Questo sito contribuisce alla audience di Agrodolce.it

Stollen, la Ricetta passo passo

Stollen - Christmas Stollen - Ricetta Stollen

Lo Stollen è un dolce natalizio tipico della tradizione tedesca, chiamato per questo anche Christmas Stollen. E' originario dell'area di Dresda, in cui viene realizzato la prima settimana di dicembre e lasciato a maturare in luogo buio e fresco fino al giorno di Natale. Personalmente non ho resistito e ho aperto uno dei tre Stollen preparati la sera stessa, dopo mezz'ora dalla cottura: spettacolare... probabilmente perchè amo le consistenze piuttosto morbide e non resisto ai lievitati caldi. Era davvero favoloso appena sfornato, un mix di profumi unico e prepotente che ha invaso le papille gustative al primo morso. Buonissimo anche il giorno dopo; ma lo Stollen maturato 1 settimana, devo confessare aveva un gusto davvero unico, tutti i profumi hanno avuto il tempo di imprignarsi nell'impasto, sprigionando un aroma eccezionale; paradossalmente, la consistenza per quandto più secca rispetto a quelli appena sfornati, era leggermente più umida e il sapore incredibilmente buono, anche migliore di quelli cotti e mangiati. La maturazione a mio avviso è quindi necessaria per uno Stollen di alta qualità. Va sottolineato che questo dolce non è un panettone ne un pane, potrebbe dunque posizionarsi a metà strada tra i due passando per un panforte. La mollica è fitta e deve confondersi con la farcitura; la struttura è compatta e poco alveolata, piuttosto friabile e profumatissima. Viene consumato solitamente alla fine dei pasti natalizi, affianco ad un buon caffè, secondo me perfetto anche accompagnato da creme, cioccolato fuso, vin santo, naturalmente da inzuppo a colazione e perfetto da impacchettare e regalare visto che si conserva per più di 15 giorni.  La ricetta è quella di Adriano, nonostante ne abbia valutate altre, molto più easy e brevi in termini di tempo, quello che mi ha convinto di questa ricetta, sono proprio le varie maturazioni in frigo e la partenza da un poolish 2:1;  a mio avviso determinante per intrappolare al meglio i profumi nell'impasto. Ma se per tempi e lievitazioni mi sono attenuta alla ricetta del maestro, ho rivoluzionato la farcia, preferendo ai tradizionali canditi, uvetta e frutta secca, (che non piacciano ai destinatari del dolce),  noci e mirtilli rossi. Inoltre ho omesso il bastoncino di marzapane che secondo tradizione viene inserito al centro del lievitato e l'ho sostituito con abbondante cioccolato bianco in pezzi, aggiunti durante la fase di impasto. Il risultato è un dolce davvero squisito. Diverso dai lievietati briochiosi della nostra tradizione natalizia, ma ugualmente buono, intenso e profumatissimo, uguale a quello assaggiato in loco. Quando si parla di grandi lievitati, la pecca è il tempo a disposizione per preparali, coccolarli, seguirli, in questo caso 3 giorni. Le difficoltà sono più che altro legate alla conoscenza di questi tipi di impasti da incordare e formare. Se seguite tutta la dose indicata, la gestione di 3 stollen grandi da 950 gr ciascuno è un pò stancante. Ma a questo si può ovviare dimezzando gli ingredienti, otterrete 2 stollen di media dimensione. Molto più gestibili. 

TEMPI DI PREPARAZIONE
PreparazioneCotturaTotale
Ingredienti
Quantità per 3 Stollen grandi da 950 gr ciascuno
  • 1 kg di farina manitoba
  • 3 uova  a temp ambiente
  • 370 gr di latte fresco intero a temp ambiente
  • 300 gr di zucchero
  • 350 gr di burro morbido
  • 20 gr di lievito fresco a temperatura ambiente
  • 20 gr di sale
  • buccia di 2 limoni grattugiati
  • 2 cucchiaini di zenzero fresco
  • 2 cucchiaini di zenzero in polvere
  • buccia di 2 limoni grattugiati
  • 2 cucchiaini di cannella in polvere
  • 2 stecche di vaniglia da cui ricavare la polpa

Per la farcia:

  • 500 gr di mirtilli rossi essiccati
  • 250 gr di gherigli di noci
  • 300  gr di cioccolato bianco in tavoletta di ottima qualità
  • 1 bicchiere più o meno di rum scuro invecchiato per la marinatura dei mirtilli rossi
  • farina manitoba per infarinare i mirtilli
  • NOTA : la ricetta originale prevede una farcia diversa : 700 gr di uvetta, 150 gr arancia candita, 250 gr albicocche secche, 250 gr mandorle tostate e tritate + un bastoncino di marzapane realizzato con 300gr farina di mandorle, 170gr zucchero semolato, 170gr zucchero a velo, 1 albume, poche gocce di estratto di mandorla amara, Adriano  suggerisce di impastare tutto a freddo, avvolgere in pellicola e riporre in frigo. Se volete inserirlo nella preparazione seguite la metodica indicata nella ricetta del suo Stollen

Per la finitura:

  • latte fresco per pennellare
  • 80 gr circa di burro fuso
  • zucchero a velo

Per la conservazione:

  • pellicola per alimenti
  • fogli di alluminio

Per impacchettare:

  • carta da forno 
  • nastri di lana rossi e bianchi
  • etichette ricavate da un cartoncino bianco 200 gr/m²

 NOTA:  Per questo tipo di preparazione è indispensabile utilizzare una planetaria. E' un impasto corposo e massiccio, impossibile a mio avviso da gestire a mano. Nella ciotola grande del Kenwood si va proprio giusti, altrimenti conviene dividere l'impasto in due riprese.

Procedimento:

---------- 1° Giorno ---------

  Pomeriggio ore 16:00 - Marinatura frutta secca

Porre in una ciotola capiente i mirtilli rossi, (oppure il mix di canditi e uvetta,  se avete scelto di utilizzare quelli come farcia): 

Mirtilli rossi macerati nel Rum - Ricetta Stollen -Cristmas Stollen

 Riempite la ciotola di rum scuro invecchiato, abbiate cura di coprire perfettamente tutta la frutta secca, coprite con una pellicola e lasciate marinare in luogo asciutto a temperatura ambiente.

Sera ore 22:30 - Poolish

Prelevate dal totale degli ingredienti : 250gr di latte, 125 gr di farina, 7 gr di lievito , 1 cucchiaino raso di cannella in polvere, altrettanto zenzero, una grattata di zenzero fresco (1 cucchiaino), buccia grattugiata di 1 limone,  polpa di 1 stecca di vaniglia:

Preparare il poolish 1 - Ricetta Stollen -Cristmas Stollen

 Sciogliete il lievito nel latte , aggiungetelo alla ciotola della farina, unite tutti gli ingredienti e frullate con l'aiuto di fruste elettriche, fino ad ottenere una crema liscia e priva di grumi:

Preparare il poolish 2 - Ricetta Stollen -Cristmas Stollen

 coprite con una pellicola per alimenti e ponete in frigo a 5°. Ossia nella parte intermedia del frigo (3° ripiano) 

----------- 2° Giorno ----------

 Mattino ore 9:00 - Tirare fuori dal frigo il Poolish :

Il poolish al mattino successivo - Ricetta Stollen -Cristmas Stollen

 Come potete osservare dalla foto sopra, il poolish è fermentato. Sono presenti una serie di piccoli crateri e sbuffi ed è aumentato di volume. Lasciate a temperatura ambiente.

Ore 10:00 - Pre impasto:

 Preparate  un piccolo impasto con il restante latte, cioè 120 gr, 120 gr di farina(sempre presa dal totale), 13 gr di lievito a temperatura ambiente, 1 cucchiaino di miele:

Il preimpasto 1 - Ricetta Stollen -Cristmas Stollen

 aggiungete il lievito alla farina, il latte e il miele, con l'aiuto della foglia della planetaria mescolate fino ad ottenere una pastella, liscia e omogenea:

Il preimpasto 2  - Ricetta Stollen -Cristmas Stollen

 Lasciate lievitare in luogo asciutto ad una temperatura di 26° (forno spento precedentemente accesso a 50°) in circa 40'  - 1 h ora,  il pre impasto avrà raddoppiato il suo volume. Ma i tempi potrebbero cambiare a seconda della temperatura e delle circostanze:

Il preimpasto 3 - Ricetta Stollen -Cristmas Stollen

Ore 11:30 - Impasto:

Nella ciotola della planetaria, dove c'è il pre impasto, aggiungere il poolish, lo zucchero e a  poco a poco la farina, lasciate amalgamare, l'impasto risulterà piuttosto duro, aggiungete le uova una alla volta, aspettate che l'impasto assorbi il primo prima di aggiungere il prossimo. L'impasto piano piano diventa più morbido e gestibile, lasciate lavorare a velocità media fino a quando non si aggrappa alla foglia.

Aggiungete il resto resto gli aromi: la buccia di un altro limone, 1 cucchiaino raso di cannella, 1 di zenzero in polvere, 1 di zenzero fresco,  i semi di un'altra stecca di vaniglia: 

Preparare l'impasto 2-Ricetta Stollen -Cristmas Stollen

Impastate fino a completo assorbimento degli aromi, l'impasto ormai piuttosto liscio, che si aggrappa alla foglia è pronto per essere incordato. Aggiungete pochissimo burro per volta, 2 - 3 pezzettini piccoli e aspettate il completo assorbimento dei primi, prima di procedere all'aggiunta dei prossimi:

Incordare l'impasto -Ricetta Stollen -Cristmas Stollen

 L'incordatura è piuttosto lunga, il burro è tanto è l'impasto  è grosso, non bisogna avere fretta. Ogni tanto spegnete la macchina, fate raffreddare, rovesciate l'impasto, fate riposare e continuate ad incordare.

Dovrete ottenere un impasto che si tira ma non si spezza, liscio, unto, gonfio, che si aggrappa prima alla foglia poi al gancio, che utilizzerete solo nell'ultima fase: 

Impasto incordato - Ricetta Stollen -Cristmas Stollen

Nel frattempo che l'impasto si incorda, strizzate i mirtilli rossi che ormai si saranno ammorbiditi, infarinateli leggermente e aggiungeteli all'impasto insieme alle noci, precedentemente tagliate grossolanamente. Fate fare ancora qualche giro:

Aggiunta dei mirtilli e noci - Ricetta Stollen -Cristmas Stollen

Aggiungete infine il cioccolato bianco tritato e fate fare ancora qualche giro, al fine di ottenere un impasto omogeneo. 

Tirate fuori dalla planetaria l'impasto che avrà raggiunto il peso di circa 3 kg,  formate una palla, pirlate verso il basso, fino ad ottenere un panetto liscio e omogeneo e lasciate riposare 40' :

Impasto pronto - Ricetta Stollen -Cristmas Stollen

Raccogliete l'impasto leggermente lievitato, dopo il tempo indicato e inseritelo in una ciotola grande e capiente: 

Impasto dopo un breve riposo pronto alla lievitazione in frigo - Ricetta Stollen -Cristmas Stollen

Ore 12: 30 - 13:00 circa, coprite con una pellicola a contatto e ponete in frigo a 5°  fino al giorno seguente.

---------- 3° Giorno ---------

Mattina ore 8:00 - Tirare l'impasto dal Frigo

L'impasto si presenterà riposato, profumatissimo, leggermente lievitato e naturalmente freddo e non lavorabile.

L'impasto al mattino seguente - Ricetta Stollen -Cristmas Stollen

  Lasciate a temperatura ambiente mezza giornata. 

Pomeriggio ore  15:00/16 : 00 - Lavorare l'impasto 

Trascorso il tempo indicato, naturalmente potrebbe volerci qualche ora in più o in meno a seconda della temperatura della stanza in cui ponete l'impasto, dividete, con l'aiuto di un tarocco, l'impasto in 3 pezzi se volete ottenere 3 Stollen grandi da 950 gr ciascuno;  oppure in 4 o 5 o addirittura in 6 se volete stollen più piccoli: 

Dividere l'impasto in 3 o più pezzi - Ricetta Stollen -Cristmas Stollen

A questo punto pirlate perfettamente gli impasti:

 con i palmi di entrambe le mani, lavorate un panetto per volta, portate verso il vostro ventre l'impasto e ripetete l'operazione più e più volte fino ad ottenere dei panetti con superficie completamente liscia e legata :

Piralare gli impasti - Ricetta Stollen -Cristmas Stollen

 Coprite con una pellicola e lasciate riposare 20' circa. Trascorso il tempo indicato, stringete nuovamente la forma, pirlando nuovamente i panetti. Lasciate altri '20 a riposo. 

Pomeriggio ore 18:00 circa : Formazione Filone (Fase 1)

Con l'aiuto di un matterello da cucina, appiattite la palla, facendo attenzione a non rompere le bolle e strappare l'impasto (operazione che richiede un pò pochino di pazienza, la fretta è nemica di questo tipo di preparazioni) stendete dunque e girate al contrario, arrotolate quindi piano piano l'impasto richiudendo a piccoli "pizzichi" e facendo attenzione a non spaccare l'impasto. Arrivati  a fine impasto, pirlate portando il panetto allungato verso il vostro ventre e ricavate un filone (ultima foto del collage):

Formazione del filone - Ricetta Stollen -Cristmas Stollen

 Realizzate in questo modo tutti i filoni. Lasciate riposare 15'.

Pomeriggio tardi ore 19.30 circa : Forma definitiva

Prendete il filone, con l'aiuto di un matterello stendente l'impasto avendo cura di non strapparlo, procedete delicatamente fino ad ottenere un rettangolo:

Stendere l'impasto per la formazione definitiva - Ricetta Stollen -Cristmas Stollen

A questo punto se avete scelto di inserire il bastoncino di marzapane  al centro dello stollen, vi rimando al blog di Adriano per il tutorial  se invece avete deciso di saltare questo passaggio procedete a rovesciare al contrario il rettangolo ottenuto, piegate un lembo di impasto fino a metà rettangolo e piegate l'altro lembo di impasto appena sopra. Disponete in una teglia ricoperta di carta da forno a lievitare:

Sera ore 21 : 00  - Fase di lievitazione

Stollen pronto alla lievitazione - Ricetta Stollen -Cristmas Stollen

 Lasciate lievitare in un luogo asciutto ad una temperatura di 26° ( forno spento precedentemente acceso a 50°) per circa 1 h e mezza- 2 h, il tempo che gli stollen raddoppino il loro volume:

Stollen lievitato  - Ricetta Stollen -Cristmas Stollen

Sera ore  23:00 - Cottura  

Pennellate con latte e cuocete in forno preriscaldato, 1 teglia alla volta, a 170 per 35' - 40' circa. 

Sfornate e pennellate ancora caldo con burro fuso anche sotto! Pratica indispensabile per conservare a lungo il vostro dolce:

Pennellare di burro fuso appena sfornato - Ricetta Stollen -Cristmas Stollen

 Spolverate con abbondante zucchero a velo :

Cospargere di zucchero a velo - Ricetta Stollen -Cristmas Stollen

Lasciate intiepidire e se gradite affettatelo subito, a me è piaciuto da morire! ad ogni modo la prassi è quella di aspettare che il lievitato intiepidisca, avvolgerlo in una pellicola per alimenti e successivamente in una carta di alluminio. Lasciarlo maturare in luogo fresco e asciutto per 1- 2 giorni. 

 e solo trascorso il tempo suggerito Il vostro Stollen - Christmas Stollen sarà pronto per essere affettato:

Stollen - Christmas Stollen - Ricetta Stollen

Perfetto come regalo goloso:Stollen da impacchettar e regalare  - Ricetta Stollen

Con questa ricetta partecipo a:

la raccolta di Sonia Voglia di Natale


la raccolta di Sandra e Barbara "Panissimo" ospitata questo mese da Barbara


Al contest di Simo "Christmas Gift"


Lascio a tutti voi, i miei più cari auguri di Buon Natale e Felice inizio Anno... Che siano feste serene in compagnia delle persone amate... un caro abbraccio :**


Ricetta e fotografie di

Piaciuta la Ricetta? Resta aggiornato!

Iscriviti al blog e riceverai le prossime ricette gratis nella tua mail.

132 commenti

  1. Cristina 20 dicembre, 2013 - 12:40 Rispondi

    Simo, che meraviglia ! Conosco lo stollen: per me è un dolce irrinunciabile durante le feste natalizie. Posso rinunciare al panettone ma non allo stollen. Io ho postato la ricetta l’hanno scorso, ricetta che non è ortodossa probabilmente ma che consente risultati eccellenti in termini di morbidezza in quanto prevede la ricotta. Inoltre è velocissima e facilissima. Con il lievito fresco non l’ho mai sperimentato. L’anno scorso un amico mi ha portato l’originale di Dresda e…ti dirò che non mi ha entusiasmato perchè era troppo secco per i miei gusti. E poi non c’è storia….home made è tutta un’altra cosa. Mi piace molto l’idea dei mirtilli rossi. Simo…un abbraccio forte forte. (per gli auguri passo…)

    • simona 20 dicembre, 2013 - 13:10 Rispondi

      Cri grazie mille:* in effetti questo è proprio l’originale… e come ho scritto nella presentazione, anche secondo me, dopo la maturazione risulta più secco per quanto buonissimo e profumato, rispetto a quello morbido appena sfornato… ma voglio assolutamente provare la versione veloce alla ricotta…:) un abbraccio anche a te:**

  2. Claudia 20 dicembre, 2013 - 12:12 Rispondi

    Anche questo dolce.. che non conoscevo.. ha un procedimento lungo e laborioso.. ma che risultato! sarei curiosa di assaggiarlo.. ma quest’anno ormai sto apposto coi lievitati.. dopo 2 panettoni stop!!! magari proverò il prossimo! un bacione e passa iun bel w.e. :-)

    • simona 16 febbraio, 2014 - 15:05 Rispondi

      Eh si Cla immangino che dopo 2 panettoni la stanchezza inizi proprio a farsi sentire… l’anno prossimo però prova lo Stollen è speciale… ha un gusto unico e un aroma davvero eccezionale:* ti abbraccio:**

  3. imma 20 dicembre, 2013 - 12:48 Rispondi

    Cosa darei cara per avere questo stollen sotto il mio albero é un dolce fantastico e tu ne hai creato una versione che lascia incollati al monitor cara!!! Un po lunga la preparazione évero ma all’ assaggio ne vale di sicuro la pena!! Ti abbraccio forte forte,
    Imma

    • simona 16 febbraio, 2014 - 15:50 Rispondi

      Imma cara, si, è un pò lungo da preparare ma si conserva perfettamente anche 2 settimane e ne vale davvero la pena all’assaggio… provalo:* un abbraccio immenso anche a te:**

  4. ely mazzini 20 dicembre, 2013 - 14:39 Rispondi

    Ciao Simona, ogni volta che passo da te resto sempre a bocca aperta e incollata al monitor :))
    Hai fatto un lavoro splendido e impeccabile (come sempre), questo stollen è fantastico, so che mi piacerebbe tantissimo… brava, brava, brava!!!
    Bacioni, a presto…

  5. Michela - Menta e Rosmarino 20 dicembre, 2013 - 14:08 Rispondi

    Simona, non dico sciocchezze: le immagini dell’impasto crudo mi hanno commossa! E’ bellissimo e non trovo altre parole per definirlo.
    Adriano è una garanzia, ma tu hai fatto un capolavoro :’)

    Complimenti dolcezza, come sempre.
    Realizzi sogni, non ricette.

    Un abbraccio tenerissimo e buon week end :* :* :*

    • simona 16 febbraio, 2014 - 15:51 Rispondi

      Michi, amica mia, grazie di cuore… sei sempre così cara che credi, sei tu che mi commuovi ogni volta:* un abbraccio immenso a te:*

  6. susy 20 dicembre, 2013 - 14:56 Rispondi

    Abito sul confine svizzero ed è un dolce da noi molto comune e che io adoro, ma che non ho mai provato a farlo. La tua è una variante molto golosa e sei sempre bravissima nel fotografare tutti i passaggi. Sapendo il tempo che ci vuole ti faccio i miei complimenti!
    A presto susy

    • simona 16 febbraio, 2014 - 15:52 Rispondi

      Susy credimi che questa volta gli step mi hanno messo a dura prova! non immagini… foto scattate anche di notte… però la soddisfazione è tanta:* ti abbraccio e grazie mille:**

  7. ARIA 20 dicembre, 2013 - 16:31 Rispondi

    Simona, sai che io penso di non aver mai mangiato questo dolce? Mi hai messo una curiosità incredibile però…che pazienza! Anche se tu fai sembrare tutto semplice…mi pare di sentirle le tue parole mentre le immagini fresche e chiare scorrono sul monitor…sai cosa mi piacerebbe? Cucinare con te!!!! Ti faccio i miei più cari auguri affinchè il Vostro Natale sia sereno e ricco di amore, un bacione grande e complimenti per questa ricetta che segno per un prossimo Natale…sento che mi sto ammalando, o forse ho solo le pile esaurite perchè sono stanchissima!Un bacione!

    • simona 16 febbraio, 2014 - 15:55 Rispondi

      Aria chissà se un giorno avverrà sul serio… io me lo auguro di cuore perchè sei una donna troppo speciale:* ho letto proprio ieri che anche per te non è un gran periodo.. presto ti scrivo e ne parliamo:* ti mando un abbraccio immenso:*

  8. Terry 20 dicembre, 2013 - 17:32 Rispondi

    Ahhhh ecco cosa intendevi quando mi hai detto di aver cambiato in corso d’opera! Tesoro è bellissimo e sono certa anche buonissimo! Lo avevo mangiato molti anni fa in montagna e mi ricordo ancora i suoi profumi … bellissima alternativa al nostro panettone e trovo che anche la sostituzione della classica frutta con i mirtilli e le noci sia proprio azzeccata. Brava brava brava, peccato che non lo posso assaggiare! Un abbraccio

    • simona 16 febbraio, 2014 - 16:06 Rispondi

      Terry vista la tua passione per i lievitati ti consiglio proprio di provalo, magari il prossimo anno, sono certa che non ti deluderà.. avendo anche ben in mente i sapori di questo dolce, la farcia alternativa è davvero deliziosa;*

  9. conunpocodizucchero 20 dicembre, 2013 - 17:21 Rispondi

    Lo sapevo che avevi in serbo qualcosa di delizioso! Simo che meraviglia il tuo stollen! Non l’ho mai provato me a leggere la ricetta (difficilissima per me! ) mi sembra possa rientrare a buonissimi titolo nelle mia preferenze! :D
    un bacio enorme

    • simona 16 febbraio, 2014 - 15:58 Rispondi

      Tesoro so che ce la faresti senza dubbio… l’unica difficoltà è il tempo… è un dolce lungo a cui devi stare dietro… ma le lievitazioni vanno da sole… se ben monitorate, il dolce è un successo garantito:* l’anno prossimo facci un pensierino:) un abbraccio grande:**

  10. Lalla - Semplicemente Cucinando 20 dicembre, 2013 - 17:53 Rispondi

    Bellissimo e deve essere davvero profumatissimo e delicato allo stesso tempo.
    Già sono stata tentata dal lievito madre e panificazione, ma più vedo i tuoi capolavori e più mi viene voglia di spingermi ancora.
    Sai qual’è il mio vero problema? Che ho il bimby e devo dire che, nel tentativo di produrre il panettone, mi sono resa conto che non incorda e scalda troppo per una buona riuscita dell’impasto.
    Sto valutando l’acquisto della planetaria, senza che sia Chef e cuocia ma una si….devo solo lavorare i due uomini di casa ;-).

    • simona 16 febbraio, 2014 - 16:24 Rispondi

      Lalla carissima, non ho il bimby e non conosco come si comporta con gli impasti ma se mi dici che scalda allora sarebbe meglio utilizzare un’impastatrice o appunto una planetaria che ti consiglio vivamente di acquistare! vedrai che ti darà immense soddisfazioni e la utilizzerai per tutti i lievitati ma anche per tutti i dolci;) ti abbraccio!

  11. Monica 20 dicembre, 2013 - 17:55 Rispondi

    Simona,intanto complimenti per la pazienza!!! Io mi sono persa i passaggi al primo giorno! Io l’ho quasi sempre comprato pronto,devo confessarlo ma adesso mi hai fatto veramente venire una voglia di farlo :-) :-) un bacione e auguri di buone feste!!

    • simona 16 febbraio, 2014 - 16:26 Rispondi

      Monica carissima guarda l’unica difficoltà è solo il tempo… è una preparazione che richiede appunto del tempo a disposizione per star dietro alle varie lievitazioni ma basta organizzarsi, studiare un attimo la ricetta e sono certa che sarà un successo;* provaci!

    • simona 16 febbraio, 2014 - 16:28 Rispondi

      Per fortuna sono i destinatari sono stati felicissimi e anche a distanza di 10 gg lo stollen era perfetto… anche più buono del primo assaggio:)) bacione:**

  12. Enrica 21 dicembre, 2013 - 00:43 Rispondi

    Stavo per andare a letto e prima di spegnere il pc penso ” Ma Simona cosa ha pubblicato?” Vengo qui e trovo un dolce meraviglioso che ho provato più volte durante le vacanze natalizie all’estero ma il tuo è super e sicuramente non ha nulla a che vedere con quello provato da me che risultava sempre troppo secco.
    Rimango incantata dal tuo lavoro, sei veramente brava perché oltre a fare dei dolci favolosi con foto belle e luminose riesci a fare anche i passo passo con foto da urlo, quell’impasto incordato è meraviglioso!
    Sei unica e sono felice di conoscerti, un abbraccio grande e ti auguro un dolce Natale con i tuoi cari…le dolcezze non mancheranno ;-)

    • simona 16 febbraio, 2014 - 16:40 Rispondi

      Enrica che gentile che sei davvero:* in molti dicono che lo stollen dopo tanti giorni risulta secco addirittura che alcuni tipi provati in loco erano appunto troppo secchi… Io posso garantirti che anche dopo 2 settimane questo stollen era davvero squisito. Certo non è il classico lievitato soffice e “briochioso” e la sua compattezza è scioglievole e piacevole al palato… se hai la possibilità provalo:* un abbraccio grande

  13. Elly 21 dicembre, 2013 - 08:34 Rispondi

    Una pazienza premiata! Una passione, direi assecondata in tutti i suoi attimi. Solo con questa si può sfornare un dolce in maniera così perfetta! E le tue sostituzioni sembra abbiano letto i miei pensieri, i miei desideri… come se fossi stata io uno di quegli ospiti che non amano la frutta candida ma adorano cioccolata, cioccolata bianca mirtilli rossi. Non ho letto dettagliatamente tutta la ricetta, solo i passaggi clou. ma la conservo con cura… Buon Natale!!!!

    • simona 16 febbraio, 2014 - 16:41 Rispondi

      Elly che piacere sapere che le mie sostituzioni incontrano i tuoi gusti… ecco, allora non puoi proprio non provare questa versione:* ti mando un caro abbraccio!

  14. monica 21 dicembre, 2013 - 09:40 Rispondi

    Cara Simona non so se mi piace più il pacchettino dell’ultima foto molto nordico e chic, o se ho lasciato gli occhi sul gancio della planetaria con tutta la frutta, pensa oggi devo comprare i mirtilli secchi e li vedo qui sei bravissima, e un quanto a dolci di natale e lievitati i tedeschi hanno una tradizione fiabesca, senza paragoni. Sei stata bravissima e grazie per la ricetta per me in quanto a dolci da provare è sempre natale… Ti auguro Buone Feste a te e alla tua famiglia, dolce amica. mony***

    • simona 16 febbraio, 2014 - 16:42 Rispondi

      Moni cara grazie di cuore… felice che lo proverai e sono certa che ne resterai entusiasta… è un dolce particolare, profumatissimo e dal gusto unico… sebbene diverso dai lievitati a cui siamo abituati merita una prova:) un abbraccio grande:**

  15. Valentina 21 dicembre, 2013 - 10:21 Rispondi

    Ieri ho letto un tuo commento da Michela di menta e rosmarino e se prima immaginavo che tu fossi una donna sensibile e di cuore, ora ne ho la certezza. ogni cosa che fai trasmette cura e delicatezza, questo non è solo un blog di cucina con foto passo passo, ma il mondo profumato di una persona meravigliosa. un abbraccio*

    PS: lo stollen è bellissimo e sono curiosa di vedere tutti gli altri lievitati che hai sfornato.

    • simona 16 febbraio, 2014 - 16:45 Rispondi

      Vale che belle parole hai riservato per me…. grazie, grazie di cuore sono felice che arrivi questo… davvero e voglio che tu sappia che la stima è reciproca… un abbraccio grandissimo:**

  16. Giovanna 21 dicembre, 2013 - 12:57 Rispondi

    Mu riprometto da sempre di farlo, poi il periodo di Natale non dura tantissimo, altre ricette mi prendono e rimando. Il tuo è bellissimo, mi sembra di sentirne il profumo, Un bacio

  17. clarapasticcia 21 dicembre, 2013 - 13:16 Rispondi

    Carissima, hai preparato un dolce della tradizione che non conoscevo e che mi ha conquistata subito. Come sai tutti i lievitati mi spaventano … ma altresì, come sempre, i tuoi passo passo mi prendono per mano verso il risultato finale d questo dolce veramente profumato e ricco. Splendidissimo regalo sì <3

    • simona 16 febbraio, 2014 - 16:52 Rispondi

      Clara il dolce è un pò lungo vero, ma ti assicuro che ne vale la pena… sono certa che se ti organizzi per tempo e ti studi bene i passaggi sarà un successo;) ti mando un grande abbraccio e come sempre grazie di cuore di esserci:**

  18. letizia 21 dicembre, 2013 - 17:05 Rispondi

    ed io che mi sono lamentata per la procedura laboriosa del Pandoro!!!Mi inchino dinanzi a questo splendido dolce,dove a quanto vedo ci vuole una pazienza ed un lavoro infinito…sei davvero grande Simo…complimenti e buone feste :*

    • simona 16 febbraio, 2014 - 17:00 Rispondi

      Lety i lievitati natalizi sono piuttosto lunghi e laboriosi ma che soddisfazioni eh?:*grazie mille un abbraccio grandissimo:**

  19. Roberta Morasco 21 dicembre, 2013 - 23:15 Rispondi

    Sei bravissima…MACHETELODICOAFFA’????
    Tutti questi profumi mi hanno catturata…questo dolce IO LO DEVO FARE!!!!
    grazie per tutti i passaggi, forse non tutti se ne rendono conto dell’impegno che ci vuole a fotografare (e così bene oltretutto..) tutti i passaggi della ricetta…è davvero utile soprattutto per ricette come questa!!!
    Brava amica mia!!!
    Approfitto per dirti che il mio cell è morto e forse non posso nemmeno recuperare i numeri al suo interno…ti sarei grata se mi mandassi un sms con il tuo nome Simo, così magari riusciamo a sentirci per gli auguri prima di Natale <3
    Ti abbraccio forte amica mia, Roberta

    • simona 16 febbraio, 2014 - 17:03 Rispondi

      Roby ma grazie di cuore:* in effetti fotografare tutti i passaggi non è sempre semplicissimo sopratutto quando si tratta di ricette piuttosto lunghe e laboriose come in questo caso… ma sono felice che apprezziate quello che faccio… davvero Roby grazie di cuore:** ci sentiamo presto un abbraccio grande

  20. Chiara 21 dicembre, 2013 - 23:47 Rispondi

    Mamma mia che preparazione lunghissima Simo!! Ti stimo solo per la pazienza che hai avuto!! :-)
    La tua variante con noci e mirtilli è deliziosa!!
    Ne approfitto per farti tantissimi auguri di buone feste!un bacione

  21. vickyart 23 dicembre, 2013 - 04:27 Rispondi

    bellissimo lo stollen, l’ho fatto qualche hanno fa, non quello di Adriano e con il marzapane -.- buoo e lavorato ma ne vale davvero la pena, è un ottimo dolce da regalare, vero.. ciao cara tantissimi auguri anche a te e famiglia!

  22. luisa 23 dicembre, 2013 - 07:16 Rispondi

    i tuoi post sono così maledettamente meravigliosamente perfetti, dettagliati, ricchi di ogni informazione, foto splendide e curate..
    che dire.. ho solo voglia di mangiarmi questo stupendo stollen ora..
    se non riuscissi più a passare, ti auguro anche un meraviglioso Natale.. candido e gioioso
    un bacione

  23. lory b 23 dicembre, 2013 - 20:35 Rispondi

    Un dolce regalo, mi piacerebbe scartare quel pacchettino… che bontà cara!!!
    Ne approfitto e con tanto affetto ti lascio i miei più sinceri Auguri di Buon Natale!!!!!

  24. Simona 23 dicembre, 2013 - 20:42 Rispondi

    Meraviglioso Simo!!! Non sai quanto mi piacerebbe assaggiarlo!!:) Con la tua farcitura è eccezionale!!!!
    Tantissimi auguri cara!! Ti auguro un sereno Natale e uno splendido anno nuovo!!

  25. emanuela 24 dicembre, 2013 - 18:08 Rispondi

    Che meraviglioso passo passo! Sei così precisa, ordinata…io sono il caos in persona invece! :)
    Tanti auguri cara Simona, buon Natale e complimenti di cuore! ciao

    • simona 16 febbraio, 2014 - 17:08 Rispondi

      Ema cara, quello che si vede è la parte finale… credimi che anche la mia cucina è super incasinata:D un abbraccio immenso e grazie mille:**

  26. Valentina 26 dicembre, 2013 - 20:30 Rispondi

    Ciao Simo, perdonami se passo in ritardo… ti auguro delle felici e serene feste, tanti auguri a te e alla tua famiglia, un bacio alla piccola Gin <3 Questo stollen è meraviglioso, immagino la delizia :) Un forte abbraccio, amica mia <3

    • simona 16 febbraio, 2014 - 17:14 Rispondi

      Vale cara:* figurati per il ritardo… gli auguri sono sempre ben accetti… anche se in ritardo ti auguro uno splendido inizio anno:*

  27. vaty 29 dicembre, 2013 - 18:15 Rispondi

    tesoro, passo solo ora e come sempre sono senza parole…
    ci hai regalato dei passo-oasso strabilianti!
    credo tu sia davvero la blogger con le ricette passo-passo più stupende di tutto il web, e non parlo solo del web italiano!
    sei un mito e io sono cosi fiera di conoscerti.
    Cucciola mia, come sempre passo di qua ma poi ti chiamerò anche domani perchè sto per staccare. anche se te lo dirò a voce, sappilo: ti voglio bene, simo. Felice anno nuovo Amica. per ben 2 anni ti ho abbracciata, e non si dice che non c’e 2 senza 3. anzi, per noi, spero sia senza 300 volte ancora!

    • simona 16 febbraio, 2014 - 17:20 Rispondi

      Dolcissima amica:* grazie di cuore… sono felice che i miei passo passo risultino interessanti… per questi in particolare ho faticato molto … alcuni sono fatti a tarda sera e tu puoi capirmi che problema con le luci… ma per fortuna sono riuscita a montare la ricetta… anche se con ritardo grazie di cuore dei tuoi auguri… ricambio con affetto e anche se ce lo diciamo spesso anche al tel ti voglio bene:**

  28. elenuccia 30 dicembre, 2013 - 15:13 Rispondi

    Un po’ troppo complicato per me ma devo ammettere che ha un aspetto davvero meraviglioso. Io poi amo i dolci rustici con uvetta, canditi, frutta secca e roba simile.
    Simo ti faccio tantissimi auguri di Buon Anno. Spero che regalerà a te e ai tuoi cari tanta serenità e felicità.

    • simona 16 febbraio, 2014 - 17:22 Rispondi

      Ele è un pò laborioso si, ma solo per il tempo che occorre… con un pò di organizzazione è fattibile… e la soddisfazione è tanta davvero… provalo se hai la possibilità è speciale:) un abbraccio grande e grazie mille… anche se con ritardo ricambio con affetto:**

  29. Candida 31 dicembre, 2013 - 15:59 Rispondi

    Cara Simona le tue spiegazioni sono sempre chiare ed esaurienti e le foto sono il giusto corredo per questo splendido dolce!
    Tanti auguri a te e alla tua famiglia per un meraviglioso anno ricco di serenità e amore!
    Un abbraccio
    Candida

  30. nahomi 4 gennaio, 2014 - 19:41 Rispondi

    cara Simona,
    passato un bel capodanno????
    io finalmente trovo un pochino di tempo per me.
    laborioso questo dolce ma credo che meriti tutto il tempo. quando il lavoro mi lascerà un pochino libera potrò fare qualcosa di diverso alla pastafrolla.
    ora ti abbraccio forte e ti auguro buon 2014.
    a presto Nahomi

    • simona 16 febbraio, 2014 - 19:41 Rispondi

      Carissima:* che piacere leggerti:* diciamo che l’anno non è inziato proprio nel migliore dei modi, ma sto cercando di pensare positivo… ti mando un abbraccio immenso e l’augurio che tu possa trovare un pò più di tempo per te :**

  31. Bietolin@ 4 gennaio, 2014 - 23:40 Rispondi

    Eccomiii! Meglio tardi che mai ;-)
    Innanzitutto tanti, tanti, tanti auguri e poi anche tanti complimenti per questa ricettina: dev’essere piuttosto complessa, ma tu sei stata bravissima, come sempre ;-)

    • simona 16 febbraio, 2014 - 19:43 Rispondi

      Carlotta cara:* da quanto tempo, che piacere ritrovati… tanti cari auguri di buon anno anche a te :** grazie mille carissima un abbraccio:**

  32. Maddy 6 gennaio, 2014 - 15:31 Rispondi

    Ciao amica mia, da domani si rincomincia e devo dire che in questi giorni di vacanza mi sei molto mancata, soprattutto quando sono venuta a Roma! E’ stato un peccato non posti vedere, tutto mi parlava di te e ti ho pensata tanto, spero che ci sarà presto un’altra occasione perché ho proprio tanta voglia di vederti, di parlare delle nostre foto, dei nostri obiettivi….spero tu abbia passato delle buone feste di Natale con la tua famiglia e buon inizio di anno nuovo! Speriamo che ci porti tante cose belle , serenità e tranquillità! Ti faccio i complimenti per questo dolce bellissimo, fatto con tanto amore e passione per i lievitati, questa volta ci hai dato anche gli orari, sei semplicemente unica! Un abbraccio amica mia e buona Befana!
    Maddy

    • simona 16 febbraio, 2014 - 19:49 Rispondi

      Amica mia:* non sai quanta voglia ho di ritornare a parlare di foto, obiettivi , food e styling… il nostro mondo insomma… piano piano mi sto riattivando… intanto ti mando un abbraccio immenso… ti chiamo in settimana:*

  33. artù 12 gennaio, 2014 - 16:41 Rispondi

    vergognosamente passo in ritardissimo….ormai tardi per tutto, ma non per dirti che ogni volta che passo da te rimango rapita dai tuoi post. perfetti sempre! come questo stollen così adorabile!.

    • simona 16 febbraio, 2014 - 19:53 Rispondi

      Michela carissima:* le tue visite sono sempre graditissime… lascia stare la questione tempo- ritardi… le giornate sembrano sfuggire di mano anche a me… ma quello che conta è l’affetto, l’interesse e il bene… grazie di cuore …

  34. Valentina 12 gennaio, 2014 - 21:37 Rispondi

    Ciao cara Simo, come stai? Tanti auguri per un felice e sereno anno nuovo, purtroppo riesco a passare solo ora e spero tu possa perdonarmi… Come stai? Spero tu possa tornare presto, è da un po’ che non posti. Ti abbraccio con tanto affetto e ti aspetto, un bacio amica <3

    • simona 16 febbraio, 2014 - 19:59 Rispondi

      Vale tesoro:* ti ringrazio del pensiero, piano piano mi sto riattivando… ti mando un abbraccio pieno d’affetto anch’io:**

  35. sandra 25 gennaio, 2014 - 22:56 Rispondi

    Simona, passo a lasciarti un bacione ♥
    Sai, ho pensato che , per qualche ragione, non mi arrivassero più le notifiche, invece vedo che …sei ancora in vacanza!..almeno spero… :))

    • 13 novembre, 2014 - 12:36 Rispondi

      ciao Silvia:* benvenuta:* grazie mille per i complimenti sono felice che questo posto ti piaccia.. Lo Stollen è un dolce eccezionale e va appunto preparato con un pò d’anticipo… fai bene a metterti a lavoro:* sei hai dubbi sono a disposizione… poi tienimi aggiornata sul risultato… intanto un caro saluto:**

  36. edvige 25 marzo, 2016 - 16:56 Rispondi

    Lo stollen nasce a Dresda come tu sai ed è anche un dolce nazionale da Guinnes dei primati locali e ogni anno viene festeggiato il giorno con lo stollen per tutta la cittadinanza. Lo so mia cognata è di Dresda.
    Perfetto svolgimento ma, si può semplificare e senza apporto meccanico che non tutti possiedono. Grazie per le spiegazioni dettagliate ma cosi diventa veramente moooolto lungo. Ciaooo