procedete poi alla cottura in olio! Se invece preferite una versione meno caloria, potete realizzare i vostri Bignè di San Giuseppe al forno! sono strepitosi tutte le versioni! Nel procedimento le trovate entrambe!Per la farcitura ho scelto la crema pasticcera super collaudata quella pronta in 5 minuti senza girare sul fuoco! Strepitosa e facilissima!Allora quest’anno per la festa del papà e domeniche in famiglia, prepariamo anche i Bignè di San Giuseppe insieme alle classiche zeppole o zeppolone versione torta!

Ricetta Bignè di San Giuseppe

TEMPI DI PREPARAZIONE
PreparazioneCotturaTotale
Ingredienti
Quantità per 20 pezzi circa

Per l’impasto:

  • 250 gr di farina ’00
  • 250 gr di acqua
  • 50 gr di burro (se volete farle fritte) oppure 100 gr di burro (se preferite farle al forno)
  • 5 uova medie
  • 5 gr di sale
  • 1 lt di olio di semi di girasole per friggere (solo in caso di frittura)
  • zucchero a velo vanigliato per guarnire

Per la crema pasticcera :

  • 460 gr di latte intero fresco
  • 6 tuorli medi
  • 150 gr di zucchero
  • 30 gr di farina ’00
  • 20 gr di fecola
  • 1 cucchiaio di estratto di vaniglia oppure bustina
Procedimento

Come fare i Bignè di San Giuseppe

Prima di tutto realizzate impasto seguendo il procedimento che trovate nell’articolo: ZEPPOLE DI SAN GIUSEPPE

La ricetta base è la stessa, trovate tutte le foto illustrate per non sbagliare!

formazione dei bignè di San Giuseppe

Servitevi di una sac à poche con bocchetta liscia di 1 cm circa e realizzate dei mucchietti di impasto su una teglia foderata di carta da forno ben stabile, quindi attaccata con pezzettini di impasto!

I mucchietti di impasto devono avere diametro 6 – 7cm e dovranno essere realizzati a distanza di almeno 3 – 4 cm gli uni dagli altri!

appiattite la punta con il dorso di un cucchiaio leggermente umido per abbassare la punta dei bignè:

impasto bignè di san giuseppe - Ricetta Bignè di San Giuseppe

Bignè di San Giuseppe fritti :

Per evitare di avere bignè molto unti e carichi di olio, vi consiglio un trucchetto che già avevo presentato nelle zeppole. Un breve passaggio inforno, asciugerà l’impasto, in modo che andando a friggere i bignè risulteranno asciutti!

scaldate bene il forno a 200° e cuocete i bignè  per 12 minuti , fino a quando non si saranno leggermente gonfi  e hanno formato la crosticina.

trascorso il tempo indicato, i bignè si staccheranno facilmente dalla carta da forno.

Scaldate un pentolino con abbondante olio.

L’olio non dev’essere super bollente, deve raggiungere una temperatura di 165° -170°  circa se non avete il termometro potete fare una prova con un pezzetto di impasto crudo.

Quando l’olio è pronto fa salire a galla l’impasto piano piano quasi a fatica (non il solito guizzo)

Immergete un bignè per volta , vedrete che risalirà a galla con poche bollicine, ma nel giro di poco prenderà colore e si gonfierà.

girate, lasciate cuocere 1 minuto circa per ogni parte circa, quando il bignè è raddoppiato di volume ed è ben dorato e gonfio è pronto! circa 2 minuti.

Scolate su carta assorbente e cambiate l’olio ogni 6 – 7 bignè massimo 10

Lasciate asciugare i Bignè di San Giuseppe sulla carta assorbente per 1 ora , in un luogo fresco e areato e farcitele solo quando si sono completamente raffreddate.

Bignè di San Giuseppe al forno:

Cuocete la teglia pronta in forno a 200° per circa 25 minuti senza mai aprire il forno ! Quando sono belli gonfi dopo 25 minuti potete abbassare a 180 ° e proseguire la cottura per 5 – 10  minuti ancora

Sfornate e lasciate raffreddare fuori dalla teglia per 30 minuti circa.

Preparate quindi la Crema, seguendo gli ingredienti che trovate qui e il procedimento veloce che trovate nell’articolo CREMA PASTICCERA

Farcite solo quando sono completamente freddi!

Servitevi di sac à poche e bocchetta piccola della dimensione di 1/5 cm fate un foro con una punta di coltello sul fondo di ogni bignè e riempite con abbondante crema!

farcire con la crema pasticcera - Ricetta Bignè di San Giuseppe

Spolverate infine di zucchero a velo! Ecco pronti i Bignè di San Giuseppe!

Bignè di San Giuseppe (fritti o al forno) Ricetta Bignè di San Giuseppe

Conservare i Bignè di San Giuseppe

Senza farcitura sia fritti che al forno, possono essere conservati in buste di plastica subito dopo la cottura 1 h per quelli fritti, 30 minuti per quelli al forno! Una volta farciti di crema, si conservano in frigorifero nella parte alta (quindi meno fredda) meglio se chiusi ermeticamente!


5 per 1 voti
ASPETTA! LEGGI ANCHE QUESTI :
1 Commento
  1. Gisa

    Io li ho fritti subito, i primi due sono rimasti gonfi gli altri si sono sgonfiati man mano che friggevo, ma quando li ho buttati nell’olio si sono subito ripresi.
    Mi é preso un colpo ma dopo ho capito che bastava non fermarsi..
    Certo, due immagini e un consiglio su questo procedimento non sarebbero male..
    Sono venuti divini!!!

    5

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.