Questo sito contribuisce alla audience di Agrodolce.it
Patè di olive nere - Ricetta Patè di olive nere

Il Patè di olive nere è una preparazione semplicissima, veloce e senza cottura. Una crema davvero golosa per condire e farcire tartine, paste fredde o semplicemente da spalmare su fette pane casareccio, pizza bianca o crostini. Come in ogni preparazione semplice e povera di ingredienti, per la perfetta riuscita della ricetta, sono fondamentali le materie prime che si utilizzano. Per un ottimo Patè, degno di essere chiamato tale, vi suggerisco quindi di scegliere  olive nere fresche di ottima qualità, meglio se di Gaeta. Grazie all'uso questo tipo di oliva non sarà necessario aggiungere olio e il vostro Patè risulterà vellutato, unto e morbido, proprio come quelli artigianali. Le Olive nere di Gaeta sono piuttosto piccole, succose, non troppo dure, si presentano generalmente con il picciolo ancora attaccato e sopratutto hanno sfumature di colore leggermente diverso le une dalle altre che vanno dal viola scuro tendente al nero al viola più chiaro. Diffidate delle olive troppo nere, troppo tonde e troppo perfette, ancora di più di da quelle snocciolate pronte all'uso... in natura i prodotti più genuini conservano piccole imperfezioni e diversità, indicatori questi dell' autenticità del prodotto. Le olive fresche da snocciolare con cura vi garantiranno un Patè dal gusto unico. Potete conservare il vostro Patè di olive in frigo, in un barattolo a chiusura ermetica anche per settimane. 

Tempi di preparazione:
Preparazione: 40'circa
Cottura: senza cottura
Totale: 40' circa

Ingredienti:

Per circa 200 gr di prodotto 

  • 250 gr di olive nere di Gaeta fresche con nocciolo
  • 1 filetto di acciuga sott'olio ( potete aggiungerne un altro se volete un gusto più intenso)
  • 1 spicchio d'aglio
  • pepe macinato al momento (facoltativo)
Procedimento:

In primis procuratevi le olive nere fresche, possibilmente di Gaeta, come vedete, hanno sfumature di colori diverse, sono attaccate al picciolo e hanno dimensioni generalmente piccole ma non uguali.

Tagliatele a metà e privatele del nocciolo:

Olive nere di Gaeta fresche - Ricetta Patè di olive nere

 Questa è sicuramente l'operazione più lunga, richiede un pò di pazienza snocciolare le olive una ad una, ma vi assicuro che la bontà di queste olive vi ripagherà del lavoro fatto.

Quando avrete finito di snocciolare tutte le vostre olive, servitevi di un mixer,  meglio se piccolo, in modo che le olive ci stiano belle strette e possano macerarsi senza disperdersi.

Adagiate nella ciotola del mixer le olive snocciolate, il filetto di acciuga e l'aglio sbucciato e tagliato a metà:

Come frullare il Patè di olive - Ricetta Patè di olive nere

 A questo punto fate partire il mixer, prima a bassa velocità poi a velocità più alta. Di tanto in tanto spegnete, girate e controllate. 

Badate che ci vorrà un pò di tempo prima che le olive si amalgamino in patè. Le bucce devono macerarsi completamente e le olive devono ridursi completamente in crema. A seconda dello strumento che utilizziate il tempo potrebbe variare dai 15' ai 30' .  Ad ogni modo il patè di olive sarà pronto quando si forma una crema priva grumi e pezzetti  e l'olio naturale inizia a salire a galla:

Patè di olive nere appena frullato - Ricetta Patè di olive nere

 Frullate quindi più volte fino ad ottenere un Patè di olive nere vellutato, omogeneo, unto naturalmente:

Patè di olive nere - Ricetta Patè di olive nere

Se gradite macinate del pepe nero poco prima delle ultime frullate. Trasferite dunque in una terrina e utilizzatelo per condire o farcire  e conservate il vostro Patè in frigo, in un barattolo perfettamente pulito a chiusura ermetica in modo che possiate utilizzarlo per qualche settimana.


mi seguite? ci seguiamo?

Follow on Bloglovin

Ricetta e fotografie di

Piaciuta la Ricetta? Resta aggiornato!

Iscriviti al blog e riceverai le prossime ricette gratis nella tua mail.

122 commenti

  1. ely mazzini 15 luglio, 2013 - 08:24 Rispondi

    Ciao Simona, gustosissimo questo patè, mi piace molto, te lo copio sicuramente!!! Grazie per la ricetta presentata sempre in maniera splendida!!! Bravissima!!!
    Bacioni, buona settimana…

  2. federica 15 luglio, 2013 - 08:41 Rispondi

    Ciao Simona, che bella proposta sai che non l’ho mai fatto questo patè? devo rimediare, me lo segno! le foto sono stupenderrime come sempre!!!! Buona settimana!!! ^__^

    • 15 luglio, 2013 - 08:52 Rispondi

      Fede cara buongiorno:** devi rimediare si! tu che ami pizze e lievitati questo patè è perfetto per accompagnare questo tipo preparazioni! sono certa che ti piacerà da morire:) un abbraccio grande e buona settimana a te:)

  3. Patrizia 15 luglio, 2013 - 08:46 Rispondi

    Simo questa tua ricetta del paté arriva al momento giusto! L’unica cosa é che non so se riesco a trovare le olive di Gaeta. Grazie dell’idea. Buona giornata patrizia

    • 15 luglio, 2013 - 08:54 Rispondi

      Pat buongiorno! se vivi al nord Italia è sicuramente più difficile reperire le autentiche olive di Gaeta… potresti provare ad ordinarle in uno spaccio di fiducia oppure ovviare con olive nere fresche, che siano succose e morbide affichè il patè risulti più naturale possibile:) buona giornata a te:**

  4. Babe 15 luglio, 2013 - 09:11 Rispondi

    Lo sai cosa hai fatto?
    MI hai dato la ricetta per una delle cose che amo di più al mondo!
    In effetti la mia unica difficoltà è reperire le olive ma al mercato in settimana c’è una bancarella specializzata.
    Ci spedisco l’omone la prima volta che fa un turno tardi! ^.^
    Bacini splendore

    • 15 luglio, 2013 - 09:19 Rispondi

      Mi fa piacere tesoro:* La bancarella specializzata è sicuramente una garanzia per l’autenticità delle olive:) sono sicura che gradirete molto! un abbraccio grande a te:)

  5. imma 15 luglio, 2013 - 10:03 Rispondi

    Tesoro sai adoro il patè ma in casa mai fatto e siccome mi fido di te ciecamente ed ho anche le olive giuste, ti copio subito la ricetta e Simo grazie per il commento di oggi nel mio blog e epr la stima..sai dopo il caos del blog eliminato ho avuto la fortuna di conoscere molte blogger nuove e tu sei una di quelle che è entrata dritta nel mio cuore!!Un bacione grande e felice lunedi,
    Imma

    • 15 luglio, 2013 - 14:52 Rispondi

      Imma carissima frequentiamo da poco ma ti ho sempre seguita con grande ammirazione, sono felice che questa stima sia reciproca e sopratutto che un evento negativo come l’eliminazione del blog mi abbia fatto avvicinare a te:* ricambio con grande affetto un caro abbraccio:**

  6. sabrina 15 luglio, 2013 - 10:43 Rispondi

    Carissima! Niente di più stuzzicante sopratutto d’estate, veloce e versatile ma sopratutto sfiziosa. Grazie di avercela proposta a volte ci si dimentica di cosa si può fare in poco tempo

  7. susy 15 luglio, 2013 - 10:44 Rispondi

    Mi piaccino queste ricette semplici e versatili, buone anche su di una fetta di pane.
    Una buona giornata Susy
    P.S.Grazie per i commenti che mi lasci nel mio blog, mi fanno sempre piacere….

  8. Claudia 15 luglio, 2013 - 11:32 Rispondi

    Ciao Simo!!!! si sta bene al mare???? a Roma fa un caldo da schiattare!!!! Buonissimo il patè.. è vero si che le olive devono essere ottime.. e quelle di gaeta lo sono appunto!!! Non sapevo ci volesse anche il filetto di acciuga.. chissà che buono sto patè!!! smack e buon lunedì :-)

    • 15 luglio, 2013 - 15:00 Rispondi

      Tesoro il filetto di acciuga dona un aroma intenso e particolarmente goloso al patè, anche se non li amo particolarmente qui ci stanno proprio bene:)
      Al mare si sta bene! oggi sono a casa e ho approfittato per postare una ricetta… comq si sta abbastanza freschi, venticello misto a sole… la sera devo dire un pò afoso e zanzare! argh! ti abbraccio gioia:*

    • 15 luglio, 2013 - 15:01 Rispondi

      Concordo simo… a meno che non parliamo di preparazioni artigianali allora sì, forse un minimo di paragone ci potrebbe stare… ma la genuinità home made è sempre la numero 1! un abbraccio a te:*

  9. Ale - Dolcemente Inventando 15 luglio, 2013 - 13:13 Rispondi

    simo anche un paté di sempilci olive nere riesci a renderlo speciale…perché oltre alle foto, ci sono le tue spiegazioni dettagliate e tanto utili! Grazie cara, spero di conoscerti presto!
    ps. goditi Napoli nche da parte mia!

    Un bacione!
    Ale.

    • 15 luglio, 2013 - 15:04 Rispondi

      Grazie mille dolcissima Ale:* sono felice che le spiegazioni dettagliate siano utili e rendano l’idea della preparazione… Finalmente vacanze!:)) un abbraccio grande in attesa di dartelo dal vivo:**

  10. elenuccia 15 luglio, 2013 - 13:18 Rispondi

    Ciao SImo buon lunedi’. Sai che sono rimasta incantata davanti alla foto? bellissima e la luce e’ magnifica. Non ho mai fatto un pate’ di olive e mi hai fatto venire una voglia matta di provare

    • 15 luglio, 2013 - 15:05 Rispondi

      Ele devi assolutamente rimediare! è una preparazione che merita… poi è davvero molto semplice, oltre che squisito… Grazie mille per i complimenti… le luci estive sono fantastiche… bacione!

  11. m4ry 15 luglio, 2013 - 13:29 Rispondi

    Tesoro buongiorno :)) Quanta pazienza che hai avuto..però, che risultato meraviglioso ! Adoro le olive di Gaeta, ed è vero, hanno un sapore particolare e una consistenza troppo buona. Il paté d’olive a me piace tanto, lo amo anche per condirci la pasta.
    Spero che le tue giornate stiano trascorrano felici e serene..io sono presa da 1000 cose, e in balia del tempo ballerino..ora, ad esempio, è scoppiato un temporale..
    Ti abbraccio <3

    • 15 luglio, 2013 - 15:07 Rispondi

      Si tesoro un pò di pazienza ci vuole… le olive devono completamente macerarsi e non è immediato… ma la soddisfazione è davvero tanta! anch’io ci condisco la pasta… infatti ne ho preparata una versione proprio prima di partire… la pubblicherò nelle prossime settimane:)
      Tesoro mio tieni duro!! so che riuscirai a fare tutto… per il tempo purtroppo quest’estate va così… un’alternanza continua di bello e cattivo tempo!
      ti abbraccio stellina:*

  12. Michela 15 luglio, 2013 - 13:40 Rispondi

    Ciao Simo!! le olive nere sono troppo buone e in paté mi piacciono moltissimo, con l’unica variante che io non uso le acciughe, una delle pocchissime cose che non mangio :(
    Qualche giorno fa ho fatto una cena e l’ho usato per decorare delle bruschette…buonissimo!

    Spero che tu ti stia riposando nei tuoi “luoghi”, per tornare ancora più energica.

    Ti mando un abbraccio e ti ringrazio, come sempre, per tutto :))
    :* :* :*

    • 15 luglio, 2013 - 15:10 Rispondi

      Miki sorrido perchè anch’io non mangio le acciughe… una delle poche cose che non mi piace molto, ma in questa preparazione devo dire che ci stanno, donando un accento aromatico pur non invadendo il sapore delle olive fresche! ottimo sulle bruschette:)
      Finalmente mi sto riposando al mare.. anche se ogni tanto facciamo qualche pausa tipo oggi… per commissioni e spese varie:)
      Grazie a te bacioni:**

  13. Francesca 15 luglio, 2013 - 13:57 Rispondi

    Toc toc, busso con un bel filone di pane cotto a legna, ideale per tante bruschette e per il tuo patè! E se avanza, via di pasta fredda, è ottimo! Insomma, quando si fa convengono dosi abbondanti perchè almeno si gode in più modi… :-)
    Buona estate Simona e un abbraccio!

  14. lory 15 luglio, 2013 - 14:53 Rispondi

    ma che buono!!!!!! mi piace moltissimo il patè e confesso che lo acquisto già fatto, ma con la tua ricetta proverò sicuramente a farlo!!!!! sei grande!!!!!!! un bacione e buonissima settimana!!!!
    grazie sempre per i tuoi dolci commenti al mio blog
    Lory

  15. Simona 15 luglio, 2013 - 15:53 Rispondi

    bravissima davvero !!!! non ho mai provato a fare il patè in casa… ma da questa tua spiegazione non sembra neanche troppo complicato ! Appena trovo delle belle olive lo faccio intanto salvo la ricetta ! a presto

  16. Simona 15 luglio, 2013 - 18:50 Rispondi

    Simo quella fettina di pane in primo piano mi fa veramente impazzire…non so cosa darei per averla qui ora spallata con il tuo fantastico pate’!!!:)
    Per me ancora qualche settimana di lavoro e poi finalmente vacanze!!!!! Quest’ultimo mese è stato parecchio intenso ma da fine agosto tornerò con tante nuove ricette! Un bacione cara e buon mare!!!

    • 16 luglio, 2013 - 22:25 Rispondi

      Dai tesoro allora manca poco! e così tra relax e vacanze potrai coccolati anche con qualche delizia in cucina:) questo patè è semplicissimo e veloce e sulle fette di pane è speciale:*
      Grazie mille cara simo ti abbraccio tanto

  17. Claudia 15 luglio, 2013 - 21:55 Rispondi

    Io penso di essere affetta da una rara forma di dipendenza da olive:) a parte gli scherzi al patè forse preferisco la tapenade, ma se c’è l’olivina non dico mai di no!
    Un bacione Simo e a presto:*

    • 16 luglio, 2013 - 22:28 Rispondi

      Claudia anche la tapenade è buonissima! in realtà gli ingredienti sono molto simili solo che a differenza del patè è meno cremoso e ci sono i pezzettini… se ti piacciono le olive nere prova anche questo che il patè home made merita:* un bacione a te dolcezza:*

  18. giovanna bianco 15 luglio, 2013 - 22:40 Rispondi

    Ti ringrazio per il commento e per il tuo sostegno. Cambiare indirizzo, piattaforma, non è stato e non sarà facile ed è bello sapere di poterci contare su qualcuno!!!!
    Il patè di olive non può mancare nelle nostre cene estive. Molto, molto stuzzicante!!!!!! Un abbraccio.

    • 16 luglio, 2013 - 22:30 Rispondi

      Giovanna carissima immagino che non sia stato facile cambiare e rivoluzionare tutto, ma sono sicura che riuscirai piano piano a gestire al meglio cambiamenti e nuova piattaforma! per qualunque cosa io ci sono è un piacere:*
      Sì il patè un must estivo che risolve cene, aperitivi e pranzetti veloci… versatile e abbinabile:) ti abbraccio tanto:*

  19. Candida 15 luglio, 2013 - 23:36 Rispondi

    Non ho mai preparato il patè in casa, ma dopo questa spiegazione così dettagliata e le belle foto non posso esimermi dal farlo! E poi è così stuzzicante gustato con una una fetta di buon pane, anche quello fatto in casa! Grazie Simo! Un bacio, Candida

  20. Vica 16 luglio, 2013 - 10:03 Rispondi

    Ciao Simo,
    un paté decisamente gustoso e dal gusto forte.. (come piace a me) ;) Io avrei aggiunto anche peperoncino fresco piccante.. (esagerata vero?) :) Cmq pure tu sei una perfezionista come me ed è anche per questo che ti adoro!!! (con la differenza che tu sei più brava)
    Ti auguro tesoro buon proseguimento e divertiti anche per me ♥

  21. kiarina 16 luglio, 2013 - 13:58 Rispondi

    Leggere il tuo bel commento mi ha fatto non bene, di più!!!! Certe parole dette da te assumono un’altra piega!!!! Tu sei bravissima, io potrei solo essere la tua brutta copia ma grazie lo stesso dei dolci pensieri…e sono felice di averti strappato un sorriso!!! Adoro scucire sorrisi alle persone!!!! Grazie anche per questo… un abbraccio…
    Ah, beh, certo, è scontato il complimento per la tua meravigliosa ricetta…ehehehehe…sembra una banalità ma io come fare un patè proprio non lo sapevo!!!!! ;-D

    • 16 luglio, 2013 - 22:48 Rispondi

      Kiara ribadisco quello che ho scritto… sei una persona solare, positiva, allegra e simpatica oltre che bravissima… e io sono troppo felice di averti conosciuto!! Grazie mille a te e un abbraccio:**

  22. lalla 16 luglio, 2013 - 23:46 Rispondi

    Sta a fagiolo per questo mio periodo un pò refrattario a tutto.
    Hai idea di come ci potrebbe stare questo patè fatto in casa su pezzetto di pane ad accompagnare il mio aperitivo ?
    Mitico!

  23. Elly 17 luglio, 2013 - 00:18 Rispondi

    Questo lo considero un puro caso di telepatia. Stasera prima di rientrare a casa mi sono fermata a comprare le olive di gaeta per una ricetta che devo fare per il regionale. Ma ho … abbondato, perché volevo preparare anche un po’ di patè di olive. Io per prepararlo o uso le gaeta o le taggiasche, che adoro… E qui che ti trovo? una bella idea nuova per me. Non ci ho mai messo l’alice. Adesso devo assolutamente provare!!! Tentatrice! Bacione.

    • 23 luglio, 2013 - 10:06 Rispondi

      Carissima questa si che è telepatia! il patè di olive è talmente buono e versatile! ottimo anche con le taggiasche… prova la nota d’acciuga… sono sicura che ti piacerà:* bacione Elly:*

  24. Emanuela 17 luglio, 2013 - 10:09 Rispondi

    Hai ragione, le olive buone sono quelle “autentiche”, col nocciolo…ma ammetto che a volte per praticità faccio ricorso a quelle già denocciolate…
    E’ bellissimo il tuo patè idea estiva stuzzicantissima! ;)
    Un bacione cara!

  25. Tatiana 17 luglio, 2013 - 12:34 Rispondi

    Ancora una volta proponi una ricetta interessante e azzeccata per la stagione. Immagino questo patè su il mio pane toscano, tra una fetta di salame e una di pecorino…un aperitivo sostanzioso ci vuole, non sempre fingers belli ma insapori! baci Simo, è sempre un piacere seguirti!

    • 23 luglio, 2013 - 10:11 Rispondi

      Eh tesoro con salame e pecorino dev’essere troppo una delizia! il pane toscano l’ho scoperto da poco ed è perfetto con ingredienti saporiti visto che non ha sale! fantastico! grazie mille tati un bacione:**

  26. la cucina di Molly 17 luglio, 2013 - 17:28 Rispondi

    Adoro il patè di olive, ma non ho ancora provato a farlo! La tua ricetta mi ispira molto, me la segno! Un bacione grande!

  27. Roberta 18 luglio, 2013 - 15:56 Rispondi

    Ecco come rendere un patè di olive nere non solo un’eccellenza, ma anche una poesia! Tesoro mio, tu con le parole giochi libera come con gli ingredienti, sei spettacolare!
    Ti abbraccio e ti penso!!!

    • 23 luglio, 2013 - 10:17 Rispondi

      Gioia bella sono felice che il mio modo di far cucina e di raccontarla ti arrivi regalandoti belle emozioni… sai che la stima è reciproca… grazie di cuore e un bacio immenso:*

  28. nahomi 18 luglio, 2013 - 22:17 Rispondi

    amo le olive di gaeta, e compro sempre e solo quelle…ma sono proprio pessima se ti dico che il patè lo compro di solito!!! però devo provare a farlo dalla tua fotoricetta ho capito che è veramente semplice.
    a presto Nahomi

    • 23 luglio, 2013 - 10:19 Rispondi

      Naohomi sono sicura che quando proverai questo fatto in casa non tornerai più indietro! se ami e sopratutto non trovi difficoltà ad acquistare le olive di gaeta devi provarlo è semplicissimo come vedi:* un bacione grande!

  29. sandra 21 luglio, 2013 - 05:24 Rispondi

    Sembra facile…però certi risultati si ottengono solo se c’è passione , attenzione e talento e tu, sopratutto talento, ne hai , oh se ne hai..è una delizia questo paté !
    Bacioni tesoro e grazie per questa ricetta perfetta ♥

  30. Lidia 21 luglio, 2013 - 11:03 Rispondi

    Ciao Simona l’ho fatto venerdì proprio con le olive di gaeta che suggerisci! buonissimo!! niente a che vedere con quelli comprato è piaciuto molto anche a mia suocera che ha sempre qualcosa da appuntare. L’ho messo nel barattolo quattro stagioni in frigo e oggi ci condiamo la pasta, grazie per le ricette fantastiche
    Lidia

  31. simmy 21 luglio, 2013 - 12:36 Rispondi

    cara simo..grazie per le parole di incoraggiamento..non credo che ci riproverò più..continuerò di sicuro con il blog appena potrò..un abbraccio grande simmy
    ps il patè di olive è davvero magnifico la foto poi sembra ivogliare all’assaggio un bacio

  32. Vaty 21 luglio, 2013 - 20:01 Rispondi

    Tesoro, questo paté e proprio speciale sai? Grazie x il consiglio sulle olivi, d’ora in avanti, le cercherò proprio di gaeta! Stellina, come sempre la foto principale e’ da rivista! Meraviglioso quel pane così.. <3

    • 23 luglio, 2013 - 10:55 Rispondi

      Grazie mille amica mia:* sono sicura che le olive le troverai divine! e grazie di cuore per i complimenti, sai che detto da te è un grande onore:** ti abbraccio amica speciale:*

  33. Anna 23 novembre, 2015 - 01:13 Rispondi

    per olive nere fresche intendi le olive cosi come raccolte dall’albero e non trattate in alcun modo cioè non olive in salamoia? ho inteso bene? grazie per l’attenzione che vorrai dedicarmi. un abbraccio Anna

    • 23 novembre, 2015 - 07:13 Rispondi

      Ciao Anna buongiorno:* per realizzare un ottimo patè di olive, gustoso e profumato sono necessarie le olive fresche nere di Gaeta che si vendono sfuse e si comprano a peso, in salumeria o in qualunque reparto di gastronomia dei supermercati. che si distinguono da quelle in barattolo o in lattina che sono piene di conservanti :) un abbraccio a te e tienimi aggiornata sul risultato!:**