Questo sito contribuisce alla audience di Agrodolce.it

Pasta per Pizza (Versione Veloce)

Pasta per Pizza - Impasto per Pizza lievitato- Ricetta

La Pasta per Pizza in questo caso Versione Veloce è uno di quegli impasti di base, indispensabili in cucina per preparare golose pizze condite o ripiene, pizzette, panzarotti, calzoni... Esistono molte versioni: con lievito madre, a fermentazione naturale, al 100% di idratazione, col Poolish e pochissimo lievito fresco . In questo caso, la preparazione è molto più semplice, motivo per cui parlo di Pasta per pizza (Versione Veloce), perchè è realizzata con un impasto diretto (quindi senza poolish, lievitini o preimpasti), senza l'aiuto dell'impastatrice, solo con l'ausilio delle mani, senza grosse lavorazioni, senza incordare l'impasto e senza ore troppo lunghe di lievitazioni.. insomma una Pasta per pizza veloce, da realizzare in casa facilmente e alla portata di chiunque. Il cui risultato vi sorprenderà per morbidezza e gusto. Infatti in questo caso, meno si lavora l'impasto, più soffice sarà il risultato. Diversa dunque dalla Pizza alveolata, areata e incordata, in questo caso la trama si presenterà fitta, morbidissima e briochiosa...

Tempi di preparazione:
Preparazione: 15' + 2h di lievitazione
Cottura: (cfr fine articolo)
Totale: 15' + 2h di lievitazione + (cfr fine articolo)

Ingredienti:

Per 4 persone (1 teglia da forno classica)

  • 500 gr di farina '00
  • 270 gr di acqua tiepida
  • 12 gr di lievito di birra fresco
  • 3 cucchiai di olio extravergine
  • da 8 -10 gr disale
Procedimento:

In una ciotola capiente disporre la farina a fontana con al centro il cubetto di lievito di birra:

Porre il lievito nella farina a fontana - Ricetta Pasta per Pizza

 Versate metà dell'acqua tiepida a filo sul lievito (l'acqua non deve essere caldissima altrimenti rischiate di bruciare l'impasto: l'acqua tiepida aiuta la lievitazione l'acqua troppo calda la blocca). Sciogliete il lievito con le mani completamente:

Aggiungere acqua tiepieda sul lievito e scioglierlo con le mani - Ricetta Pasta per Pizza

Versate l'olio e aggiungete il sale:

Aggiungere l'olio - Ricetta Pasta per Pizza

  In questa fase dell'impasto dovete esclusivamente amalgamare tutti gli ingredienti. Iniziate dal centro: con una mano impastate inglobando piano piano la farina, dall'esterno verso  l'interno,  con l'altra mano, versate a filo  la restante acqua:

Impastare e aggiungere l'acqua a poco a poco - Ricetta Pasta per Pizza

Continuate ad impastare grossolanamente fino a quando tutti i liquidi non saranno ben assorbiti:

Impastare nella ciotola tutti gli ingredienti - Ricetta Pasta per Pizza

l'impasto deve risultare morbido, capovolgetelo su una spianatoia di legno e impastate.

Come Impastare la Pizza a mano?

Velocemente ed energicamente  generalmente:

1)affondate il palmo della mano al centro della pasta

2)allungate il panetto solcandolo con il palmo energicamente

Impastare sulla spianatoia - Ricetta Pasta per Pizza

3)arrivati all'estremità  del panetto, curvate il dorso della mano e con la punta delle dita sollevate l'impasto,  ripiegatelo su se stesso sbattendolo con forza sulla spianatoia

4)affondate di nuovo il palmo al centro dell'impasto ripetendo l'operazione energicamente 5-6 volte fino a quando non avrete ottenuto un impasto che si stacca completamente dalla mani e dal piano di lavoro:

Impastare sulla spianatoia- Ricetta Pasta per Pizza

 L'impasto della Pizza è molto veloce. una volta ottenuto un panetto liscio ed elastico in pochi movimenti fermatevi! non continuate ad impastare. la pasta NON deve incordarsi. Formate un palla e lasciatela riposare coperta da una pellicola a contatto  lontano da correnti d'aria, per circa 2 h:

Formare una palla e coprire con una pellicola - Ricetta Pasta per Pizza

Consiglio la pellicola al posto del panno per coprire l'impasto perchè la pellicola disposta a contatto sulla Pasta per Pizza non lascia passare l'aria questo impedisce la formazione della crosticina sull'impasto e favorisce la lievitazione.

Consigli per la lievitazione della Pasta per Pizza:

la lievitazione è una fase importantissima che determina la buona riuscita della pizza; quindi è necessario seguire una serie di accorgimenti per favorire una lievitazione graduale e produttiva. Come prima cosa coprite il panetto con una pellicola a contatto con l'impasto, non sballottatelo e cambiate continuamente il posto di lievitazione, lasciate riposare la pasta tranquillamente in un luogo asciutto e lontano da correnti d'aria e sbalzi di temperatura.  La temperatura ambiente ottimale per la lievitazione si aggira intorno ai 26°- 28°  ecco che sopratutto nei periodi invernali si ha parecchia difficoltà a far lievitare e raddoppiare - triplicare il volume di paste lievitate. Per ottenere una buona lievitazione anche in periodi freddi lasciate lievitare l'impasto nel forno spento, se lo avete utilizzato da poco ancora meglio, il tepore favorirà la lievitazione della pasta. Ovviamente in quest'ultimo caso attenzione che il forno sia effettivamente spento e valutate bene che la temperatura tiepida ad un massimo di 28°. Se state cucinando, potete posizionare l'impasto nei pressi del fornello,  il vapore delle pentole sul fuoco diffonderanno il tepore necessario per favorire la lievitazione. Attenzione in questo caso che la ciotola si distanzi dai fuochi almeno 8-10 cm. Se non state cucinando potete comunque porre un bagnomaria di acqua sul fuoco basso e ottenere il medesimo risultato. Se avete i caloriferi accesi potete porre l'impasto nei pressi di questa fonte di calore a distanza di almeno 5-6 cm, se invece avete un sistema di riscaldamento a pavimento potete addirittura appoggiare la ciotola per terra.

Quando la lievitazione è ben riuscita?

 1) quando l'impasto al termine delle 2 h triplica il suo volume:

Pasta per Pizza - Impasto per Pizza lievitato - Ricetta

2) quando sollevando la pellicola (fate attenzione a questa operazione, fatelo delicatamente senza sgonfiare l'impasto bruscamente) avvertite un buon profumo, quando l'impasto ha avuto una cattiva lievitazione non profuma ma si avverte un odore  leggermente acidulo, tipico di  lievito  fermentato.

3) quando al tatto la pasta è soffice, areata:

Pasta per Pizza - Impasto per Pizza lievitato- Ricetta

A questo  punto la Pasta per Pizza è pronta per  realizzare Pizze, Pizzette, Bocconcini , Panzarotti, Zeppole, Calzoni...

Cottura della Pasta per Pizza:

Per  le Pizze grandi cotte in forno,  i tempi  di cottura si aggirano tra i 25' -30' tra i 180° per ottenere una pizza morbida e soffice. 15' - 20' a 200° - 220° per una pizza sottile e biscottata. Naturalmente a l'esito varia a seconda della dimensione della pizza e in percentuale dalle prestazione del proprio proprio   a  forno che ciascuno conosce. Ad ogni modo mai più di 30' e mai meno di 15'.

Per i Calzoni ossia Pizze Ripiene piuttosto grandi,  siamo sui 25'  tra i 180° - 200° anche qui le varianti possono essere: il forno che si possiede e la farcia del ripieno. Ad ogni modo mai più di 30' e mai meno di 20'.

Nel caso in cui vogliate preparare dei Calzoni fritti, i tempi di cottura si riducono drasticamente: preparate una capiente pentola alta o friggitrice con olio di semi abbondate , aspettate che sia ben caldo ( fate la prova con un pezzetto di pasta per valutare  se l'olio ha raggiunto la temperatura giusta: se sale a galla e si gonfia subito di bollicine l'olio è pronto). Inserite 1 calzone per volta, basteranno pochi minuti per lato. Ricordate che una frittura che si rispetti non è scura, ma ha un colore chiaro - dorato.  Disponete il calzone appena fritto su carta assorbente senza schiacciarlo. Servite ben caldi.

Pizzette, Panzarotti, Zeppole, Calzoni di dimensioni medio - piccole  necessitano di tempi di cottura inferiori. La cottura in forno può variare dai 10' ai 2o' a seconda dalla dimensione, del ripieno e anche del forno. Per la frittura basteranno pochissimi minuti, vi accorgete che il bocconcino o il panzarotto è pronto dalla doratura  della superficie.


Ricetta e fotografie di

Piaciuta la Ricetta? Resta aggiornato!

Iscriviti al blog e riceverai le prossime ricette gratis nella tua mail.

13 commenti

  1. Ro 13 marzo, 2012 - 16:24 Rispondi

    grazie simona! prossimamente proverò a fare la pizza secondo i tuoi consigli mi hai chiarito parecchi dubbi, il primo su come si deve impastare e poi come deve lievitare

    • 16 marzo, 2012 - 13:20 Rispondi

      Ciao Ro, sono felice che la ricetta sia stata utile a chiarire i tuoi dubbi, lo scopo nel mio piccolo è proprio questo.. :) Tienimi aggiornata sul risultato appena lo sperimenti!:*

  2. Anna Maria 7 marzo, 2013 - 13:09 Rispondi

    ciao, la mia ricetta è un pò diversa: 500 gr di farina mezzo pacchetto di lievito di birra 250 ml d’acqua 1 cucchiaino di zucchero e 1 si sale fino. nell’acqua sciogliere il lievito e poi aggingere lo zucchero e la farina piano piano e infine il sale lavorare per poco nella ciotola e coprire con un canovaccio umido far lievitare per 40′ poi sistemare nelle teglie unte d’olio l’impasto mettere la passata, mozzarella e un filino d’olio e lasciare riposare per mezz’ora quindi infornare a 250° per 15′ sono pronte le pizze margherita
    l’impasto

  3. Roberta 22 settembre, 2013 - 20:24 Rispondi

    Ciao,è da un po’ che seguo il tuo blog e ci tenevo a dirti che ho provato la tua ricetta e il risultato è stata una pizza buonissima,soffice e appena erano terminate le 2h di lievitazione la pasta era perfetta,areata e morbida! L’abbiamo sfornata e….OTTIMA! Grazie mille! :*

  4. grazia 4 febbraio, 2014 - 11:52 Rispondi

    ciao,
    vorrei sapere se posso sostituire il lievito di birra con un lievito madre disidratato e di quanto devo variare i tempi di lievitazione. grazie mille e complimenti per le ricette.

    • simona 6 febbraio, 2014 - 21:50 Rispondi

      Benvenuta Grazia:) puoi sostituire il lievito di birra con il lievito madre disidratato, basta che segui le dosi riportate sulla busta del lievito che utilizzi e pareggi il quantitativo in base a 500 gr di farina. I tempi di lievitazione variano di circa 1-1 h e mezza h circa a seconda della stagione, del tasso di umidità e dell’ambiente di lievitazione. Ad ogni modo tu guarda l’impasto: quando ha triplicato il suo volume è pronto. Grazie mille per i complimenti, tienimi aggiornata sul risultato! sei hai bisogno di altri consigli sono a disposizione:)

  5. Antonella 15 maggio, 2015 - 12:37 Rispondi

    Ciao cara questo impasto va bene anche con l’impastatrice? ?? Se si come metodo gli ingredienti??
    GRAZIE MILLE e un abbraccio Antonella

  6. MANUELA 31 maggio, 2015 - 12:55 Rispondi

    Ciao! Volevo avere qualche chiarimento sulla possibilità di congelare l’impasto: quando devo utilizzare l’impasto congelato come devo fare? Aspetto che si scongeli e poi lo utilizzo subito o devo farlo lievitare ancora? Lo congelo a forma di palla nella pellicola o è meglio farne un panetto rettangolare più basso e largo per agevolare lo scongelamento? Grazie mille.

    • 14 giugno, 2015 - 18:27 Rispondi

      Ciao Manuela! Puoi congelare senza problemi la pasta della pizza appena è ben lievitata. Puoi congelarla a forma di palla, avvolta in una pellicola. La scongeli in frigo, piano piano fino a quando non risulta ben morbida, momento in cui stacchi la pellicola e la spolveri leggermente di farina ed è subito pronto all’uso. un caro abbraccio e tienimi aggiornata sul risultato :**

  7. Elena 30 luglio, 2016 - 14:14 Rispondi

    Ciao Simona,
    Buonissima la tua pizza, ma come faccio se nn ho lievito di birra? Posso usare la birra? E se si in ke quantità e quanto dovrò lasciarla lievitare?
    Grazie
    Elena