Questo sito contribuisce alla audience di Agrodolce.it

Scegliere Posate, Piatti e Bicchieri giusti

Scegliere Posate, Piatti e Bicchieri giustiScegliere Posate, Piatti e Bicchieri giusti per una cena formale o informale che sia, un party, una cena tra amici...  non è sempre semplice e immediato; fermo restando che la regola principale è il gusto personale, qui di seguito troverete alcuni consigli utili per scegliere gli accessori  giusti da abbinare alla vostra tavola in tutte le occasioni.

Le posate da scegliere: Per tutte le grandi occasioni le posate d'argento sono la scelta numero uno. Va bene il servizio di famiglia, magari in stile. Sono bellissimi i manici in porcellana smaltata e, se la cena è a base di cacciagione, sarebbe raffinatissimo usare quelle con il manico in corno. Per una cena modern chic con poche persone sono molto innovative posate in acciaio satinato e wengè.

Per una perfetta cena con gli amici vanno benissimo le posate in acciaio inossidabile, più resistenti e pratiche da lavare. Sono eleganti quelle con dettagli satinati e spiritose quelle con i manici colorati in metacrilato trasparente. L'importante è non mescolare i servizi. Evitare assolutamente di usare posate di plastica, se non durante party di bambini.

I Piatti, forme e colori: Sempre più trendy è l'utilizzo di piatti dalle forme particolari, rispetto al tradizionale piatto tondo (che va sempre bene); le scelte variano in base alla presentazione del cibo e alla valorizzazione degli ingredienti.

Piatti quadrati: sono ideali per presentare il cibo in forme quadrate, rotonde o a rombo, con la possibilità di presentare l'ingrediente principale al centro (per esempio una lasagnetta quadrata disposta a rombo o uno sformatino di riso rotondo) usando gli angoli per quattro diversi condimenti. Viceversa, potete collocare al centro il condimento comune (per esempio un burro aromatizzato) e utilizzare gli angoli per collocarvi quattro differenti versioni dell'ingrediente principale (per esempio quattro ravioli con diversi ripieni)

Piatti rettangolari: questi piatti (vanno bene anche quelli ovali) sono indicati per i "tris" e per le ricette che prevedono che i diversi ingredienti vadano consumati in un preciso ordine (per esempio tre diversi filetti di pesce in un crescendo di sapore); oppure per presentare piattini o coppette più piccole all'interno del piatto (per esempio una coppetta rotonda per l'intingolo e poi una tagliata di filetto di manzo).

Nello scegliere colori e materiali tenete sempre presente che il piatto giusto non è tale in se stesso ma in relazione al tono della serata, allo stile della tavola e al menu: per una cena molto formale i classici piatti di porcellana bianca, magari impreziositi da una riga d'oro o d'argento, sono sempre la soluzione più indicata per andare sul sicuro; quando servite un menu rustico, utilizzate un servizio in terracotta o addirittura servire le pietanze su piatti fatti di pane o focaccia in stile medievale; se utilizzate piatti colorati, volendo anche di vetro, scegliete colori che permettano di valorizzare, per contrasto, il colore del cibo (per esempio un piatto rosso per uno sformato di peperoni rossi su salsa gialla allo zafferano); per una cena informale e spiritosa potete anche utilizzare, alternati, piatti di due colori diversi purché in tinta unita; se li avete potete anche usare i piatti decorati da collezione: per esempio quelli con le allegorie dei mesiper una cena di inizio dell'anno, oppure quelli di artigianato locale per una cena con menu regionale. Colori come il nero, tradizionalmente poco utilizzati per i piatti, sono sempre più spesso utilizzati dai grandi chef, creando raffinate combinazioni con i cibi, per richiamo (con nero di seppia o fagioli neri) o per contrasto (con il giallo dello zafferano o con il rosso del pomodoro).

Come scegliere i bicchieri: I bicchieri vanno scelti in base al tipo di vino e al suo invecchiamento:

 Flute : ideale per Champagne, Metodo classico, Metodo Charmat - Spumante, Prosecco - (nelle tipologie: secco, bianco, rosato, rosso). È un bicchiere alto dalla forma slanciata e con il gambo sottile. Ha un'imboccatura circolare e stretta che limita la possibilità dell'aria di ossigenare il vino: gli spumanti secchi hanno bisogno di rilasciare lentamente l'anidride carbonica.

Sauvignon : ideale per Bianco novello, Bianco leggero, Rosato leggero.(nelle tipologie: fermo o mosso, frizzante, secco, amabile, dolce, semiaromatico, aromatico) Di media grandezza, ha una forma di tulipano svasato, ma con corolla allargata all'esterno. Con questo bicchiere il vino scivola sui bordi laterali della lingua dove si percepisce, in maggior misura, il sapore dei vini giovani piacevolmente acidulo e sapido. I vini novelli e rosati leggeri vogliono essere serviti freschi, ecco che devono sempre essere serviti in un calice con stelo lungo, ed è proprio nello stelo che vanno afferrati, per non riscaldare il bicchiere.

Chardonnay: ideale per Bianco di corpo, Bianco robusto, Bianco austero. (nelle tipologie: secco, amabile, dolce, fermo o mosso, frizzante,semiaromatico, aromatico, muffa nobile). Bicchiere di media grandezza a forma di tulipano slanciato, chiuso leggermente verso l'alto per consentire un'armonica concentrazione dei profumi. Indirizza il vino nella parte anteriore della bocca, zona privilegiata per la percezione di gusti morbidi e rotondi.

Copita: ideale per Passito, Liquoroso, Aromatizzato. (nelle tipologie: bianco, rosato, rosso, secco, amabile, dolce, semiaromatico, aromatico). Bicchiere di piccole dimensioni a forma di mezzo uovo, per vini passiti e liquorosi che, essendo molto alcolici, si servono in piccole quantità. Una bassa temperatura di servizio inoltre ne attenua la notevole dolcezza. La copita permette quindi di centellinare il vino senza concedergli il tempo diriscaldarsi.

Bordeaux: ideale per Rosso di corpo. (nelle tipologie: secco, amabile, dolce, fermo o mosso, frizzante, semiaromatico, aromatico). La buona capacità di questo bicchiere consente di far respirare il vino e di incanalarlo direttamente nella parte finale della lingua dove si percepiscono meglio le sensazioni amarognole e d'invecchiamento tipiche dei rossi corposi.

Bourgogne o Gran Cru: ideale per: Rosso robusto, Rosso austero. (nelle tipologie: fermo o mosso, secco). Panciuto, di grandi dimensioni e a bordo convesso.L'ampia capacità consente di far respirare efficacemente il vino e di avvolgere il bicchiere tra le mani. In questo modo si innalza gradualmente la temperatura e si liberano più facilmente i profumi complessi dei vini di maggior struttura.

Coppa: ideale per Champagne, Metodo classico, Metodo Charmat, Frizzante, Bianchi, Rosati, Rossi. (nelle tipologie: amabile, dolce, semiaromatico, aromatico). Bicchiere semisferico a forma schiacciata e molto aperta con gambo lungo e sottile. È indicato per gli spumanti dolci o aromatici: l'ampiezza del bicchiere aumenta il contatto del vino con l'aria, diluendo gli aromi e rendendoli più delicati e avvolgenti.

Dolcetto: ideale per: Rosso novello, Rosso leggero, Rosato di corpo, Rosato robusto, Rosato austero.(nelle tipologie: secco, amabile, dolce, fermo o mosso, frizzante, semiaromatico, muffa nobile). Bicchiere di medie dimensioni, a forma di uovo allungato, tronco verso l'apertura. Indicato per vini giovani e profumati che devono essere gustati nella loro piena fragranza: il bordo stretto favorisce la concentrazione degli aromi prima che possano essere attenuati a contatto con l'aria.

Balloon: ideale per Cognàc e Brandy E'un tipo di bicchiere a stelo, a pancia tonda che restringe alla parte superiore. La grande area aiuta a volatilizzare l'aroma del brandy, mentre l'apertura stretta contribuisce ad intrappolare l'aroma della bevanda nel bicchiere. Si impugna appoggiando il calice sul palmo della mano; questo contribuisce a riscaldare leggermente il liquore e quindi anche a sprigionarne l'aroma.

A cura di Simona Mirto

 BibliografiaPril, La cena perfetta; Raffaella Mariotti, art. I bicchieri giusti al posto giusto2002 I vini del Salento, I Bicchieri da Vin

Ricetta e fotografie di

Piaciuta la Ricetta? Resta aggiornato!

Iscriviti al blog e riceverai le prossime ricette gratis nella tua mail.

2 commenti

  1. chiacchiere ai fornelli 11 maggio, 2012 - 12:24 Rispondi

    Cara Simone le tue visite al blog sono sempre graditissime!!!! Bellisssimi i tuoi articoli sulle tavole apparecchiare. Ti auguro un buon fine settimana, a presto le tue amiche Chiacchiere