Questo sito contribuisce alla audience di Agrodolce.it

Marmellata di fragole fatta in casa: Ricetta e consigli

Marmellata di Fragole - Confettura di Fragole - Ricetta Marmellata di Fragole

La Marmellata di fragole (anche se sarebbe più corretto parlare di Confettura di Fragole dato che dall' 82, una direttiva dell'Unione europea ha stabilito che con il termine "Marmellata" vanno indicati solo i prodotti a base di agrumi, mentre tutti gli altri tipi di frutta e verdura, ottenute dalla lenta cottura con lo zucchero, vanno etichettate invece come "Confetture") è tra le Conserve più golose ed apprezzate, ideale da spalmare sul pane o fette biscottate, è perfetta anche per riempire crostate e tartellette, farcire rotoli ... La Ricetta è quella tradizionale, che preparo praticamente da anni: vi è una percentuale del 50% (poco più) di zucchero sul totale che garantisce la conservazione  sicura della Marmellata di fragole. Ricordate che meno zucchero c'è, più aumenta il rischio che il prodotto deperisca e dia origine a spore e muffe. Lo zucchero, così come il sale, non solo inibisce il botulino, ma preserva più a lungo le nostre Conserve. Non c'è l'aggiunta di pectina o addensanti, il merito della consistenza che vedete dalla foto, corposa, densa e poco liquida, è delle bucce di limone (ricche di pectina) messe a marinare con le fragole un giorno prima, e anche della doppia cottura della frutta, sia in pezzi, che successivamente passata. Il profumo, la golosità e freschezza della Marmellata di fragole fatta in casa è merito di ingredienti genuini, freschi e di primissima qualità:  fragole intere, mature, prive di ammaccature e perfettamente integre, zucchero bianco e limoni con foglia da cui ricavare succo e buccia. Il gusto è intenso, dolce, tipico di questo frutto, il limone non disturba ma equilibra la dolcezza di fragole e zucchero senza essere invasivo o avvertirsi al palato. dalla squisitezza e genuinità decisamente senza paragoni rispetto a quelle comprate. Di seguito la Ricetta della Marmellata di fragole fatta in casa, accompagnata da una serie di consigli per prepararla in sicurezza e senza difficoltà.

TEMPI DI PREPARAZIONE
PreparazioneCotturaTotale
Ingredienti
Quantità per 3 barattoli di marmellata di fragole da 250/300 ml
  • 1 kg e 1/2 di fragole (peso al netto di scarti)
  • 800 gr di zucchero
  • 1 limone grande + 1/2 di media dimensione (da cui ricavare succo e buccia)

Occorrente 

  • 3 barattoli da 250 /300 ml da sterilizzare 
  • 3 tappi con chiusura  a vite e capsula Twist off  da sterilizzare
  • pentola grande in acciaio possibilmente leggera che contenga i barattoli completamente coperti di acqua
  • strofinacci da cucina puliti
  • schiumarola da cucina

NOTA: se volete saperne di più sulla tipologia di Vasetti/ barattoli da utilizzare, sui tappi e su tutti gli strumenti per la sterilizzazione per le Conserve, potete consultare l'articolo: Sterilizzare i Vasetti di vetro per Conserve e Istruzioni per l'uso.

Procedimento:

Quali fragole scegliere per preparare la Marmellata di fragole?

Fragole fresche, possibilmente di cui conosciamo la provenienza, il top sarebbe coltivarcele,  ma purtroppo non tutti abbiamo la fortuna di possedere un orto, quindi, affidatevi ai vostri negozianti di fiducia, prediligete sempre prodotti di stagione e se ne avete la possibilità a Km 0.

Le fragole con cui realizzare la Confettura devono essere mature al punto giusto,  dal colore rosso intenso non acerbe, devo risultare prive di ammaccature, tracce di muffa o segni di cedimento. I frutti che presentano ammaccature vanno quindi perfettamente puliti e depurati da eventuali parti marce o molli, questo se si tratta di un piccolo pezzetto, se la fragola  nel suo complesso risulta al tatto troppo molle, scartatela per questo tipo di Ricetta. 

 

Importante è utilizzare subito le fragole acquistate. Più tempo stazionano in frigo più questo frutto sarà soggetto a deperimento.

Come pulire le fragole per la preparare la Marmellata di Fragole:

1) Lavate le fragole senza lasciarle a bagno, per evitare che assorbano troppa acqua. Sciacquatele quindi velocemente sotto il rubinetto.

2) Asciugatele con uno strofinaccio pulito, tamponando senza fare troppe pressioni

3) Eliminate il ciuffo verde ed eventualmente parti bianche, acerbe, molli o non perfette.

4) Ripulite il frutto se necessario con uno strofinaccio pulito

5) Tagliate ogni fragola in 2 o 4 parti:

Lavare, pulire e affettare le fragole - Ricetta Marmellata di fragole

 

Marinatura di fragole, zucchero e limone:

 

Il mio consiglio è di anticiparvi il giorno prima con la marinatura

per due motivi:

1) Il gusto e il profumo della vostra Marmellata di fragole, risulterà decisamente più intenso.

2) Se volete ottenere una Confettura di fragole piuttosto densa, spalmabile, non liquida, come quella che vedete in foto, questo passaggio aiuterà ad ottenerla,  perchè le bucce di limone sono ricche di pectina, una sostanza naturale che si trova nella frutta di cui le fragole non sono particolarmente ricche. La marinatura a lungo creerà le condizioni per il rilascio di pectina.

Naturalmente se non avete troppo tempo a disposizione:

potete lasciare in marinatura solo 2 h

 

Servitevi di un recipiente piuttosto capiente, aggiungetevi le fragole pulite e tagliate, ricavate il succo di un limone e mezzo e filtratelo accuratamente con un passino a fori stretti. Pesate lo zucchero: 

Filtrare il succo di limone - Ricetta Marmellata di fragole

 

 Aggiungete alle fragole lo zucchero, il succo di limone e le bucce ricavate dei limoni premuti e precedentemente lavati. Mescolate bene affinchè le fragole si condiscano:

Fragole tagliate con succo e buccia di limone pronte per la marinatura -  Ricetta Marmellata di fragole

 

Coprite la ciotola con una pellicola e lasciate in frigo per 1 giorno, come sottolineato prima, oppure per almeno 2 h. Avendo cura di tanto in tanto di girare il composto.

 

A questo punto se lasciate la ciotola in frigo per 1 giorno il lavoro è terminato e va ripreso il giorno seguente. Se invece avete scelto la marinatura veloce, aspettate  almeno 1 h prima dedicatevi alla

Sterilizzazione dei Vasetti di vetro, questo per evitare di lasciarli troppo all'aria inutilizzati e rischiare di vanificare la sterilizzazione.

Nell'articolo: Sterilizzare i vasetti di vetro per le Conserve e istruzioni per l'uso, troverete tutti i dettagli, con procedimento e foto passo passo per sterilizzare i vostri barattolie procedere a preparare in sicurezza la vostra Marmellata di fragole.

 

Trascorso il tempo che avete scelto per la marinatura, trasferite il composto di fragole, zucchero e limone in una pentola capiente, scartando da parte le bucce.

Se avete aspettato solo 2 h il composto non sarà cambiato molto. Al contrario se avete lasciato le fragole a marinare per 1 giorno, il composto risulterà decisamente più liquido e più profumato.

Ponete sul fuoco a fiamma moderata e lasciate bollire:

Cuocere le fragole -  Ricetta Marmellata di fragole

 

Dal momento dell'ebollizione, lasciate cuocere 30'/ 40' a fuoco basso, servendovi di una schiumarola da cucina per eliminare eventuale schiuma in eccesso che si formerà in fase di cottura. Girate con un cucchiaio di legno costantemente.

NON lasciate il composto sul fuoco incustodito. La frutta va coccolata e seguita con attenzione. Non deve bruciare, Non deve attaccarsi e il fuoco deve mantenersi sempre dolce.

Piano piano il composto si rapprenderà, diminuendo anche un pò di volume.

Il risultato finale è  una Composta fatta di succo gelatinoso e pezzi:

Il composto di fragole dopo la prima cottura -  Ricetta Marmellata di fragole

 A questo punto lasciate intiepidire 10' girando di tanto in tanto il composto. 

Procedete quindi a passare le fragole con un passino a fori medi.  Quest'operazione è fondamentale per ottenere una marmellata uniforme (anche se in molti preferiscono lasciare i pezzi io consiglio di passarl, in quanto in quanto i pezzi sono ancora troppo poco legati al resto del succo e non otterrete una marmellata compatta e spalmabile come vedete dalla foto):

Passare il composto caldo con un passaverdure -  Ricetta Marmellata di fragole

 Il composto appena passato risulterà molto più omogeneo, pur non avendo perso consistenza, il passino a fori medi avrà permesso di ottenere un composto in cui sono presenti anche piccoli pezzetti:

Fragole passate -  Ricetta Marmellata di fragole

A questo punto riponetela marmellata di fragole ormai intiepidita sul fuoco medio e lasciate cuocere a fiamma dolce per ancora 30' - 35', in questa seconda fase la schiumarola non dovrebbe servire. Il composto produrrà pochissima schiuma ad ogni modo se necessario eliminatela.

Anche in questa fase non dovete distrarvi, la confettura  va seguita, coccolata, girata costantemente e monitorata.

Vi accorgete che il composto è pronto dalla prova goccia:  a fine cottura, versate  una goccia di marmellata su un piatto, inclinatelo, se resta ferma e non sbava è pronta.

Se dovesse risultare ancora troppo liquida, lasciatelo ancora in cottura qualche minuto. (5'-10')

Ottenuta la consistenza giusta, allontanate la pentola con la marmellata di fragole dal fuoco e continuate a girare. 

Lasciate assestare un paio di minuti prima di procedere all'invasamento.

 

Invasare la Marmellata di fragole

Dopo aver passato i vasetti nel forno, per l'ultima fase di sterilizzazione, procedete all'invasamento. 

La marmellata deve essere ancora calda, ma lasciate che si intiepidisca almeno dal bollore. Basteranno dai 2' ai 5' . Girate costantemente per velocizzare il processo di assestamento.

Versate quindi la marmellata di fragole nei vasetti, riempite fino al collo,  lasciando solo pochi mm dal bordo:

Il composto di fragole dopo la seconda cottura, pronto per essere invasato -  Ricetta Marmellata di fragole

Chiudete con un tappo twist off  munito di capsula centrale. Avvitate perfettamente, cliccate sulla capsula, in questa fase si sente il "CLAK" girate sotto sopra il barattolo appena riempito, dando il via alla fase sottovuoto.

Riempite gli altri barattoli secondo lo stesso metodo.

Lasciate i barattoli a testa in giù per qualche ora, fino a quando non si saranno intiepiditi: 

Vasetti pieni di marmellata di fragole in fase di sottovuoto -  Ricetta Marmellata di fragole

 

Quando i vasetti si saranno intiepiditi (dopo qualche ora) girateli nuovamente e lasciate ancora a testa in su a raffreddarsi completamente. 

Nel giro di 12 h il sottovuoto dovrebbe essere avvenuto: quando cliccate sulla capsula centrale del tappo "NON DOVETE SENTIRE IL CLACK" e il tappo deve avere un aspetto completamente piatto, segno che tutta l'aria in barattolo è stata risucchiata. 

Se il sottovuoto non è avvenuto niente paura, sostituite il tappo e procedete alla bollitura dei barattoli pieni. Tutte le indicazione su cosa fare se il sottovuoto non è avvenuto le trovate nell'articolo: Sterilizzare Vasetti di vetro per Conserve e Istruzioni per l'uso.

Dal momento in cui i vasetti risultano completamente freddi (24 h)  potete gustare finalmente la vostra Marmellata di Fragole (Confettura di Fragole) anche se sarebbe meglio aspettare 2-3 giorni di assestamento per goderne di tutto il profumo e sapore:

Marmellata di Fragole - Confettura di Fragole - Ricetta Marmellata di Fragole

Conservare la Marmellata di fragole

Al momento dell'invasamento è buona norma etichettare i barattoli con la data di produzione. Da quella data, la marmellata di fragole va consumata nel giro di 1 anno.

In luogo asciutto, fresco,  privo di escursioni termiche e fonti di calore, lontano dai raggi solari, meglio se al buio. 

Ringrazio la mia amica Lory per avermi donato la tovaglietta ricamata ncon le sue mani che vedete nell'ultima foto. Splendida vero? Dono del suo giveaway.


Ricetta e fotografie di

Piaciuta la Ricetta? Resta aggiornato!

Iscriviti al blog e riceverai le prossime ricette gratis nella tua mail.

69 commenti

  1. Ileana 26 maggio, 2014 - 13:07 Rispondi

    Tesoro, appena è arrivata la notifica del tuo nuovo post ho sorriso.
    Sorrido perché ieri ho preparato la confettura di fragole, con quasi le tue stesse dosi, proprio 1,5 kg di fragole ( e 750 g di zucchero, ma è praticamente uguale <3 ).
    Ho aggiunto solo qualche aroma in più, oltre al limone..e il resto è la stessa, profumata, unica, dolcissima.
    Che dici siamo in sintonia? <3
    Spero di riuscire a fotografarla entro la settimana, così la pubblico venerdì.
    Riusciremo a sentirci questa settimana, vero? :*
    Ti abbraccio dolcezza, buona giornata <3

  2. Imma 26 maggio, 2014 - 13:22 Rispondi

    E’ semplicemente favolosa mia cara Simo mamma che colore spettacolare e con tutti i tuoi consigli ho davvero voglia di lanciarmi prima che le fragole finiscono e non vedo l’ora di buttarmi e realizzare tanti vasetti golosi per una colazione da urlo!!!Un bacione immensoooooooooe tvb,
    Imma

  3. Claudia 26 maggio, 2014 - 13:28 Rispondi

    Ma che brava sei stata!!!! in tutta la spiegazione.. e il perfetto passo passo scritto e fotografato! Quanto è buona con le fragole.. anche se amo tantissimo anche prugne e ciliegie.. Io non ne ho mai fatta una mi credi?? boh.. son pigra per queste cose.. epure perchè in casa la consumererei solo io.. :-) un abbraccio forte forte e buon inizio settimana :-)

  4. Simona 26 maggio, 2014 - 13:33 Rispondi

    Simo è magnifica!!!! Che colore invitante e chissà che profumo!!!!!:) ho fatto solo una volta la marmellata (di agrumi….ce l’ho ancora da pubblicare) e questa di fragole mi piacerebbe tantissimo provarla!!! Un bacione cara!!!

  5. Vaty 26 maggio, 2014 - 13:46 Rispondi

    Tesoro mio, giusto ieri siamo tornati a casa con un barattolo di confettura di fragola (ma uva fragolina) e mio marito mi chiedeva se non potevamo fare anche noi le marmellete in casa visto che sono insuperabili.. tesoro.. oggi apro il tuo blog e trovo ciò che cercavo,. grazie di cuore per tutti i consigli preziosi. sei la numero uno. anche le foto work in progress sono delle opere d’arti. sarò ripetitva.. ma sai che lo penso <3

  6. Audrey 26 maggio, 2014 - 13:54 Rispondi

    Ciao tesoro,
    mamma mia che buona!!!! Io solitamente compro le fragole di Policoro perchè sono prodotte a qualche km dalla mia città, km 0, fresche di giornata e molto gustose.
    Non sapevo di questa direttiva sulla dicitura marmellata/confettura, ho appreso una cosa nuova. Tesoro grazie mille per essere passata da me ieri, ho apprezzato molto :D
    un bacione e buona gironata
    p.s. cerca di riposarti un po’ :***

  7. m4ry 26 maggio, 2014 - 14:06 Rispondi

    Ne ho preparata anche io un bel po’…quanto mi piace…che bel colore rosso rubino che ha la tua :) Brava amica…e comunque, a me piace chiamarle tutte “marmellata”…:P
    Ti abbraccio :*

  8. Eleonora 26 maggio, 2014 - 15:01 Rispondi

    buona!!! e che colore splendente.
    la marmellata di fragole è insuperabile.
    anche io uso per la mia frutta il riposo di un giorno con lo zucchero. la marrmallata ne guadagna in sapore!
    quella di fragole però l’anno scorso non mi era venuta bene, la cottura prolungata aveva lasciato ben poco sapore di fragole!
    :-/

    • 26 maggio, 2014 - 16:36 Rispondi

      Ciao Ele:* grazie mille:* si, la marmellata di fragole è tra le più buone in assoluto… la marinatura prolungata regala un gusto e un sapore unico e a mio avviso va assolutamente fatta, anche se si prolunga il lavoro.
      Ele quanto tempo l’avevi cotta l’anno scorso? di solito 30′ sia nella prima che nella seconda fase sono tempi molto collaudati.. forse più che la cottura prolungata ad aver causato la perdita di sapore può essere stata la cottura poco monitorata… Mi permetto di azzardare questa ipotesi perchè un anno mi sono trovata nella stessa situazione, mi capitò, causa fare più cose insieme, di lasciare sul fuoco la marmellata per qualche minuto senza girarla… e il risultato non fu eccezionale… per quanto non si attaccò al fondo aveva perso sapore, quasi come se la cottura avesse essiccato l’essenza delle fragole.
      Da quell’anno ogni volta che ho le marmellate sul fuoco, non mi stacco dalla pentola per tutti i 30′ sia nella prima che nella seconda fase… girando quasi costantemente, questa operazione intiepidisce il bollore e naturalmente fuoco molto basso:)
      un abbraccio e buona giornata:**

  9. Ale - Dolcemente Inventando 26 maggio, 2014 - 15:06 Rispondi

    Adoro la confettura di fragole, la feci anch’io lo scorso anno aromatizzata alla vaniglia e acqua di rose…peccato sia sparita nel giro di pochissimo! La tua è fantastica e le foto come al solito mi lasciano a bocca aperta!Un bacione e a presto dolce amica mia!

    • 26 maggio, 2014 - 16:20 Rispondi

      Ciao:) puoi stampare o salvare in pdf tutte le ricette. Purtroppo ho dovuto disabilitare la funzione copia e incolla a causa delle ripetute copie dei testi senza citazioni che ho trovato in giro nel corso di quasi 3 anni. Mi rendo conto che è un disagio, ma era l’unico modo per tutelare un minimo il mio lavoro.
      A presto:)

  10. lory 26 maggio, 2014 - 14:48 Rispondi

    che buona la marmellata di fragole!!!!!!! non mi sono mai cimentata con le marmellate mi sembra una cosa difficile…un bacione e buona settimana Lory

  11. Maddy 26 maggio, 2014 - 17:03 Rispondi

    Ciao tesoro bello!!! ogni volta e sempre di più mi incanto a vedere le foto dei tuoi passo passo, li adoro e scorrendo cerco di immaginare lo scatto successivo! Ogni volta mi convinco che sei sempre più brava, un modello che ho seguito dal primo post che se seguo tuttora ispirandomi sempre! Sei bravissima amica mia e grazie per ituoi consigli preziosi, mai scontati anche per chi di marmellate se ne intende!!! ti abbraccio forte e ti auguro una buona settimana!

  12. Candida 26 maggio, 2014 - 17:32 Rispondi

    Un post pieno di consigli utili e mai scontati e una confettura dal colore e dalla consistenza splendidi, peccato non poterne sentire il profumo!

  13. Francesca P. 26 maggio, 2014 - 18:33 Rispondi

    La prossima settimana apparirà nel blog qualcosa di moooolto simile (giusto un ingrediente in più segreto!) ma a saperlo prima avrei aspettato il tuo post per scoprire tutti questi consigli utili! :-) Li terrò da conto per le prossime volte perchè ormai con le confetture e marmellate non mi fermo più, farle mi mette allegria! La stessa allegria che mi trasmettono le tue foto… :-)

  14. Michela - Menta e Rosmarino 26 maggio, 2014 - 22:07 Rispondi

    Un aspetto non invitante…di più! Quel colore acceso e lucido, quei semini….e quell’aggiunta di limone. Io adoro le confetture.
    Mi piacciono perfino più della cioccolata, pensa.
    Mi piace la sera coccolarmi con un cucchiaino delle confetture di mia mamma.
    Che meraviglia…sai che stupenditudine farci delle crostatine!!
    Adorereiiiii!!!

    Ti abbraccio tanto tesoro.
    Domani volerò a Milano per qualcosa di molto importante.
    Fai il tifo per me!
    Ti racconterò.
    Un abbraccio stellare.
    Tvtb

  15. elenuccia 26 maggio, 2014 - 22:11 Rispondi

    Quella ciotolona ricolma di fragole marinate è talmente invitante che non so se riuscirei al resistere dal farla fuori tutta prima ancora di averci fattola marmellata, Comunque la tua confettura ha veramente un aspetto delizioso, cremosa ma non liquida. E il colore è stupendo

  16. Angela 26 maggio, 2014 - 22:12 Rispondi

    Fantastica la confettura di fragole, assieme a quella ai frutti di bosco è la mia preferita. L’hai raccontata come sempre con grande maestria e passione. Sei una grandissima Simona e il tuo sito è davvero un punto di riferimento. Bacioni grandi

  17. ely mazzini 26 maggio, 2014 - 22:37 Rispondi

    Ti ammiro moltissimo cara Simona, non so come fai a fare dei passo passo sempre così perfetti e curati, per me sono preziosissimi… imparo sempre un sacco di cose :))
    Fantastica questa confettura di fragole, la consistenza e il colore sono perfetti, immagino il profumo e l’aroma…deliziosi!!! Bravissima!!!
    Un bacione, a presto…

  18. Cristina 26 maggio, 2014 - 23:53 Rispondi

    Di recente ho fatto la confettura di fragole ed aceto balsamico. Peccato che questo tuo post sia arrivato dopo perchè avrei usato il limone al posto del fruttapec. Ma me ne ricorderò per quelle di lamponi e mirtilli che farò prossimamente. Sono ammirata dalla quantità di dettagli preziosi del procedimento che hai descritto. Sono cose che sapevo ma le ho date per scontate nel mio post e me la sono sbrigata in poche righe. Ma chi non ha mai fatto una confettura tutte le cose che hai scritto non le sa e sono fondamentali ! Sei sempre impeccabilmente perfetta !

  19. susy 27 maggio, 2014 - 06:28 Rispondi

    Amo le confetture fatte in case, anche solo per il profumo che emanano quando le si cuoce, come questa di fragole che hai preparato tu!!!
    Un salutone Susy

  20. notedicioccolato 27 maggio, 2014 - 06:38 Rispondi

    Che colore meraviglioso Simona, la tua marmellata si mangia anche con gli occhi da quanto è bello quel rosso vivo. E la fetta sembra lì pronta giusta giusta per la colazione :)
    Mi salvo tutti i tuoi preziosissimo consigli, non ho mai fatto la marmellata di fragole ma se riesco a trovarne di buone mi lancio . Un bacione tesoro, buona settimana

  21. Lo Ziopiero 27 maggio, 2014 - 10:59 Rispondi

    Bravissima!
    La “marmellata” di fragole non è tra le più semplici.

    Curatissimo, come sempre, il passo passo, ricco di fotografie e spiegazioni.

    Mi ripeto: bravissima! :)))

  22. Roberta Morasco 27 maggio, 2014 - 11:13 Rispondi

    Simo!!!! Ma lo sai che la marmellata di fragole è in assoluto la mia preferita!!!! Me li salvo tutti i tuoi consigli che ho davvero intenzione di farla appena ho un attimo di tempo!!!
    Sei bravissima, i tuoi post passo passo con tutte queste informazioni sono incredibili amica, ti ammiro tanto!!!
    Un abbraccio!!! Roby <3

  23. damiana 27 maggio, 2014 - 12:10 Rispondi

    Chiamarla”marmellata”da molte più soddisfazioni,anche se già il solo colore e consistenza rende giustizia alla tua preparazione!Come al solito sei stata così precisa,che sbagliare sarebbe da vere “mbranate”,quindi grazie cara per questa delizia…buona e con un procedimento infallibile(per le conserve,i dettagli non sono mai troppi)!
    Un bacione tesoro!

  24. aria 27 maggio, 2014 - 17:58 Rispondi

    la mia preferita in assoluto anche se , in generale, tutte le confetture erano per me cibi speciali, avrei vissuto di pane e marmellata (e burro ihihi) non so perchè l’allergia mi abbia puntio così…queste foto sono paradisiache! la farò ai miei bambini però…ti abbraccio stretta!

  25. Elly 28 maggio, 2014 - 13:09 Rispondi

    Quante cose imparo leggendo il tuo blog Simona e mi metti sempre tanta serenità e voglia di preparare cose nuove. La marmellata di fragole dovrei tentare di farla, perché io abito in terra di fragole e tra poco saremo inondati di cassette che vendono a buon mercato per la grossa produzione che ci sta da queste parti!!! Sicuramente quest’anno rifarò uno spumone da gustarmi poi a Natale… ma questa vorrei non perdermela!! Fantastica! Bacio!

  26. Ale - Ricette Di Cultura 28 maggio, 2014 - 14:14 Rispondi

    Simona cara, la confettura di fragole è proprio una delle mie preferite…certo che apprezzo anche i frutti di bosco, ma per ovvie ragioni di reperibilità dei frutti, tra quelle che preparo in casa, quellla di fragole è la preferita…ho provato anche ad aromatizzarla con l’anice stellato! Quest’anno voglio provare questa tua marinatura, che io di solito non faccio! ti abbraccio forte forte! :-*

  27. simo 28 maggio, 2014 - 17:44 Rispondi

    Simo, sei la precisione fatta persona, un post da manuale complimenti!!!!!!! E nella foto della fetta di pane…beh, ci credi che mi ci tufferei dentro?
    Bacioni!!!!!!!!

  28. Gabila 28 maggio, 2014 - 19:36 Rispondi

    Sapevo che avrei letto un post ricco e pieno di dettagli, adoro il tuo modo di scrivere e tu ormai sei un punto di riferimento importante sia per me che per il resto dei tuoi lettori…sempre meglio…sempre!!!!!

  29. chiarapassion 28 maggio, 2014 - 20:55 Rispondi

    Ogni volta mi incanto nel guardare le foto, nel vedere i dettagli e soprattutto nel leggere le tue spiegazioni super dettagliate e precise. Simo sei veramente bravissima e la tua marmellata bella lucida e dalla consistenza perfetta è uno spettacolo!

  30. Taccuino di cucina 28 maggio, 2014 - 21:06 Rispondi

    Che voglia che mi hai fatto venire di preparare questa confettura di fragole… penso proprio che il tempo che prende la preparazione viene ampiamente ricompensato da ogni singolo cucchiaino che mangiamo! Le foto sono davvero bellissime, piene di luce!
    Un abbraccio
    Sandra

  31. Terry 28 maggio, 2014 - 21:34 Rispondi

    Io adoro la marmellata di fragola. Simona sei stata precisa nei tuoi consigli e suggerimenti. Ultimamente trovo che le tue ricette o i tuoi post abbiamo raggiunto una completezza di informazioni davvero considerevele. Grazie tesoro, grazie per tutti i consigli preziosi che ci hai dato. Ti mando il mio indirizzo, mi doni un vasetto della tua confettura di fragole? Ahahhahhhh scherzo! Avrei voluto vedere la tua faccia … Ti abbraccio forte forte amica mia. Buona serata

  32. adaparisi 28 maggio, 2014 - 23:26 Rispondi

    Ok. Ora ufficialmente mi vergogno, perchè ho fatto la marmellata di fragole qualche giorno fa e ho scritto il post in 10 minuti scarsi, mentre vedo che tu hai approfondito la materia come l’Enciclopedia Treccani. Che dire? che consiglierò a chi guarda la mia ricetta della marmellata di fragole di venire a leggere la tua… Bacioni cara
    Ada

  33. Chezuppa 29 maggio, 2014 - 10:11 Rispondi

    Quando ero più giovane, diciamo così, provai a fare in casa la marmellata. Ero felice.
    Poi ho visto il risultato e felice non lo ero più. Dura come il marmo… eccesso di zucchero, finita nel pattume! :D

  34. Clara pasticcia 30 maggio, 2014 - 12:04 Rispondi

    Simo <3 eccomi eccomi eccomiiiiii!!! Periodo super incasinato questo e poi sono stata anche via…ma poi c'è stato anche il rientro…insomma, un affanno! Non sono riuscita a lasciarti altri saluti e me ne dispiace, ma sappi che ho ammirato ad esempio il post sulla sterilizazione dei barattoli. Mi hai tolto mille dubbi!! E questa marmellata santa pace che visione!! Insieme ai pan goccioli è nella mia to do list! un grosso grosso bacione speciale e spero tu riesca a ritagliarti dei giorni di vero relax <3

  35. la cucina di Molly 1 giugno, 2014 - 18:37 Rispondi

    Mamma mia che buona, rossa e profumata! Grazie per la spiegazione dettagliata, complimenti! Devo provarla senz’altro! Un abbraccio!

  36. Vera Agostini 7 giugno, 2014 - 10:24 Rispondi

    Ma, scusa, Simona, dei limoni si può prendere anche la parte bianca o no? Ho intenzione di farla domani e non vorrei rovinare tutto. Grazie. Vera

    • 7 giugno, 2014 - 11:55 Rispondi

      Buongiorno Vera:* dei limoni (1 e mezzo) ti occorre il succo ben filtrato e la scorza che affetterai in bucce piuttosto grosse e sottili, se capita poca parte bianca non fa niente, l’importante è che ci sia la scorza gialla bella dura e di ottima qualità, le bucce rilasciano pectina che serve appunto (insieme alla doppia cottura sia in pezzi che passata) ad ottenere una marmellata di fragole densa e corposa.
      Attenzione che dopo la marinatura (che ti consiglio di lascia 1 giorno) le bucce del limone vanno eliminate e poi procedi alla cottura.
      Tienimi aggiornata sul risultato e se hai dubbi anche in fase di realizzazione non esitare a scrivermi;) a presto!

  37. Vera Agostini 8 giugno, 2014 - 16:31 Rispondi

    Fatta e devo dire che è veramente buona!!!!! Grazie!
    per la ricetta e per i consigli. Ora però voglio chiederti altre tre cose:
    1) perché si deve schiumare? Mi sembrava di togliere tanto buon sapore!
    2) Per qualunque altro tipo di frutta vale il fatto di farla marinare con le bucce di limone o no?
    3) Quando si mettono i barattoli nel forno per finire di asciugarli e quindi sterilizzarli, poi quando si tolgono vanno sempre messi a testa in giù? Grazie ancora Vera

    • 8 giugno, 2014 - 17:05 Rispondi

      Ciao Vera:) sono felice che tu abbia trovato utili i consigli sul procedimento e sopratutto che la marmellata di fragole sia stata un successo… buona pure tiepida vero?:) ti rispondo alle domande numerandole in sequenza:
      1) la schiuma è bene toglierla per favorire una cottura omogenea e non creare troppo stacco tra la parte alta (leggera) che tende a bruciare ed evaporare e quella bassa sul fondo (pesante) che tende ad attaccarsi. Motivo anche per cui, va costantemente girata a fuoco basso ed eliminata la schiuma.
      2) La marinatura con le bucce di limone, può essere prediletta in alcuni casi, ma non è la regola per qualunque tipo di marmellata si va a preparare. Vero che l’acido citrico contribuisce alla conservazione delle marmellate, così come la presenza di pectina nella bucce del limone influisce sulla consistenza finale compatta e non liquida, ma è pur vero che non tutti i tipi di frutta sono poveri di pectina come le fragole, e non tutte le marmellate/confetture si sposano con questo tipo di marinatura; così come, non tutte le marmellate si realizzano con lo stesso quantitativo di zucchero. Seppur di poco, potrebbero esserci delle varianti.
      3) Quando togli i barattoli dal forno puoi tenerli tranquillamente all’aria per qualche minuto e poi procedere con l’invasamento:)
      Grazie a te e a presto:**

  38. Vera Agostini 9 giugno, 2014 - 14:27 Rispondi

    Grazie, sempre tanto gentile. Ah, la marmellata è buona calda, tiepida e fredda! Ne è già sparito più di mezzo barattolo! Ciao e alla prossima

  39. angela 14 maggio, 2015 - 20:34 Rispondi

    ciao ho preparato questa marmellata seguendo tutti i consigli ed è venuta buonissima!!! grazie per la precisione con cui hai spiegato!

  40. isa 23 giugno, 2015 - 11:59 Rispondi

    ho fatto la marmellata di fragoline di bosco, ma purtroppo e rimasta con un retrogusto amaro cosa può essere successo? grazie per la rispsta

    • 23 giugno, 2015 - 12:23 Rispondi

      Ciao Isa, bentrovata:** Immagino… io ogni volta che cuocio le fragoline di bosco anche leggermente in composta, trovo che si crei un retrogusto amaro. In effetti, come specificato anche tra gli ingredienti, questa marmellata è stata studiata e messa a punto esclusivamente per le fragole, le classiche. Se mi avessi chiesto consiglio prima di iniziare, ti avrei sconsigliato assolutamente di rischiare a preparare la marmellata di fragoline di bosco.. un caro abbraccio e a presto!

        • 23 giugno, 2015 - 12:46 Rispondi

          Cara Isa, io posso garantire un risultato ottimale solo per la ricetta di marmellata di fragole che io propongo nel mio blog. Quando descrivo che la marmellata di fragole che verrà fuori sarà perfetta sia in termini di gusto che consistenza, se segui alla lettera la mia ricetta otterrai il risultato promesso. Se cambi gli ingredienti, oppure segui varie ricette a spezzoni, è molto probabile che verrà fuori qualcosa di diverso. Forse dovresti chiedere spiegazioni agli autori delle tante ricette di marmellate di fragoline di bosco che hai letto in giro. Come ti accennavo prima, io non l’ho mai fatta, perchè non mi ha mai convinto il gusto delle fragoline di bosco cotte. Mi dispiace, ma non posso aiutarti! A presto.

  41. Lauretta 9 maggio, 2016 - 18:06 Rispondi

    Ciao, devo farti nuovamente i miei più sinceri complimenti: risultato fantastico!!!!! La marinatura di un giorno ha regalato un profumo unico, che si è’ tradotto in un sapore superlativo! Grazie! Le tue spiegazioni sempre precise, puntuali, dettagliate fanno già intuire profumi, sapori e consistenze!!! È’ veramente un piacere tradurre in pratica i tuoi consigli. Un bacione di cuore e a presto da Lauretta!

  42. GRAZIELLA 13 luglio, 2016 - 23:46 Rispondi

    Ciao Simo, è da un po’ che ti seguo, non ho più dubbi sulla bontà delle tue ricette, così di tanto in tanto ne scelgo una e la faccio. Questa volta è toccato alla marmellata di fragole, favolosa naturalmente, mi chiedevo se facendola con le pesche venga altrettanto squisita… Complimenti ancora e… Alla prossima ricetta