Focaccia senza glutine (soffice e facile) Ricetta e consigli passo passo

La Focaccia senza glutine è un lievitato salato gustoso e profumato! Realizzato con farina di riso, acqua, lievito, sale e olio,  tutti ingredienti genuini che la rendono perfetta per celiaci e intolleranti! Molto semplice da fare, credetemi se vi dico, vi stupirà per la sua consistenza morbida e soffice e un gusto squisito e saporito proprio come la versione classica!

Focaccia senza glutine- la Ricetta Focaccia senza glutine

Dopo varie sperimentazioni, sono arrivata a condividere con tutti voi, la Ricetta perfetta della Focaccia gluten free! Che nonostante senza farina manitobasenza farina classica , risultasse ugualmente morbidissima, leggera e soffice al morso!Vi dico che si tratta di una Ricetta semplicissima e veloce!  Si mescola tutto in ciotola, si prepara a mano, senza nessuna difficoltà! Chi conosce questo tipo di farine sa perfettamente che gli impasti senza glutine non si incordano e si presentano “strappati” “slegati” appunto privi della classica maglia glutinica, è normalissimo quindi non vi spaventate! se vi trovate una pasta simile ad una torta! Seguite tutti i consigli passo passo che vanno dalla lievitazione a come stendere in teglia e vedrete che porterete in tavola la migliore Focaccia senza glutine!Focaccia senza glutine- la Ricetta Focaccia senza glutineOttima da utilizzare al posto del pane, da sola, farcita con affettati e formaggi, oppure ripiena! per spuntino, merenda, in ufficio, a scuola!

Ricetta focaccia senza glutine

TEMPI DI PREPARAZIONE
PreparazioneCotturaTotale
Ingredienti
Quantità per 1 teglia classica da forno
  • 500 di farina di riso oppure il mix di farina senza glutine 
  • 365 gr di acqua a temperatura ambiente
  • 1 cucchiaino colmo di lievito di birra secco – 10 gr di lievito di birra fresco (oppure 100 gr di lievito madre raddoppiando i tempi di lievitazione)
  • 1/2 cucchiaino di zucchero
  • 11 gr di sale
  • olio extravergine per condire
  • sale grosso oppure in fiocchi
  • rosmarino fresco
Procedimento

Come fare la Focaccia senza glutine

Prima di tutto realizzate l’impasto seguendo l’articolo passo passo : FOCACCIA

Lasciate lievitare in luogo asciutto per minimo 4 ore, fino a quando non triplica, essendo una farina molto debole ci vorrà più tempo! quindi non preoccupatevi se non lievita, ponete in forno spento a 28° e guardate il volume!

Quando è pronta spolverate di farina il piano di lavoro, rovesciate l’impasto e date 2 pieghe a portafoglio :

impasto senza glutine per focaccia

Non vi preoccupate se si strappa, non si tira e non si allunga! E’ normale. lasciate riposare 30 minuti

Trasferite in teglia  rivestita di carta da forno, picchiettate con le dita infarinate per allargare l’impasto. abbiate pazienza anche se risulta appiccicoso!

stendere in teglia la focaccia senza glutine

Lasciate lievitare in forno spento acceso da poco per almeno 1 h e mezza! deve raggiungere i bordi della teglia! Anche in questo caso, abbiate pazienza

condite infine con olio, sale grosso, rosmarino sgranato:

condire e cuocere la focaccia senza glutine

Fate lievitare ancora per 30 minuti poi cuocete in forno a 180° nella parte bassa, contatto forno per circa 15 minuti, quando si è creato il bordo croccante, passate al piano centrale, aggiungete un filo d’olio e proseguite la cottura per ancora 20 minuti circa!

Sfornate e gustate la vostra Focaccia senza glutine!

Focaccia senza glutine- la Ricetta Focaccia senza glutine

Si conserva perfettamente per il giorno dopo se la sigillate appena si raffredda!

5 per 3 voti
Prepara la Ricetta! Seguimi su Instagram @tavolartegusto e condividi la tua creazione con l’hashtag #tavolartegusto. Entrerai nella mia gallery!
ASPETTA! LEGGI ANCHE QUESTI :
19 Commenti
  1. Vincent

    Ciao. Adoro le tue ricette e molte ne ho in archivio oltre a quelle che ho provato a fare. Solo una considerazione: in tutti i blog vedo un proliferare di ricette per celiaci o comunque per chi è convinto che il glutine faccia male (salvo poi mangiare il seitan senza neppure sapere cos’è). Niente di sbagliato, ghi fa blog è giusto che calanchi l’ onda. Rimango pero perplesso sulle mode alimentari. E’ provato che i veri celicaci sono pochi – seppure aumentati, quelli veri intendo, in questi ultimi anni – e di volta in volta di demonizza un certo alimento o un componente alimentare. Nello stesso tempo, si esaltano oltre misura i benefici (che fanno sì, molto bene, ma soprattutto alle tasche degli importatori) di alimenti esotici, come se l’ umile cavolo verza non fosse abbastanza “alieno” per essere apprezzato: vedi la fuffa delle bacche di goji o la strombazzata quinoa. Dietro ci sono interessi a molti zeri. Un po’ come successe anni fa per la crusca una tra le prime inversioni di tendenza. Prima considerata scarto, poi venduta a prezzi ingiustificati. Solo per fare due chiacchiere….Un saluto da Rimini.

    5
    1. Emanuela Badiali

      Mi dispiace Signor Vincent sei celiaco perchè risulta dalle analisi, perchè ti fanno la gastroscopia che non è un piacere. Devi passare tutte le analisi di routine perchè ti venga diagnosticata la celiachia. Da quel momento in poi la tua vita non sara’ normale. Mi metto nei panni delle mamme che alla loro bimba le devono fare capire che alle festicciole non possono mangiare le cose come gli altri bimbi. Quindi non è una moda……..è una costatazioni di fatto. Il celiaco non ha villi intestinali e se non fa la dieta puo’ passare guai fisici, che tralascio.

    2. Orietta

      Aspetti che a causa del glutine le venga un perenne mal di testa, diarrea, crampi addominali e nausea e poi vedrà se continua a mangiare quello schifo di farine superglutinate che sono in commercio, non so dove si è informato ma si è informato male, sappia che i celiaci non sono pochi, anzi sono in costante aumento proprio a causa del tipo di grano che oggi viene coltivato e così pure gli intolleranti al glutine che presentano stessa sintomatologia dei celiaci solo che non hanno la stessa risposta immunitaria, prima di dire che è una moda veda di informarsi seriamente sempre che ne abbia veramente intenzione e che il suo definirla una moda non sia una diffamazione per scopi personali tipico di quei panettieri che si ostinano a navigare nell’ignoranza pur di continuare a produrre impasti più comodi, l’anima del commercio è la pubblicità ma anche l’aggiornamento e chi si ostina a rimanere nell’ignoranza non merita che il fallimento!

  2. Fiorella

    Ottima la faccio grazie

    5
    1. Sabrina

      Buonasera, mi permetto di ribattere in quanto mamma di una bimba ahimè celiaca, clinicamente diagnosticata e non per moda…ringrazio per la ricetta perché purtroppo è molto difficile offrire una “normalità” soprattutto ad una bambina che desidererebbe mangiare una focaccia come i suoi amichetti ma che non lo può fare…quindi grazie a chi propone anche spunti e ricette gluten free. Purtroppo non tutti possono scegliere cosa mangiare o che tendenze seguire!

      5
      1. Monica

        Vorrei provare a fare la tua focaccia avendo 2 celiacinin famiglia.
        Silo una cosa. Che vuol dire lasciare lievitare in forno spento acceso da poco?

        1. Desi

          Stessa domanda!

          1. Simona Mirto

            significa lasciar lievitare in un ambiente caldo – temperato. il forno acceso da poco crea una camera di lievitazione perfetta!

      2. Jasmine

        Salve. Io per ora posso usare solo farina di miglio e bicarbonato o farina di cocco. Esce fuori bene uguale? Grazie

  3. Antonella

    Buonasera, mi è stata diagnosticata l’allergia al glutine da qualche giorno, vorrei sapere se potrei aggiungere in questa focaccia la patata.

  4. elena

    Buondi ho seguito la sua ricetta ma nonostante abbia atteso ore NON è mai inmpratoca lievitata. Ho provato a cuocerla ed è risultata una schiacciata durissima. Quale può essere stato il problema?grazie

    1. Carlotta

      Ho provato a fare la ricetta con la normale farina di riso. Impastata la sera prima non è lievitata per niente. Sai dirmi come mai?
      Grazie

  5. Alessia

    Se non lievita probabilmente il problema è l’aver messo sale e lievito insieme. Il sale va sempre aggiunto lontano dal lievito, in quanto agisce a sfavore di quest’ultimo.

  6. Vero

    Dimensioni della teglia ?

    1. Anna

      Può influire l’altitudine nella ricetta? Vivo a 2000 metri e ho notato che nei preparati pe rdolci sono indicate quantità differenti per chi vive ad alte quote; per la focaccia devo prevedere più acqua?( di solito vengono aumentati i liquidi). Grazie

  7. Silvana

    Buongiorno ho appena impastato la focaccia e devo dire che ha un bell’aspetto , complimenti a lei .
    Volevo chiedere se il forno deve essere ventilato o statico .grazie

  8. Morena

    La focaccia è riuscita molto bene, ottima ricetta; l’ho fatta lievitare solo 1 ora 1/2 perché non essendoci glutine lasciarla fermo troppo ho riscontrato che perde la lievitazione. Al signor Vincent cosa si può rispondere?!?! Che oltre ai numerosi celiaci (allergici al glutine) diagnosticati tali con esami e biopsie ci sono i semplici intolleranti che, pur avendo gli stessi effetti collaterali, non sono celiaci quindi non hanno nemmeno le esenzioni e i buoni per l’acquisto dei prodotti senza glutine che, tra l’altro, sono molto più costosi di quelli tradizionali. Eviti commenti inopportuni e si informi.

  9. Susanna

    Salve! Mia figlia è celiaca accertata da ormai 13 anni. Credo che il signor Vincent volesse dire che ci sono persone che non assumono glutine, non perché realmente nocivo per il loro organismo, ma perché sembra andare “di moda” seguire un’alimentazione gluten free, quasi quanto vada di moda il sushi. Non credo proprio volesse sminuire chi soffre realmente della sindrome celiaca. Comunque proverò a fare questa focaccia che sembra molto appetitosa! Grazie

  10. Michela

    Buongiorno. Io NON sono celiaca, ma ahimé ho scoperto di essere intollerante alla farina di grano grazie ad un esame per le intolleranze alimentari eseguito tramite prelievo venoso. Questi esami, purtroppo, non sono sempre ritenuti attendibili dai medici. Per farvi un esempio io ho consultato due medici e uno mi disse che questi esami non avevano validità mentre l’altro mi disse che sono attendibili. Non rischio la vita (passatemi il modo di dire) se mangio un qualcosa che contenga farina di grano, ma se esagero, e questo per me vuol dire se mangio qualcosa di questo genere più di due o tre volte al mese, passo le mie giornate al bagno con dei dolori addominali terribili. Oltre al grano ho scoperto di essere intollerante anche alle uova, che come sapete bene nelle preparazioni soprattutto dei dolci, sono ovunque. Questo per dire che il mangiare senza glutine non è una moda, almeno non per me. Se io compro un qualsiasi prodotto che non sia gluten free ma di una farina diversa da quella di grano e vado a leggere gli ingredienti leggerò che le farine sono mischiate. Quindi tanto vale essere sicuri acquistando senza glutine. Non è facile cambiare modo di mangiare, soprattutto non è facile farlo diventare uno stile di vita. E comunque, i panificati senza glutine come la focaccia in questione sono ottimi! Il mio compagno non ha alcun problema ma dice che come le mie pizze/focacce non ce n’è.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.